SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

martedì 30 novembre 2010

Approfondiamo...

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Dicembre è ormai arrivato, fra poco il 2010 finirà ed è giusto fare il punto della situazione su di me e sulle mie attività, anche perchè - giustamente - molti di voi si stanno chiedendo che fine hanno fatto i miei fumetti... Prima però volevo rispondere ad alcune osservazioni interessanti che avete sollevato nei commenti ai miei ultimi post. Partiamo dalla questione dei prezzi dei prodotti editoriali che si rivolgono alla nicchia gay...
Vorrei precisare che il mio non era lo sfogo di chi non vuole spendere soldi per quello che gli piace, ma la preoccupazione di qualcuno che sta notando come si punta sempre più spesso alla minoranza nella minoranza che può permettersi certe spese. E badate che non è un fenomeno che riguarda solo l'editoria gay: anche editori notoriamente popolari come Marvel e DC Comics (e i loro referenti italiani) hanno iniziato a puntare su edizioni extra lusso e ristampe di qualità che arrivano anche a costare una cinquantina di euro a volume... Se passate in fumetteria noterete che i volumi di questo tipo sono in costante aumento...
Una spesa notevole da sostenere in un colpo solo (seppur proporzionata al numero di pagine e alla qualità del prodotto) , e che segnala una certa volontà di iniziare a guadagnare puntando su pochi affezionati danarosi piuttosto che su una massa di persone con sempre meno soldi... Scelta legittima, per carità, ma un pessimo segnale per quel che riguarda l'accessibilità di certi prodotti... Forse i fumetti, nati per essere una lettura economica, stanno diventando un bene di lusso? Il discorso poi diventa più complesso quando riguarda l'ambito gay, dove al contrario ci sarebbe davvero bisogno di prodotti per tutte le tasche, per cercare di ampliare il più possibile questo mercato emergente e magari farlo diventare realmente competitivo sul piano degli investimenti... Altrimenti la cultura gay diventerà sempre più un un questione di soldi e sempre meno una possibilità aperta a tutti... E qui mi ricollego ad un altro intervento: ha senso lodare un fumetto a tema gay senza paragonarlo con i fumetti "per tutti" e senza considerare quanto potrebbe essere interessante per il pubblico etero? Al che mi viene da rispondere pensando al mercato del fumetto giapponese: quanti shoujo manga (manga per ragazze) sono apprezzati da folle di maschi propriamente detti?
Sicuramente i maschi che li apprezzano esistono, ma sono una minoranza che apprezza gli elementi caratteristici di questo genere di fumetti (studiati per il pubblico femminile) o che magari si invaghisce delle protagoniste femminili (o dei protagonisti maschili nel caso dei gay)... Rarissimi, in proporzione, sono i casi in cui un manga che punta ad un certo tipo di pubblico fa strage di cuori a 360°... Anche se in quel caso bisogna vedere quanto sia merito del manga in questione o della serie animata che ne è stata tratta, e che magari è stata affidata a uno staff particolarmente competente e capace di renderlo accattivante per un pubblico più ampio... Come nel caso dei Cavalieri dello Zodiaco, ad esempio, che hanno stregato tantissime ragazzine degli anni '90 (e non solo), pur nascendo da un manga per maschietti, a sua volta realizzato per promuovere una linea di giocattoli per maschietti...
Se poi volessimo entrare in un ambito più prettamente erotico, quanti autori di fumetti erotici etero risultano gradevoli al pubblico omosessuale? E qualcuno ne fa forse un problema? Che poi in ambito gay le storie abbiano una certa tendenza ad essere meno strutturate e coinvolgenti che nell'ambito dei fumetti etero è vero, ma questo è dovuto anche e soprattutto al fatto che, nell'ambito dei fumetti gay, ci sono tanti disegnatori che si occupano anche delle storie pur non essendo sceneggiatori... E se nel mondo del fumetto disegnatore e sceneggiatore sono due professioni ben distinte un motivo c'è. Tant'è che geni della sceneggiatura come Alan Moore (foto sotto) si guardano bene dal disegnare da soli i loro capolavori...
Certo nel mondo del fumetto ci sono tanti bravissimi autori completi, ma in proporzione al numero di soli sceneggiatori e soli disegnatori sono una minoranza risicatissima (qui non considerò il mondo dei manga, che ha una tradizione a parte)... Quindi, considerando che gli autori di fumetti gay sono già di per sè pochissimi, potete capire che, in proporzione, gli autori completi che possono competere con quelli eterosessuali sono ancora meno. Certo abbiamo grandissimi artisti completi come Howard Cruse, ma in ambito gay c'è qualcuno che potrebbe essere paragonato a Frank Miller (foto sotto), ad esempio? Probabilmente non ancora...
Cambiando argomento: forse avrete notato che anche in questo post ho affrontato vari argomenti, e questo risponde in parte a chi mi chiede perchè non uso dei titoli meno generici... Come faccio ad utilizzare un titolo meno generico parlando di tante cose? L'alternativa sarebbe dedicare un post per ogni argomento... Ma per me sarebbe troppo complicato da gestire, e per voi troppo difficile da seguire... Quindi per ora i titoli rimangono come sono (anche se ho iniziato a indicizzare gli argomenti e magari se avrò un po' di tempo indicizzerò anche i post più vecchi). Comunque fra i recenti commenti ai miei post uno mi ha colpito particolarmente... Visto che qualcuno mi ha detto che grazie a questo blog è riuscito ad accettarsi più facilmente... Ammetto che non me l'aspettavo (O__O)... Cioè... Sapevo che i miei fumetti facevano questo effetto e mi ha sempre fatto piacere... Ma che anche questo blog avesse questo potere non lo immaginavo proprio... WOW!
Evidentemente ho più potere di quel che pensavo... E forse è il caso di rimetterlo un po' in circolo, questo potere. Il che mi porta a parlarvi di cosa sto facendo e di cosa ho intenzione di fare. Cercherò di essere breve. Arrivato al decimo anno di attività non ho potuto fare a meno di prendermi una pausa per capire cosa volevo fare, cosa potevo fare e su chi potevo contare. Mi ero un po' stancato di fare le cose a caso, magari fidandomi di chiunque avesse delle proposte per poi scoprire di avere a che fare con dei millantatori che mi lasciavano nei guai... Anche perchè la mia situazione personale non brilla per serenità e solidità (soprattutto finanziaria), e non mi posso più permettere di prendere cantonate. Così invece di buttarmi a pesce nei fumetti ho preferito studiare un po' il da farsi, le reazioni dei lettori a lulu.com, l'andamento del mercato delle illustrazioni omoerotiche, la gestione dei siti con cui ho collaborato e via dicendo... E nel frattempo ho collaborato con iniziative editoriali di tutt'altro genere... Tipo il libro di archeologia che vedete qui sotto (la copertina non è mia)...
Se vi piacciono i miei disegni NON compratelo, visto che ho dovuto solo disegnare reperti archeologici sardi e qualche planimetria. Morale della favola: fra siti che saltano o che vengono trascurati ho deciso finalmente di iniziare a progettare www.wallyrainbow.com (il dominio è già stato acquistato e lo sto progettando con un lettore che fa siti per lavoro, quindi dovrebbe venire fuori qualcosa di dignitoso). Non so dirvi quando sarà pronto, ma vi terrò aggiornati. Nel frattempo, non appena popkorn.com tornerà online (mi hanno garantito che è solo questione di tempo) TROY riprenderà, ma partirà anche THORAK (finalmente), anche se ammetto che progettando THORAK (il famoso fumetto fantasy che sto progettando da un anno) mi sto chiedendo se non sia meglio proporlo direttamente in versione stampata... Magari con gli editori di Black Wade e colorato dal mio colorista di fiducia (che nel frattempo continua a stupirmi con "prove" tipo quella che vedete qui sotto).
Un mio fumetto stampato e tutto colorato in questo modo mi piacerebbe molto... Anche se sono giunto alla conclusione che probabilmente ha più senso che buona parte dei miei lavori venga venduto in versione pdf tramite lulu.com... Anche perchè il mercato di iPhone, iPad e compagnia bella è in forte espansione.... E anche gli utenti che fanno acquisti su internet sono in costante crescita. Quindi è molto probabile che riprenderò e concluderò le versioni gratuite di Robin Hoog e Rainbows, per poi proporre il loro seguito in capitoli che si potranno scaricare a pagamento. Anche perchè non è giusto che chi è disposto a pagare non abbia i suoi fumetti a causa di una massa di persone che non solo non paga, ma non è nemmeno disposta a fare una piccola offerta per mandare avanti un fumetto che gli piace. Dico bene?
Mi piacerebbe tantissimo anche riprendere Capitan Gel... Per il quale ho iniziato a studiare un rinnovamento generale del personaggio (che per una serie di motivi indipendente da me è stato il più sacrificato in assoluto fra quelli che ho realizzato negli ultimi dieci anni). Staremo un po' a vedere cosa succederà... Di certo non ho intenzione di piantarvi in asso dopo dieci anni (nonostante le apparenze)... Poi ovviamente starà a voi non piantare in asso me.
Ciao e alla prossima.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Che belle notizie e che BELLISSIMO disegno a colori!
Come sempre fai dei corpi belli muscolosi e interessanti ^_^
Ma anche la colorazione è davvero stupenda e ricrea una grande atmosfera attorno al personaggio.
E' vero che tu ormai proponi molto in pdf su lulu, anche fumetti non tuoi.
Però , come fumettista, avere tu la possibilità di pubblicare DAVVERO con una casa editrice sarebbe FANTASTICO.
Ma non solo per noi lettori e tuoi fans, ma per te personalmente.
Voglio dire......!!!
Esser pubblicati su un volume "reale" che magari finisce in fumetteria, libreria ecc.. proposti da una casa editrice !!!!!!
Secondo me è il sogno di ogni fumettista.
PENSACI !!! è un occasione

Mirko80

loran ha detto...

Penso che portare i tuoi fumetti ad un editore sia una buonissima idea anche perchè potresti contare su una maggiore distribuzione sia nelle librerie su internet come IBS e altri sia nelle fumetterie e librerie, anche perchè penso che molti siano disposti anche a spendere qualcosa in più per avere un fumetto come Black Wade.
Poi c'è anche da considerare le maggiori condizioni di acquisto e di pagamento che penso aumenterebbero le vendite poi altro punto l'uscita di una serie di tuoi lavori genererebbe anche l'istinto del collezionismo che è un fattore da non sottovalutare.

Luca ha detto...

Piccolo consiglio: non riprendere 5 fumetti tutti insieme, inizia con uno o due e poi eventualmente espanditi, ma solo dopo aver messo una buona radice con i primi!

E se si deve scegliere io voto per Rainbows e Robin Hoog (in quest'ordine) :P

Luca ha detto...

Wally, è la notizia più bella che leggo da mesi e mesi sul tuo blog. Sono contentissimo per te e spero davvero che vada tutto in porto, te lo meriti.
Un bacione e non vedo l'ora di vedere il tuo sito =)

Anonimo ha detto...

Io punterei davvero sul fumetto per una casa editrice.
Scherziamo ? dovrebbe essere il sogno di ogni fumettista !
Farsi pubblicare, poi collaborare con altri ( come il colorista di fiducia di cui parli ).
Anche Black Wade e altri fumettoni che escon in fumetteria sono spesso realizzati da più mani, da un team creativo e il tutto diventa quasi più professionale e intrigante.
Rende tutto più professionale, e sarebbe un passo che ti porterà ad un livello sempre più alto.
Sempre mantenendo i tuoi altri fumetti, ovviamente.
Avanti tutto !!!!

Ale0

Albireo ha detto...

ottima idea! sono felice che nasca un tuo sito così da poter racchiudere in esso tutto quello che potrebbe essere il tuo mondo (gagets, volumi stampati, ecc )

Certo come hai bene detto il mercato del web con pdf ecc è in continua espansione, e spero proprio di poter vedere altre tue opere in formato pdf ( troy è un esperimento molto interessante e non vedo l'ora che escano altri capitoli) !

Nel mio cuore è e rimane Robin, per la sua fantasia e bellezza, senza contare che la sua chat vecchia, e ciò lo dico con un po' di nostalgia, mi ha fatto conoscere persone stupende da ogni punto di vista, ogni lunedì e mercoledì tutti noi commentavamo e discutevamo sulle nuove strisce e su tutto ciò che ci passava per la testa, spero presto che tutto possa tornare come prima

Anonimo ha detto...

se un solo disegno a colori , tuo e del tuo colorista, mi fanno un effeto simile ( son davvero entusiasta ) non oso immaginare un intero fumetto fatto in questo modo !
Ti prego realizza qualcosa di grande
Ampliati !
Penso ne valga la pena e se hai anche solo provato a postare questa immagine significa che , in fondo, ci credi davvero..

Lucas

Anonimo ha detto...

Purtroppo il pc mi ha dato qualche problema quando ho inviato un mio messaggio, quindi riposto ancora cosa avevo scritto( dato che mi è rimasto il messaggio nella mia pagina ( non so come mai o__O ) , sperando di non aver creato danni! :

Salve Wally.
Sono un art director di una piccola casa editrice che sta nascendo in America ( abbiamo all'attivo ben poca roba, ma cresceremo ).
Seguo il tuo blog da molto senza aver mai espresso mie opinioni ( anche perchè non uso molto internet , a parte la e-mail, e alcuni siti e blog che mi servon proprio come spunto di riflessione e ispirazione ).
Prima di tutto ti faccio i complimenti per il tuo impegno in tutto, anche nel mettere news sul mondo gay.
Ho letto ora tutti i tuoi impegni per il futuro e , non vorrei essere ripetititvo come altri, ma uno degli obbiettivi che dovresti realizzare potrebbe essere un progetto editoriale da proporre a case editrici.
Hai una mano davvero ottima e la colorazione del tuo amico colorista è molto interessante e valorizza l' opera.
Molti qui hanno scritto con spirito nostalgico, ricordando i tuoi siti dove pubblicavi fumetti e strisce online.
Tutto questo è molto bello ( io personalmente ho visto molto poco di queste cose ) però, come fumettista, dovresti davvero proporti al mondo..
Fuori da internet .
Il che non è corretto dirlo , perchè in ogni caso anche un volume pubblicato in libreria viene pubblicizzato a pieno online...
ORMAI internet è parte di tutti e di tutto.
Devi continuare a portare avanti i tuoi personaggi tanto cari ai tuoi fans del web
Internet ( LULU, file pdf ecc.. ) facilitano la distribuzione delle tue opere ( tra i tuoi lettori assidui ), però ora credo possa essere un momento buono per lanciarsi davvero su qualcosa di , magari, più costruttivo.
Qualcosa che magari possa metterti sotto contratto con una casa editrice, una sfida per te e per chi collaborerà con te.
Hai accennato al fatto che non hai una situazione finanziaria molto sicura ( come molti purtroppo ).
Quindi capisco che, fumetti online completamente gestiti da te ( come fossi editore di te stesso ) , possano sembrare la strada anche più comoda.
Hai un pubblico che ti segue, quindi qualsiasi cosa pubblicherai di tuo nel bene e nel male la venderesti comunque.
Che siano fumetti su Lulu, pdf da scaricare o fumetti a pagamento in siti internet.
Ma tutto ciò può diventare un mondo circolo vizioso, un mondo che ti chiude.
Fuori è difficile poter realmente e pubblicare qualcosa, ma se non si prova non lo si saprà mai.
Se hai anche solo un contatto con qualche casa editrice, preferibilmente estera, che desidera vedere delle tue tavole per un fumetto, approfittane.
Queste è solo un consilio.
Non voglio di certo ragionare con la tua testa, ma con la mia esperienza a contatto con molti giovani promettenti fumettisti mi son permesso di dare una mia opinione.

Caspita , mi vedo già le pagine stampate con quei colori, quello stile, il tuo tratto e un bel titolo in copertina.
Se puoi dedicarci del tempo a questo progetto, fallo.
Credimi.
Credici.

Giò

Anonimo ha detto...

OAIC!
E se non hai tu un pubblico che ti segue... :) questi commenti sono un tributo a quello che fai e a chi sei. Credo che pubblicare su carta stampata sia una grande idea: tutto ciò che si legge trova così un suo spazio perenne e aprire, sfogliare e leggere è moto più immediato che utilizzare un i-phone o collegarsi ad internet...inoltre è come possedere qualcosa che sei più sicuro di non perdere mai: il pdf è più volatile. FORZA! E fai in modo che la tua casa editrice appartenga al circuito Arianna così non solo nelle fumetterie ma anche nelle librerie sarà possibile ordinare le tue OPERE.
OAIC!

Nicola

Anonimo ha detto...

Valeriano, non vedo l'ora che tu ti decida a mettere in commercio le tue opere. Tutto quello che hai proposto, di tuo e non tuo, su Lulu, in PDF, l'ho acquistato, e stai certo che continuerò a farlo in futuro. Credo che la tua idea di passare ad una pubblicazione a pagamento del seguito dei tuoi fumetti sia quello che ci vuole. Per anni abbiamo letto a sbafo le avventure dei tuoi eroi, ma la gratuità ha chiaramente influito sulla regolarità. Personalmente preferisco mille volte acquistare un tuo fumetto in PDF, ma regolare (soprattutto), piuttosto che aspettare e sperare che un giorno esca una pagina gratuita.
Mille saluti e auguri dal tuo fedelissimo "Helves" (ti ricordi?: lo "svizzerotto")