SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

giovedì 26 febbraio 2009

LA LETTERA DI OGGI

Ciao a tutti e a tutte, come state???
Ieri sera come previsto ero a Milano alla presentazione de "LO SPECCHIO DELL'AMORE" e alla fine me ne sono tornato a casa con una sensazione un po' sgradevole. Non certo per la presentazione in sè, quanto per il fatto che praticamente tutta la presentazione è diventata, inevitabilmente, una riflessione sconsolata su come l'Inghilterra degli anni 80 in cui era stato prodotto il suddetto volume fosse più avanti dell'Italia di oggi... Ma anche io vi faccio questo effetto quando parlo di certe cose??? Di buono c'è che il traduttore del suddetto volume, Marco Marcello Lupoi, parlava dei suoi contenuti usando la prima persona plurale, e in quel "noi" ci ho visto qualcosa di importante. Dico questo perchè oltre ad essere il traduttore de "LO SPECCHIO DELL'AMORE" Marco Marcello Lupoi è anche il megadirettore galattico della Panini (Marvel Italia e Planet Manga comprese), e se un editore di tale caratura sceglie di "uscire dal ripostiglio", per dirla all'americana, per giunta in maniera così culturalmente apprezzabile, forse per questo paese c'è ancora un po' speranza. Comunque se volete conoscerlo meglio potete cliccare QUI. A proposito: qualcuno di voi era presente? E se era presente perchè non ha attaccato bottone con me? Comunque, venendo ad argomenti un pochino più relativi ai miei fumetti, eccovi una lettera interessante che mi ha scritto Alex dalla Liguria:

"Ciao valeriano, ho letto le ultime striscie,ci sono rimasto un po male nel vedere i gemelli rasati e nel non potervedere nulla di quello che lo sceriffo li ha costretti afare x diventare guardie,ero gia sicuro che cmq non li avrebbe presi,ma che voleva solo godersi la cosa...Come con il povero padre di famiglia...A volte alcune tue scelte di lasciare alla ns immaginazione cio che accade,non lo capisco,forse perchè io sono un tipo che alcune cose le vuol vedere....Non ti nascondo che leggere cosa sono stati costretti a fare nn mi abbia eccitato,ma meno rispetto al vedere un paio di strisce che a grandi linee facevan vedere cosa ha combinato lo sceriffo...Scusa se mi sto lamentando,ma non aspettavo altro che vedere cos'altro avrebbero dovuto fare e ci sono rimsto di sasso...quando ho solo letto...Ora spero in Robert e Touch huhuhu Un abbraccio e bacio affettuoso da alex dalla liguria"

Bentrovato Alex. Come prevedevo la soluzione della sottotrama dei gemelli ha stimolato una discussione (anche nella chat di Robin) e alla fine il mio pubblico si è diviso in tre fazioni: quelli per cui dovevo far vedere di più, quelli per cui anche la descrizione che ho inserito è stata troppo cruda, e quelli per cui descrivere senza mostrare è stata la scelta migliore. Il mondo è bello perch'è vario e qualunque cosa avessi fatto non avrei potuto accontentare tutti. In ogni caso la mia scelta è stata motivata e non fatta a caso. I motivi sono tanti e ve li elenco molto in sintesi:
1) Ai gemellli avevo già dedicato un mucchio di striscie e sinceramente mi sembrava eccessivo riprenderli in maniera dettagliata (anche perchè la storia deve procedere!).
2) Mentre i gemelli facevano quel che facevano la storia è andata avanti con la sequenza di Robin e non aveva senso riprendere eventi consumati la notte precedente.
3) Il sesso che illustro in Robin Hoog - che è fondamentalmente incentrato sui sentimenti e l'emotività - piace più o meno a tutti, mentre il sesso estremo è una cosa diversa(oltre ad essere molto più complicato da disegnare e rendere... E io non mi chiamo Gengoroh Tagame ) e non volevo snaturare lo spirito di Robin Hoog.
4) Sir Guy è un MALVAGIO BASTARDO CRUDELISSIMO SADICO, spero lo abbiate capito, e non poteva fare niente di meno di quello che ha fatto (e che mi sono limitato a descrivere, cercando peraltro di trattenermi).
5) Secondo me un fumetto riuscito deve essere capace di suscitare anche emozioni negative nel pubblico, se sono coerenti coi personaggi e con la trama. Provocare emozioni diverse dell'eccitazione fa anche la differenza fra un fumetto pornografico e un fumetto erotico, e io spero che Robin Hoog rientri nella seconda categoria. Chiudo con un anticipazione: la mia collaborazione con l'autore tedesco Jörg Meyer-Bothlig sta proseguendo, e presto il suo personaggio MICKI parlera ufficialmente italiano (con i miei adattamenti)... Eccovi qui di seguito i disegni delle copertine con una bozza di titolo... Che ne pensate? Vi incuriosiscono?


3 commenti:

Luca ha detto...

Mah, a me è piaciuta l'idea di lasciare solo immaginare le nefandezze che Sir Guy ha compiuto la notte prima, anche perchè mi avrebbe schifato non poco vederle rappresentate (a me il secondo capitolo di TRAP di Tagame mi ha sconvolto e ora lo evito come la peste). Mi è un po' spiaciuto vedere i gemelli rasati (i loro capelli mi piacevano un casino) ma, visto che sono personaggi secondari e dubito che li rivedremo ancora, non è un problema.
Per rispondere alla tua domanda Wally, se anche noi ci sentiamo più demoralizzati dopo aver letto alcuni dei tuoi interventi, per me la risposta è sì e no. Certo, alcune visioni estremamente negativiste non le condivido, ma non si può negare che da noi i gay spesso conducono doppie vite ecc. ecc.
Tuttavia tu fai informazione (l'unica in italia specializzata sui fumetti gay) e non ti si può addossare la colpa delle notizie ^^
Con affetto,
Luca

Wally Rainbow ha detto...

Per la cronaca: i gemelli torneranno, i capelli ricresceranno ed entreranno nelle fila dell'allegra brigata di Little Jump... Che prenderà forma a partire dalla striscia di domani :-) Comunque ti posso garantire che rispetto d altri lavori di Tagame TRAP è estremamente soft :-)

Luca ha detto...

Tagame non è per tutti i gusti (talvolta neanche Etienne, o Frey, lo sono).

Visto il taglio di RobinHoog direi che andava bene così, i gemelli hanno avuto il loro spazio e andare troppo nel dettaglio non sarebbe piaciuto a diversi lettori.

(Un altro Luca)