SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

sabato 1 gennaio 2011

IL VIDEO DELLA SETTIMANA

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Spero che l'anno sia cominciato bene per tutti, anche se vi devo confessare che non ho mai visto un Capodanno così pieno di gente infelice, triste e insoddisfatta come quello appena trascorso... Mamma mia! Deve esserci qualche transito planetario negativo in corso... Speriamo che le cose migliorino per tutti strada facendo. In ogni caso non voglio mancare al mio appuntamento musicale settimale, che questa volta è riservato al compositore gay dichiarato Jon Gilbert Leavitt (qui sotto in una foto di qualche anno fa)...
Nonostante si occupi principalmente di comporre musica per documentari, pubblicità, colonne sonore e produzioni teatrali è un nome ben noto (negli USA) anche al di fuori degli addetti ai lavori, tant'è che - fra i tenti premi di cui può vantarsi - già nel 2001 venne nominato musicista gay dichiarato dell'anno nella prima edizione degli Outmusic (OMA) Awards. Due anni fa ebbe la bella idea di realizzare un pezzo per la celebrazione dei quarant'anni dalla rivolta di Stonewall, che in sei minuti ripercorre tutta la storia della comunità gay moderna (ovviamente dal punto di vista americano). Il suddetto brano è, in parole povere, un elenco dei fatti e delle persone che hanno fatto la storia gay, ma è stato realizzato così bene che è diventato un piccolo cult in tutto il mondo. Magari vi ci siete già imbattuti, ma siccome mi sembra un video di buon auspicio per il decennio appena iniziato (soprattutto alla fine, quando prova a dare una sbirciatina al futuro), ho pensato di inserirlo anche su questo blog per il primo giorno dell'anno. Il video non è quello ufficiale, ma in questa versione (con tanto di karaoke) vi sarà più facile cogliere meglio tutte le citazioni e magari approfondire de ne avrete tempo e voglia...

Non so voi, ma questo brano mi colpisce molto ogni volta che lo risento... E in effetti mi fa riflettere su tante cose (anche sulla concezione di "storia gay" che hanno negli USA e che in Italia manca). In ogni caso vi rinnovo i miei auguri e spero che quest'anno (e questo decennio) ci siano davvero tanti progressi positivi per tutti.

Alla prossima.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Chissà se Billy Joel (We didn't start the fire) sarà contento del plagio (musica ed idea... ovviamente il testo è differente).

Comunque bella iniziativa (e video).
Ciao,
Xavier.