SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

lunedì 19 luglio 2010

NEWS...

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Oggi parto subito segnalandovi alcune di iniziative abbastanza significative, che ovviamente non hanno luogo in Italia. Tanto per cominciare nella ridente città canadese di Vancouver si terrà l'ennesimo Tom of Finland party... Che servirà anche a racimolare fondi per la sempre attiva Tom of Finland Foundation nella sua opera di promozione e valorizzazione dell'arte omoerotica...
Forse dirò una banalità, ma credo che la continua celebrazione di questo artista e della sua estetica sia la prova di come come l'arte e l'illustrazione possano contribuire a formare l'immaginario della comunità omosessuale, sempre ammesso che la suddetta comunità sia davvero tale e senta la necessità di riferimenti culturali e artistici. In questo caso sono i locali che si adeguano ai riferimenti culturali gay, e non il contrario come avviene da noi (dove, giusto per dirne una, siamo arrivati al punto di avere le riviste di informazione e cultura gay che vengono distribuite solo nei locali). Non stupisce, quindi, che quando la cultura gay non è ripiegata su se stessa, aumentano anche le occasioni per celebrarla in contesti di più ampio respiro. Giusto per farvi un esempio la Tanya Bonakdar Gallery di New York in questi giorni ha allestito un'esposizione dedicata agli oggetti di consumo firmati da grandi artisti, e - manco a farlo apposta - ha trovato posto anche l'ormai classico profumo firmato Tom of Finland (a proposito, qualcuno ha potuto provarlo?)...
E a proposito di come la cultura gay può influenzare le espressioni artistiche e viceversa, penso che sia emblematico anche il fatto che, in occasione del San Diego Comicon, di terrà la sesta edizione del “Heroes vs. Villains Comic-Con After Party” presso il Rich's San Diego, che a quanto pare è il locale gay più grande e importante della città... Dove, tra l'altro, si potrà arrivare in costume da supereroe, partecipando alla gara che metterà in palio ben 200$ per il vincitore...
Se non altro questo potrebbe giustificare, in parte, l'atteggiamento di alcune chiese locali che non vedono di buon occhio il San Diego Comicon e che stanno organizzando delle vere e proprie proteste pubbliche al riguardo... C'è da dire che, anche in questo caso, si può notare come la cultura gay americana, negli anni, sia stata capace di rielaborare la cultura pop e le sue allusioni gay, invece di escluderla a priori perchè non era apertamente gay friendly... E così, adesso, i fumetti americani sono diventati gay friendly sul serio. Un modo di ragionare praticamente alieno ai gay italiani, tant'è che nei locali gay che si trovano nei pressi dei grandi eventi fumettistici del nostro paese (che peraltro si svolgono sempre durante i week end) nessuno ha mai pensato a niente del genere... Forse perchè gli italiani in generale e i gay in particolare hanno una certa tendenza a ragionare per compartimenti stagni? Chissà... Certo è che, se non fosse così, in occasione della prossima edizione di Lucca Comics & Games ci sarebbe un motivo in più per organizzare una festa a tema, visto che in quel periodo si accavalleranno la fiera del fumetto più importante d'Italia, la festa di Halloween e il debutto italiano del film dedicato a Dylan Dog (con quel bel figliolo di Brandon Routh)...
Scommettiamo che anche stavolta i gestori dei locali gay della zona avranno le proverbiali fette di prosciutto sugli occhi, ignorando che buona parte delle decine di migliaia di visitatori di Lucca Comics & Games sono omosessuali? Sia come sia, sta crescendo l'interesse del pubblico gay anche attorno agli altri film aventi come protagonisti personaggi dei fumetti particolarmente piacenti... A partire da Thor, del quale - per gli amanti degli over 60 - ora è possibile vedere anche Anthony Hopkins nel ruolo di Odino e Tom Hiddleston in quello di Loky...
Tuttavia credo che Chris Hemsworth nei panni di Thor sarà qualcosa di imprescindibile (avete visto che bel profilo?)... Tra l'altro ha riveleato che si è trovato particolarmente a suo agio a maneggiare il martello visto il suo passato da muratore... Le battute si sprecano, ma a questo punto tutti si augurano il regista non sia stato così crudele da celare il fisico da muratore dell'attore per tutta la durata del film... Cosa che, in teoria, non dovrebbe capitare a Ryan Reynolds nei panni di Lanterna Verde, visto che il costume è stato inserito in computer graphic sul suo corpo...
L'effetto non è malvagio, anche se forse è un po' troppo "alieno" per suscitare pensieri lussuriosi... Anche se in effetti non si può giudicare dall'unica foto in anteprima che è circolata finora... D'altra parte stiamo parlando di un supereroe che ha rappresentato un'icona gay per generazioni di appassionati di supereroi, quindi mi rifiuto di credere che la produzione non abbia considerato la cosa... Più che altro resto perplesso per le immagini che continuano ad arrivare dal film dedicato a Conan...

I casi sono due: o Jason Momoa non è per niente fotogenico nei panni di Conan (e sulla pellicola viene benissimo), oppure ci troviamo di fronte a quello che potrebbe essere il film più trash degli ultimi anni (non so se avete notato il gonnellone)... Speriamo in bene, anche perchè - a quanto mi ricordo - Jason Momoa in foto non rende per niente, ma davanti alla videocamera è decisamente sexy... Uno che invece è sexy sempre e comunque (anche quando lo si mette su un pallone rosa fuksia) e François Sagat, che - come previsto - è stato confermato al Festival del cinema di Locarno... Anche se, a sospresa, sarà presente con ben due film! Infatti oltre a L.A. Zombies presenterà anche il film d'autore che ha girato al fianco di Chiara Mastroianni! E anche in questo caso abbiamo una prova di come la cultura gay sia qualcosa che tende sempre più spesso a uscire dal ghetto e ad inserirsi in un più ampio clima socio culturale in perenne evoluzione... Ed è anche per questo mi trovo un po' a disagio a raccontare che in Italia l'ultimo film di animazione prodotto, quello dedicato ai giudici Falcone e Borsellino in versione bambini anni '50, è stato trasmesso la scorsa domenica, alle 8,40 del mattino su RAITRE... E infatti io me lo sono perso...
Orario ideale, periodo ideale e canale ideale, giusto? Il modo migliore per mettere a frutto i soldi investiti nella produzione di un cartone animato, vero? Ma forse questa scelta è stata dovuta a uno slancio di pudore e di rispetto, visto che - dopo essersi resi conto di cosa si trattava - hanno realizzato che una cosa del genere suonava più o meno come un ulteriore vilipendio alla memoria dei due giudici nei giorni della loro commemorazione (già funestata da altri episodi ben poco felici)... Ironia della sorte: fra i doppiatori del film troviamo anche Leo Gullotta, che rimane praticamente l'unico attore gay dichiarato del cinema italiano da oltre vent'anni... Capito? A Locarno si celebra l'astro nascente di François Sagat, mentre in Italia l'unico attore gay dichiarato rimane Leo Gullotta (che per giunta è stato chiamato a doppiare un cartone animato di dubbio gusto trasmesso ad un orario improponibile). Probabilmente anche questo vuol dire qualcosa... Certo è che i soldi che hanno finanziato questa produzione (e che in parte sono quelli di noi contribuenti) avrebbero potuto essere meglio impiegati... Voi che ne pensate?

Cari lettori e lettrici: questo blog vi piace? Ci trovate notizie e informazioni che non trovate da nessuna parte? Non potete più farne a meno ? Non date per scontato che che questo idillio possa durare in eterno senza la vostra partecipazione! Onde evitare brutte sorprese guardate in alto a destra e troverete la possibilità di sostenere questo BLOG con un abbonamento simbolico. In parole povere: se vi iscrivete, ogni mese contribuirete alla salute di questo blog con la cifra di un euro. Se questo blog vi piace e se pensate che vada supportato questo è un modo comodo e sicuro per farlo...

5 commenti:

Awakening Art ha detto...

Come Sempre Vale i tuoi riferimenti son sempre molto dettagliati, avevo visto le scene tratte dai vari film è mi trovi sulla stessa linea per le tue perplessità, tranne che per green lantern.
A parte che Ryan Reynolds mi spara a mille gli ormoni, la tuta non mi sembra male, essendo un fan della serie ero molto perplesso su come potesse venire la resa in pellicola di una tuta iper aderente dai contorni smeraldini, invece questa prima immagine mi fa sperare bene.
Sul film d'animazione di Falcone e Borsellino non mi posso pronunciare perchè non l'ho visto, ma gli articoli che ho letto lasciano ben poca speranza.
Poi se consideri, come si poteva sperare di narrare fatti così importanti attraverso la prospettiva del media animazione, quando non se ne riesce nemmeno a parlare o inquadrare la vicende nel modo tradizionale!
ps: ma organizzare per Lucca una mostra espositiva di artisti gay magari appoggiandosi a qualche disco o bar?

Albireo ha detto...

ehm...scusatemi l'ignoranza ma Green Lantern perchè è icona o cmq è così importante nel monda gay?
concordo con quanto hai detto in foto Conan non sembra proprio il max speriamo bene per il film

Wally Rainbow ha detto...

Ne ho parlato un paio di anni fa proprio qui su http://lightelf.blogspot.com/2008/10/conoscere-insieme.html
Non ripassi i vecchi post eh? :-)

Awakening Art ha detto...

Le argomentazioni del tuo vecchio post Vale sono tutte valide, però non posso non pensare che nell'universo narrativo di Green Lantern c'è un enorme potenziale non sfruttato sull'argomento della caratterizzazione sessuale dei personaggi.
Mi riferisco all'enorme eterogeneità di razze aliene che compongono il mondo in cui si muove GL, possibile che in tutte quelle moltitudini di forme biologiche e società diverse, non c'è n'è una che non sia basata su un modello di genere sessuale maschile e femminile? Eppure la biodiversità della Terra ci insegna che la natura è ricca di altre soluzioni evolutive, dall'ermafroditismo successivo (individui giovani maschi che diventano femmine da grandi) a popolazioni di sole donne (partenogenesi) gli scenari narrativi che si aprirebbero sono infiniti, eppure le vicende che riguardano le altre lanterne mi sembrano sempre attingere da un tipo di fantascienza un po retrò.

Wally Rainbow ha detto...

Condivido, ma forse pretendi troppo da un fumetto che è nato e cresciuto sotto l'influenza del Comics Code.