SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

domenica 17 maggio 2009

ANNIVERSARIO...

Ciao a tutti, nel caso non lo sapeste (ma tutti lo sapete, vero?) oggi è la giornata mondiale contro l'omofobia, perchè il 17 maggio è il giorno in cui l'omosesessualità venne tolta dall'elenco delle patologie mentali dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (nel 1991) in quanto - finalmente - venne appurato che l'omosessualità di per sè non aveva alcuna caratteristica tipica delle psicosi. Per la cronaca il malinteso nasceva dal fatto che che fino a quel momento facevano testo gli omosessuali che avevano ANCHE disturbi psicotici di vario tipo, che soffrivano di depressione o che avevano altri tipi di disagi, in quanto erano i più identificabili. Uno dei benefici portati dal movimento di liberazione omosessuale è stato proprio quello di portare allo scoperto una maggioranza di omosessuali psicologicamente sani, che nel tempo avrebbe fatto considerare l'omosessualità con maggiore obbiettività da parte di chi di dovere. Ovviamente questo nel mondo occidentale, visto che in molte zone del nostro pianeta la situazione è ben peggiore. Cliccate sull'immagine qui di seguito per vederla più grande e farvi un'idea più precisa.
Per correttezza va detto che in questa cartina NON sono segnalati i paesi culturalmente omofobi e che, anche senza leggi repressive nei fatti non vedono di buon occhio l'omosessualità, reprimendola in maniera più subdola e insidiosa, ad esempio proibendo costituzionalmente i matrimoni gay, vietando i gay pride o non approvando leggi contro il crimine di omofobia. Detto questo è evidente che in Italia la lotta all'omofobia (cioè alla paura, ai pregiudizi e alla discriminazione dell'omosessualità) ha ancora molta strada davanti a sè. Probabilmente ce ne sarebbe abbastanza per scriverci un libro (o magari più di uno), ma in questa sede mi limiterò a sottolineare come sia importante che questa battaglia sia combattuta a livello profondo e partendo anche dal sostegno a certi prodotti culturali piuttosto che ad altri. Ci sono film a tematica gay fatti bene? Libri a tematica gay interessanti? Spettacoli teatrali che strizzano l'occhio alla platea gay? Fumetti che sono davvero dalla parte dei gay? Iniziative che promuovono l'omoerotismo e il nudo maschile in maniera intelligente? Sostenetele! Cercatele e fate loro pubblicità!
Io non sono un melomane (un appassionato di lirica), ma passando in edicola ieri non ho potuto fare a meno di notare la copertina del mensile OPERA, dedicata all'allestimento berlinese dell'Armide scritta da Christoph Willibald Gluck nel 1777, realizzato dal regista spagnolo Calixto Bieito. Un allestimento che farebbe invidia ai video più hard di Madonna (anche perchè, a differenza che nei video di Madonna, qui il nudo frontale maschile c'è e si vede tutto).
Non si tratta di un opera ufficialmente "gay", ma grazie al nudo maschile esibito generosamente (gli orsetti censori non li ho messi io) innesca una serie di processi psicologici che portano alle seguenti considerazioni:
1) E' legittimo che i maschi possano essere considerati oggetti di desiderio a prescindere dal pubblico a cui si rivolgono.
2) Il nudo maschile non è qualcosa di intrinsecamente brutto e da tenere nascosto.
3) E' legittimo andare a vedere uno spettacolo in cui compaiono uomini nudi.
Queste tre considerazioni, apparentemente banali, non lo sarebbero poi tanto in una realtà come la nostra, dove si interpretano in chiave omofobica le leggi per la tutela dei minori, vietando il nudo maschile integrale e desensualizzando il più possibile il corpo maschile nei nostri mass media (pubblicità a parte, ma è un altro discorso). In Italia il teatro non è un mass media da tempo, e per questo anche da noi ci sono allestimenti in cui gli uomini nudi (anche giovani e carini) sono esibiti con generosità (l'anno scorso ho visto un allestimento di questo tipo anche dalle mie parti ispirato alla storia di Ulisse... Molto sensuale davvero!). Peccato che se uno non segue il teatro non sappia dove e come i suddetti allestimenti siano presentati, visto che non viene loro fatta alcuna pubblicità (anche perchè mostrarli in TV sarebbe ILLEGALE), mentre dell'Armide di cui sopra ne hanno parlato diversi canali tedeschi con tanto di filmati non censurati. Magari sbaglio, ma secondo me la lotta all'omofobia parte anche dal sostegno che si può dare alle iniziative culturali che NON sono omofobiche e che mettono il pubblico omosessuale sullo stesso piano di quello etero. In questo modo si mette in moto un circolo virtuoso che da una parte combatte l'omofobia interiorizzata degli omosessuali e dall'altra fa perdere "potere" all'omofobia istituzionalizzata. Voi cosa ne pensate?
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

7 commenti:

Luca ha detto...

Riguardo a produzioni operistiche particolarmente "stuzzicanti" c'è un DVD di un'opera di Vivaldi in cui il protagonista, che interpreta Ercole, canta con indosso una pelle di leone e beh.. diciamo che
http://www.amadeusonline.net/news/ercole01.jpg
è una delle rare occasioni in cui le zampe del leone coprono qualcosa :D

Comunque Britten (che era omosessuale) ha lasciato diverse opere con toni omoerotici.

A proposito Vale, come va il tuo inglese? Perché Amazon.uk ha una marea di DVD di titoli a tematica a prezzi eccellenti, specie ora che la sterlina è a quasi parità. Io me ne sono fatto una piccola scorta :P ma non so quali abbiano i sottotitoli in inglese (certo nessuno o quasi in italiano).

Luca ha detto...

Credo che tu abbia ragione sul favorire e pubblicizzare eventi a tematica o gay friendly ^^
Tuttavia non ho ben capito il fatto che mostrare opere come l'Armide in tv sarebbe illegale... ti riferisci alla normativa per proteggere i bambini? Esiste comunque la seconda serata, o forse è troppo "spinto" anche per quella?
Con affetto,
Luca

Wally Rainbow ha detto...

Allora: l'argomento è complicato e lungo, ci ho anche scritto un paio di articoli su gay.it. In Italia funziona così: fino a qualche anno fa era vietato mostrare i genitali, a prescindere dalla fascia oraria, a meno che non rientrassero in un contesto "artistico", una definizione molto vaga e che comunque non deve cozzare col "comune senso del pudore", che in Italia è molto regredito negli ultimi anni. Tant'è che l'anno scorso è passata anche una nuova legge che vieta le immagini "sessualmente provocanti". Altra definizione molto nebulosa, che però ha reso molto più soft tutti gli spot a luci rosse trasmessi dai canali privati in tarda notte.

Anonimo ha detto...

Volevo chiedere a Luca se poteva essere più preciso sul titolo del DVD, e a te Valeriano se ne conosci altri di questo ehmmm... tipo. Grazie.

Wally Rainbow ha detto...

mhhhh... Vero che l'erotismo a sfondo culturale ha sempre un certo fascino?

Luca ha detto...

Quale DVD?
Allora, se intendi l'opera con Ercole ignudo, si chiama "Ercole sul Termodonte".

Se intendi i DVD su amazon inglese, qui puoi trovare la lista completa:
http://www.amazon.co.uk/s/ref=br_fq__all?ie=UTF8&field-power=(browse%3A655852%20and%20168710011)&search-alias=dvd&size=12&pf_rd_p=138995291&pf_rd_s=center-9&pf_rd_t=101&pf_rd_i=168710011&pf_rd_m=A3P5ROKL5A1OLE&pf_rd_r=0CS44X5ABYD8DQ6PGR9Y

(spero il link funzioni)

A meno che proprio non abbia capito la richiesta! :D

Anonimo ha detto...

Intendevo ercole, Luca, grazie della risposta