SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 13 giugno 2008

LA SEGNALAZIONE DI OGGI

E bravi gli orsetti di Bologna, che riescono a organizzare sempre tante cosette interessanti! Fra le tante iniziative che anticipano la sfilata del Gay Pride nazionale, infatti, vale la pena segnalare la presentazione del libro Bearflavoured presso la libreria IGOR di Via S.Petronio Vecchio 3 (la prima e per ora unica libreria GLBT del capoluogo emiliano). Si tratta di un’antologia che, attraverso i lavori di 30 artisti (fotografi, pittori, illustratori e altro) provenienti da diverse parti del mondo, affronta il mondo della bear art, affrontando l’estetica e gli ideali tipici di questa particolare (ma diffusissima) sottocultura gay. Per chi non lo sapesse si definisce bear (”orso” in italiano), il gay che vive la sua identità prediligendo alcuni tratti che richiamano l’omonimo animale, come ad esempio la stazza e la “pelliccia” (anche attraverso la valorizzazione di barba e baffi). La comunità bear, poi, si differisce in decine di sotto-categorie, ben note a chi ne fa parte e/o agli estimatori di questo tipo di maschio. Il libro Bearflavoured prende il nome dall’omonimo collettivo artistico londinese che lo ha coordinato, e che nei locali della libreria IGOR ha appena allestito una mostra con i suoi lavori più rappresentativi. Tecnicamente non si tratta di un evento propriamente fumettistico, ma penso valga la pena di segnalarlo, non foss'altro perchè bisogna dare rilievo alle iniziative di un certo tipo (che purtroppo hanno sempre pochissima pubblicità). Tra l'altro gli orsetti di Bologna hanno anche realizzato un video sulla presentazione del libro e della mostra con relativo party che si è tenuto al Cassero. Ecco quel che si dice un evento culturale su più livelli, anche se in effetti Bologna è sempre stata parecchio ricettiva da questo punto di vista. Comunque eccovi il video.

Nessun commento: