SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

domenica 1 giugno 2008

ITALIA NOSTRA

E così, infine, siamo arrivati a giugno...E posso dire di aver aggiornato questo blog tutti i giorni di maggio (almeno quello!). Non so se questo mese riuscirò a mantenere lo stesso ritmo, anche perchè, ora che la mia situazione è un po' più stabile rispetto agli ultimi 2 mesi, vorrei davvero recuperare gli arretrati che ho accumulato qua e là (fumetti compresi). Inoltre mi sono reso conto che alla fine, aggiornando questo blog quotidianamente, non posso fare a meno di lamentarmi...Giuro che che non vorrei, ma parlando di fumetti anticonformisti ed essendo un fumettista italiano non posso proprio fare a meno di fare dei confronti impietosi...E non mi sembra carino trasformare questo spazio in una perenne lamentela. Piuttosto dovrei cercare di darmi da fare in prima persona per cambiare le cose, altrimenti finisco davvero per mettermi sullo stesso piano di quelle persone che sono capaci solo di criticare negativamente senza concludere nulla...E non ci tengo.
Prima di cercare di dare una svolta al tono di questo blog, però, volevo condividere con voi la mia ennesima esperienza nel mondo dell'editoria italiana...Che a modo suo è straordinariamente rappresentativa della situazione in cui si trova il nostro paese.
Partiamo da due dati di fatto: da un po' di tempo a questa parte io sono in perenne crisi economica e il mio amico Stefano lo sa. Il mio amico Stefano collabora con una casa editrice specializzata in libri new age, e siccome sapeva che c'era bisogno di una mano per le copertine mi ha proposto di fare delle prove per loro. Le loro copertine sono generalmente dei fotomontaggi, quindi non era esattamente il mio campo, ma provare non mi costava nulla. Avrei dovuto realizzare la copertina di un libro dal titolo "SEI COME PENSI DI ESSERE", partrendo da zero, o meglio: partendo dal riassunto, in cui mi aveva colpito la frase "nelle tue mani ci saranno i risultati dei tuoi pensieri". In ogni caso avevo messo giù tre bozze, una delle quali si riferiva proprio a quella frase. Eccole qui.




La copertina che è piaciuta di più era quella con i raggi che partivano dalle mani, però mi avevano detto che il ragazzo in copertina era troppo nudo e troppo erotico (???). Io gli ho detto che "vestirlo" artigianalmente non era una buona idea e che non sapevo dove trovare in tempi ragionevoli un'altra foto con qualcuno vestito e in quella stessa posizione, così loro mi hanno chiesto di fare delle prove affiancandogli delle ragazze nella stessa posizione. Trovate le foto mi hanno detto che anche loro erano troppo scoperte, così ho dovuto disegnare su di loro dei vestiti lunghi neri, che ho dovuto rifare due volte perchè avevano le spalle troppo scoperte (!). In realtà il disegno ho dovuto ritoccarlo ulteriormente perchè volevano anche dei raggi che partivano dalla fronte delle ragazze. Alla fine il risultato è stato questo.

Fatto tutto come mi avevano chiesto, mi hanno detto che anche se l'idea era buona quel ragazzo in primo piano non gli andava bene. Così mi hanno fatto sapere che i loro grafici avrebbero ripreso in mano l'idea e a me sarebbero andati circa i 2/3 del compenso partuito. Ci hanno tenuto a dire che il problema non era nella qualità di quello che avevo fatto, ma nel fatto che forse le mie trovate non erano molto in linea con la loro politica editoriale. Sia come sia ho avuto da poco la loro versione della mia idea, che sarà la copertina ufficiale del libro.
Eccola qui.

Che dire...Io non me la sento di lamentarmi, anche perchè adesso verrò pagato per una copertina che di fatto non è stata utilizzata...Tuttavia in tutta questa storia ci vedo dei sottointesi inquietanti. Un ragazzo a torso nudo è davvero diventato troppo erotico e compromettente per gli standard italiani di oggi? Magari se avessi realizzato che il problema dei vestiti era così determinante mi sarei comportato diversamente e magari avrei messo in posa qualche amico...Però giuro che nel ragazzo a torso nudo non ci vedevo niente di male. Forse il problema è che sono io che vivo in una realtà a parte rispetto a quella che mi circonda...Non so...Ora mi resta un po' il rimpianto di essermi giocato una collaborazione in più per via di un ragazzo a torso nudo, però in tutto ciò c'è qualcosa che non mi torna, e più ci penso e meno mi torna. Vah beh...Nella vita c'è di peggio. Alla prossima.

P.S. Ovviamente attendo i vostri commenti...
P.P.S. Voi non trovate che il soggetto che hanno scelto loro abbia un nonsochè di FtM (cioè di transessuale da donna a uomo)? Non che ci sia niente di male per carità...Però mi chiedevo se questa cosa la stavo notando solo io.

3 commenti:

loran ha detto...

Una cosa che ho riscontrato anche io che dipingo è chi paga una committenza a volte vuole appropriarsi di una competenza attraverso i soldi.
Mi sono capitate un paio di volte persone che comprando i miei quadri volevano insegnarmi a dipingere e proponevano cambiamenti ai dipinti ad esempio nei colori o nei seggetti.

Personalmente trovo la prima copertina molto bella, anche quella con il ragazzo a torso nudo mi piace molto, non posso dire lo stesso di quella poi scelta dagli editori, mi fa venire in mente la locandina per uno spettacolo di illusionismo.

il moony ha detto...

devo dire che la copertina fatta da te, era molto bella! bhaa....la società di oggi!
in effetti mi sa anche a me di qualcosa, con un passato diverso dal presente...XDXD

Ulisse ha detto...

Il secondo fine di una casa editrice seria è di vendere i libri (il primo quello di fare cultura) e per vendere i libri la copertina è fondamentale perchè spesso girando per le librerie si viene attratti più dalla copertina che non dal titolo o altro.
A me personalmente sembra più incisiva la tua di copertina, quella loro invece mi sembra anonima. Cercando di immaginarmi quel libro in mezzo a decine di altri libri probabilmente non la noterei nemmeno, invece un ragazzo a torso nudo lo noterei meglio. A parte che non capisco cosa ci sia di così compromettente in un torace, basta andare al mare o anche solo in palestra od in piscina e di toraci se ne vedono a iosa (e non solo quelli). Inoltre il titolo richiama all'introspezione cioè al 'mettersi a nudo' requisito fondamentale per una seria riflessione su sè stessi. A me la loro copertina fa venire in mente la serie di 'Streghe' quella delle sorelle Hallywell ed il tizio anche se sorride somiglia ad uno di quei demoni loro acerrimi nemici.