SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 27 agosto 2008

LA RIFLESSIONE DI OGGI

Personalmente non ho nulla contro i programmi di grafica 3D, come poser, che si stanno diffondendo e che danno l'opportunità a tante persone che non sanno disegnare di esprimere la loro creatività. Tuttavia una cosa è utilizzarli per creare delle illustrazioni e un'altra è utilizzarli per realizzare dei fumetti senza avere familiarità con le chiavi espressive di questa forma narrativa. Ultimamente ho la vaga impressione che in questo senso vengano considerati come una scorciatoia senza porsi troppi problemi sul risultato finale, e senza accettare il fatto che - allo stato attuale - un programma di grafica non riesce ancora ad essere espressivo e "caldo" come il tratto fatto a mano. Nel 3D per il cinema la cosa si avverte molto meno perchè la fluidità dei movimenti compensa molto, ma quando un'immagine 3D è statica e la si mette in sequenza l'effetto non è poi tanto diverso da quello che si otterrebbe mettendo in posa dei manichini molto snodati. Magari i nuovi software che verranno sviluppati compenseranno mirabilmente questa lacuna, ma allo stato attuale dei fatti mi sembra che la grafica 3D e quella tradizionale siano due cose che marciano su binari molto diversi. Tuttavia ammetto che in tutta questa storia c'è qualcosa che mi lascia perplesso. Ci sono siti a pagamento come 3D GAY WORLD, che offrono fumetti gay pornografici in 3D, ed è appena uscito un fumetto che attraverso il 3D racconta un'antica lirica greca (che pare risalire alla poetessa Saffo) incentrata sulle traversie amorose della sfortunata Dika di Sparta, ad opera di Pam Harrison.


Ovviamente nel primo caso i fini sono puramente commerciali (le storie di 3D GAY WORLD non hanno alcuna pretesa narrativa), mentre nel secondo hanno una valenza decisamente più alta. In entrambi i casi, però, non posso fare a meno di pensare che il risultato sarebbe stato migliore se si fossero cercati artisti "classici" in grado di gestire questi due progetti. Soprattutto nel caso di 3D GAY WORLD non posso fare a meno di pensare che mancano nel web dei siti dedicati ai fumetti gay erotici "tradizionali" così ben strutturati, competitivi e di successo (il sito si trova in posizione 71000 nella classifica di alexa.com, nonostante l'abbonamento sia di ben 29 dollari al mese!).
Ammetto che l'idea dei suoi fumetti erotici gay in 3D può ingolosire...


Ma passato l'effetto iniziale quello che rimane è abbastanza poco... E non è solo una questione di 3D, è proprio una questione di "gestione del media fumetto", che di fatto non c'è... Perchè vengono prodotte una serie di immagini in sequenza come in una qualsiasi gallery di un qualsiasi sito hard (seppur con maggiori possibilità creative). Non so... Da fumettista, e amante dei fumetti, iniziative come questa mi sembra una presa per i fondelli (e non nel senso buono). Ci sono, è vero, degli artisti che conoscono bene il fumetto e che sfruttano la grafica 3D per i loro lavori, ma sono rarissimi e devono avere le controscatole per lavorare come si deve col 3D.
Ne abbiamo uno anche in Italia, si chiama Marco Patrito e da diversi anni porta avanti la saga fantascientifica di Sinkha, realizzata in un 3D decisamente sopra le righe.



Tutto un altro paio di maniche, anche se personalmente "l'effetto manichino" lo vedo sempre , e continuo a preferire i fumetti realizzati in maniera tradizionale. Oltretutto io non ho mai usato poser o altri software di questo tipo, ma l'idea di passare ore a mettere in posa i modelli e a selezionare le opzioni per le texture, gli oggetti e gli sfondi mi sa tanto di noia mortale (^__^). Oltretutto, dico io, con tutti i disegnatori che hanno bisogno di essere incentivati e di avere spazi per valorizzare i loro fumetti a tema gay e lesbico, c'è davvero bisogno di ricorrere al 3D?

7 commenti:

Luca ha detto...

D'accordissimo. Rimane sempre un "effetto plastica" anche in quelli realizzati meglio, che peraltro sono solo una piccolissima percentuale.
Magari è la tecnologia che ancora non permette di raggiungere risultati decenti quantomeno a livello non di grandi studios.

Sinceramente non capisco molto questa fascinazione con la grafica 3D, anche i disegni erotico-pornografici li trovo assai poco eccitanti, persino se fatti da autori coi fiocchi (es. Tagame).
Non c'è proprio confronto con i disegni classici

Kanzeon ha detto...

Al di la dell'incentivazione di disegnatori professionisti , credo che siano veramente troppo statici e poco espressivi questi disegni 3d ...

Anonimo ha detto...

Excellent blog here! Also your site lots up fast!
What web host are you using? Can I am getting your affiliate link for your
host? I desire my website loaded up as fast as yours lol
My website : how to play piano

Anonimo ha detto...

Pretty portion of content. I just stumbled upon your site and in accession capital to claim that I acquire in fact enjoyed account your weblog posts.
Any way I will be subscribing on your augment and even I fulfillment you
access consistently fast.
Here is my homepage ... samson tobacco

Anonimo ha detto...

Hey there! Do you use Twitter? I'd like to follow you if that would be okay. I'm
absolutely enjoying your blog and look forward to new posts.
my webpage :: amber leaf

Anonimo ha detto...

Thanks for a marvelous posting! I truly enjoyed reading it, you're a great author.I will make sure to bookmark your blog and definitely will come back down the road. I want to encourage one to continue your great work, have a nice evening!
Look into my blog post - borkum riff tobacco

Anonimo ha detto...

Good post however I was wondering if you could write a
litte more on this subject? I'd be very grateful if you could elaborate a little bit further. Appreciate it!
Review my blog - get rid of pimples