SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

domenica 28 settembre 2008

LA CURIOSITA' DI OGGI

Ciao a tutti e a tutte. Come state? In attesa che da ottobre i miei fumetti riprendano come si deve (stavolta dovrebbe essere proprio la volta buona, ma visto l'andazzo degli ultimi tempi forse è meglio se incrociate tutto quello che potete incrociare!), oggi volevo fare una piccola segnalazione. Ieri passando nell'edicola sotto casa mi sono imbattuto in un DVD dedicato alla serie animata di Zorro realizzata nel 1981 dagli studi Filmation (che, per la prima e unica volta, affidarono l'animazione di una serie ai giapponesi della Tokyo Movie Shinsha). Sapete tutti chi è Zorro, vero? Il giustiziere, nato in una serie di romanzi pulp nel 1919, che nella California di inizio 800 lottava contro le ingiuste vessazioni del governo spagnolo di Los Angeles e dintorni, celandosi sotto le mentite spoglie dello sciapo e oziosissimo Don Diego de la Vega... Ancora negli anni 70 era una figura famosissima (grazie anche alle continue repliche di una serie di telefilm realizzati dalla Disney negli anni 60) e a Carnevale era una maschera gettonatissima fra i bambini, o meglio: fra i loro genitori (anche io ero stato conciato da Zorro almeno due volte, nonostante quella mascherina mi desse solo un gran fastidio). Comunque, tornando a bomba... Dicevo che mi sono imbattuto in questo DVD e me lo sono comprato (e probabilmente comprerò anche gli altri che raccoglieranno l'intera serie). Non è un caposaldo dell'animazione, ma a guardarla con attenzione... Beh... Probabilmente si presta riletture interessanti. Infatti, e questo dettaglio mi aveva lasciato perplesso anche quando ero bambino, in questa serie Zorro non è solo. Intendiamoci: anche nei romanzi non era solo, visto che poteva contare sull'aiuto del fido Bernardo, il servitore muto (ma non sordo), che era il suo braccio destro. Bernardo è stato poi reinterpretato in vari modi nei film e nei telefilm su Zorro (ora come un signore anziano o un uomo maturo, ora come un ragazzo, ora come un adolescente o addirittura un bambino...), tuttavia nella versione animata Filmation non c'è nessun Bernardo, perchè l'assistente di Zorro è il fichissimo Miguel (che non è muto e si batte bene quasi quanto lo stesso Zorro, affiancandolo nelle sue missioni). Ora: sarò malizioso, ma il rapporto Don Diego/Miguel, in questa serie, si presta ad interpretazioni di vario tipo, soprattutto considerando che Don Diego non si pone in maniera poi così tanto virile. Ad esempio : nell'immagine che vi posto qui, in cui i due compaiono ritratti in una tipica scena della loro quotidianità cosa vi comunicano? Prego notare che sono pettinati anche allo stesso modo... Inoltre durante la serie sono gli unici due personaggi che condividono il segreto di Zorro, scambiandosi in continuazione lunghe occhiate e sorrisi a dir poco complici. Il fatto che poi i due si mascherino per combattere le ingiustizie insieme, dando sfogo a una natura che durante la vita di tutti i giorni devono reprimere per non dare nell'occhio... Non so... Secondo me ci sono dei sottointesi che forse non erano poi così involontari. E il fatto che la storia sia ambientata a Los Angeles (che sarebbe diventata una delle città più gay-friendly del mondo) potrebbe aver influito a livello più o meno inconscio sugli sceneggiatori. Chissà... O forse volevano adeguarsi allo stereotipo del supereroe dotato di una spalla che è una sua versione più modesta... Forse... Il punto è che la funzione delle spalle è quella di offrire uno scambio di battute col protagonista, mentre Miguel - pur non essendo muto - in questa serie è di certo il personaggio più taciturno, che sembra messo lì giusto perchè Zorro ci tiene a tenerselo vicino. Ribadisco: sarò malizioso, ma anche quando ero piccolo questo Miguel mi sapeva tanto di mantenuto... Anche perchè Zorro se la cavava sempre benissimo anche senza il suo aiuto. Forse che questa versione animata di Zorro debba essere considerata ufficialmente gay-friendly? Chissà... Personalmente trovo che Zorro sia un personaggio con un potenziale omoerotico notevole (anche perchè - lo ammetto - la tipologia latino americana non mi lascia proprio indifferente), e prima o poi mi piacerebbe farne una mia versione in stile Robin Hoog... Magari ispirata soprattutto a quella della Filmation, col fedele Miguel che splicita la sua devozione a Don Diego... Olè!

9 commenti:

Troyx ha detto...

non e` essere maliziosi dire che zorro e il suo "aiutante" erano amanti,ma avere un gay radar moolto fine...:)
cmq wally...dovresti sapere chi sono...

Anonimo ha detto...

Sei fantastico Valeriano! Vedi l'omosessualità in tutto. In ogni caso non mi stupirebbe di trovare riferimenti gay friendly in un'opera fatta da giapponesi. Hanno un certo Savoir Faire in queste cose...

Anonimo ha detto...

La tipologia latino americana...
Quanto hai ragione!!!

Wally Rainbow ha detto...

In che senso sono fantastico perchè vedo l'omosessualità ovunque??? Nel senso che la scovo anche dove è nascosta?

Anonimo ha detto...

Nel senso che la vedi anche quando a molti altri sfugge

Wally Rainbow ha detto...

Ho l'occhio lungo :-) E non solo quello!

Anonimo ha detto...

Se hai l'occhio e anche l'altro delle stesse dimensioni della tua modestia mi sa che non sei simpatico come sembri

Wally Rainbow ha detto...

Ma si fa per scherzare! (O__O)

Anonimo ha detto...

Ovvio