SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 25 giugno 2008

SIGH...SIGH...SIGH...

Ormai anche i sassi dovrebbero sapere che il 28 giugno (cioè questo sabato), a Bologna si terrà la parata del Gay Pride Nazionale, alla quale ovviamente parteciperò (in attesa che di avere un successo enorme che mi consenta di creare un carro tematico per i miei personaggi con Michael Kenta vestito da Robin Hoog che getta preservativi ai partecipanti...^__^). Oggi però volevo parlarvi di Giulio e dei suoi amici...Non sapete chi sono Giulio e i suoi amici? Ecco...Il punto è proprio questo! Dunque, andiamo con ordine: la campagna promozionale del Gay Pride bolognese è stata studiata con un taglio giovane e fumettoso, con una decina di testimonial disegnati in stile manga kawaii (kawaii è un termine giapponese che in italiano suonerebbe come "cicciopuccioso", nel senso che è uno stile teneroso, tondeggiante e molto sintetico...In stile Hello Kitty e Pukka, per intenderci). Ogni testimonial rappresenta un diverso elemento della comunità GLBT, ma la mascotte principale è Giulio.

Carino, vero? Peccato che sul sito del Bologna Pride sia usato giusto come contorno, mentre degli altri personaggini non ci sia traccia. Organizzare un Gay Pride è un'impresa immane e ci sono tante cose a cui pensare...Ma possibile che il potenziale di questo simpatico personaggino (e degli altri che lo hanno accompagnato) sia stato sottovalutato in questo modo? Lo si sarebbe potuto sfruttare per un'infinità di gadgets, dalle t-shirts alle tazzine, e una striscia a fumetti con lui e gli altri personaggi sarebbe stata davvero simpatica...E invece niente! Magari sbaglierò, ma qualcosa mi dice che anche questo è un riflesso della mancanza di una vera cultura del fumetto nel nostro paese: sui manifesti il fumetto si può usare perchè è simpatico, però non giustifica un investimento di risorse più studiato e mirato...Peccato! un'altra occasione sfumata! A meno che qualcuno non decida di riciclare Giulio e i suoi amici a prescindere dal Bologna Pride...Ma qualcosa mi dice che è un'ipotesi un pochino inverosimile. D'altra parte il nostro paese non è esattamente famoso per le sue scelte in fatto di mascottes e gestione delle stesse...Qualcuno si ricorda le orripilanti mascottes delle olimpiadi invernali di Torino 2006???
Eppure all'epoca erano praticamente ovunque e gli hanno pure dedicato un cartone animato! Le abominevoli mascottes delle nevi! BRRRR...Però non erano il primo caso di abominio mascottifero partorito in Italia...Chi non è proprio giovanissimo dovrebbe ricordarsi anche dell'inquietante CIAO...La mascotte dei campionati di Italia 90...
Però anche CIAO all'epoca lo piazzarono ovunque...E tutto questo mentre i poveri Giulio & Co. - che effettivamente sono un'idea simpatica e interessante - sono comparsi unicamente sui manifesti e su qualche rivista gay...E neppure viene citato il loro ideatore...Uff...Comunque se volete conoscermi al Gay Pride io ci sarò :-)

5 commenti:

loran ha detto...

Come al solito hai ragione in Italia manca una cultura del fumetto e della grafica in genere, vengono viste come due aspetti di non grande importanza nemmeno per quanto riguarda il lato economico e di pubblicità.

Lore! ha detto...

Questi sono gli account flickr dei due autori dei disegni:
http://www.flickr.com/photos/suggestionabile
e
http://www.flickr.com/photos/mascarpone/

La campagna promozionale mi piace un sacco [come non adorare L'Eminenza? :D], ma, effettivamente, non gli è stato dato molto risalto...

Wally Rainbow ha detto...

Grazie mille! Adesso gli dedico un post!

Phayart ha detto...

Mi sorge il dubbio che la famigerata "autocensura" abbia colpito ancora, per non incappare nella possibilità di irritare qualcuno, si è preferito un profilo basso.
Sarebbe un'evenienza ancora più meschina della cattiva gestione di una campagna pubblicitaria.

Kanzeon ha detto...

Ma sono troppo belli!!!

Si effettivamente potrebbe sembrare che le iniziative originali e interessanti siano oscurate.

Oppure più semplicemente è una cattiva gestione degli spazi del sito e una mancanza di organizzazione.

Cmq un fottutissimo link nella home che mandasse ai manifesti potevano metterlo!!!!