SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

lunedì 14 settembre 2009

LA NOTIZIA DI OGGI

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Oggi volevo segnalarvi una novità che giunge dal Giappone e che in effetti potrebbe preludere ad una ulteriore evoluzione nel mondo dei bara manga (che, vi ricordo, sono i fumetti a tema gay - spesso molto erotici - realizzati da gay per gay). Prima di tutto dovete sapere che, se nei fumetti occidentali (e in particolare in quelli di supereroi) è pratica molto comune ricorrere ai cosiddetti cross-over (ovvero agli incroci narrativi fra personaggi che abitualmente non operano assieme, e che talvolta non condividono nemmeno lo stesso universo narrativo e spesso nemmeno lo stesso editore), in Giappone è cosa assai più rara, anzi rarissima. In primo luogo perchè in Giappone ogni serie è gestita da un singolo autore (o gruppo di autori) dall'inizio alla fine, e in secondo luogo perchè ogni autore (e spesso ogni serie) - di fatto - crea una nuova unità grafica e narrativa completamente a sè stante. Talvolta i cross-over si verificano fra personaggi di manga creati dagli stessi autori... Ad esempio è capitato con Occhi di Gatto e City Hunter di Tsukasa Hojo...
Tuttavia si tratta di casi davvero rari, anche perchè gli autori di manga hanno sempre una grande considerazione dei loro lavori e molto difficilmente acconsentirebbero a corromperne l'integrità per biechi fini commerciali... Leggermente diverso è il discorso nel mondo dei cartoni animati giapponesi, che dai manga prendono un buon 80% dei loro spunti. In questo caso le case di produzione acquistano i diritti di sfruttamento di questo o quel personaggio dai fumettisti e possono permettersi qualche libertà in più, usando stratagemmi spesso inverosimili... Esemplare in questo senso il caso di Lupin III, che in un episodio degli anni 80 (il centesimo della seconda serie) incontrò addirittura Lady Oscar!
E a quanto pare Lupin III sembra abbastanza predisposto a questo genere di incontri anche oggi, visto che - giusto in un film animato dell'anno scorso - ha incrociato la sua strada con uno dei più grandi successi animati dell'ultima generazione (perlomeno in Giappone), ovvero l'infallibile detective Conan...
Anche nel mondo delle serie animate giapponesi, però, questi restano eventi molto saltuari, anche se è molto frequente che in una serie animata ne venga citata "fra le righe" un'altra, per la gioia degli appassionati, che di solito si esaltano come non mai per questo genere di cose. Rimane il fatto che l'incrocio più raro di tutti (perlomeno nel mondo dei manga) è quello che vede due autori lavorare sui disegni dello stesso fumetto, dividendosi i personaggi... Quindi fa un certo effetto vedere che anche due dei più popolari autori di bara manga attualmente in attività, e cioè Tsukasa Matsuaki e Takeshi Matsu, si sono cimentati nell'impresa. Infatti è già arrivata a quota tre albetti la serie che stanno autoproducendo assieme in questo modo, e che si intitola SHOUKA DOU...
Ora: mi rendo perfettamente conto che, siccome Tsukasa Matsuaki e Takeshi Matsu (nonostante siano degli autori cult del genere) sono pressochè sconosciuti dalle nostre parti, questa notizia non vi avrà fatto venire esattamente la pelle d'oca, però credo che sarete d'accordo con me se dico che comunque si tratta di un'iniziativa interessante e originale, che conferma la vitalità dei bara manga nella patria del sushi. Ora: questi due autori da noi sono del tutto inediti nonostante in Giappone continuino ad uscire volumetti che raccolgono i loro lavori...
Pertanto non ha alcun senso ipotizzare quando e come potremo vedere tradotto in italiano il lavoro a due mani che ora portano avanti insieme, tuttavia si tratta di un esperimento decisamente significativo anche per quel che riguarda il mondo del fumetto gay nel senso più internazionale del termine... Magari pecco di ottimismo, ma forse potrebbe rappresentare un ulteriore stimolo alla diffusione di questo genere di manga, voi che ne dite? Comunque, ottimismo a parte, vorrei concludere questo post segnalandovi che - finalmente - su wikipedia (per ora solo in inglese) è comparsa una bella ed esauriente voce dedicata proprio ai BARA MANGA... E la cosa che più mi ha stupito è che nella suddetta voce inglese di wikipedia vengo pure citato io con i miei articoli di approfondimento dedicati ai bara manga! WOW! Sarà un buon segno anche questo?
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Scusa, ma in quale paragrafo sei citato?

Wally Rainbow ha detto...

Nel paragrafo Bara versus yaoi, sono indicato nella noticina numero 42...
(^__^)

kanzeon ha detto...

Complimenti per la citazione ;-)

Anonimo ha detto...

Per quanto riguarda la reperibilità dei bara in italia sai se c'è qualche novità o bisogna sempre usare Rainbow Shoppers?

Wally Rainbow ha detto...

A quanto mi risulta rimane la scelta migliore,nonostante il prezzo della spedizione che è un vero e proprio salasso...