SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 25 aprile 2008

ANNIVERSARIO...

Prima di tutto vi ricordo che questo blog è aggiornato con una certa frequenza, quindi a quanti non si fossero ancora abituati a farlo, suggerisco di passare almeno una volta alla settimana...E se volete commentare anche i post vecchi di qualche giorno fate pure :-) E non fatevi scrupoli a dare un'occhiata anche negli archivi di tanto in tanto, per sicurezza :-)
In attesa che la brutta costipazione che mi ha bloccato nelle ultime settimane passi, colgo l'occasione per condividere con voi un piccolo pezzo della mia storia :-)

Forse qualcuno si sarà chiesto come e quando il mio fare fumetti è passato da hobby personale a potenziale professione...In effetti un momento che sancisce questo passaggio c'è stato, e non mi riferisco alla pubblicazione di RAINBOWS su Gay.It. Tra l'altro proprio oggi ho realizzato che da quel momento a oggi sono trascorsi 10 anni esatti. Correva l'anno 1998 quando il ventiduenne Valeriano si stava rendendo conto che era arrivato a un punto morto. Dopo aver finito il liceo artistico, e non potendosi permettere una scuola di fumetto seria, aveva provato a fare l'Accademmia di Belle Arti a Milano, che si rivelò presto una scelta decisamente improduttiva e frustrante. Poi aveva provato a fare il restauratore di affreschi, e anche quella fu un'esperienza poco gratificante e decisamente avvilente. Poco dopo avrebbe fatto anche un corso post-diploma per progettista di giardini e avrebbe collaborato con uno studio specializzato, giungendo per l'ennesima volta alla conclusione che il mondo è pieno e strapieno di approfittatori senza scrupoli, che tutto vogliono fuorchè dare spazio ai giovani collaboratori e alle loro potenzialità. A questo punto Valeriano ha realizzato che a parità di investimento tantovaleva dedicare tempo a quello che voleva fare da sempre: i fumetti. A Valeriano, però, serviva innanzitutto la prova che quello non era tempo perso. Gli serviva una prova, anche piccolissima, che c'era speranza. Lesse su una rivista che a Prato si teneva un concorso abbastanza rinomato per aspiranti fumettisti e illustratori, Il Concorso Pierlambicchi, durante La Rassegna del fumetto e del fantastico che si tiene nella città dal 1980. NOn aveva molto tempo...Quindi mise insieme una storia un po' sconclusionata, ma ci mise davvero molto impegno. Qualche tempo dopo - una domenica mattina - Valeriano ricevette una chiamata da Prato, da un signore che gli diceva che la sua storia era stata selezionata fra le prime 10, su circa 400 partecipanti...E quella fu la prima voltà che Valeriano pensò sul serio che da questa sua passione poteva cavarne qualcosa di buono e che fino a quel momento non era stato solo un illuso. Descivere la sensazione di Valeriano in quel momento è molto difficile, quindi ve la lascio immaginare. Poi Valeriano ebbe una serie di problemi, e non avendo nessuno che lo accompagnasse a Prato non ha mai potuto vedere la sua storia esposta...O ritirare gli originali, che ora si troveranno ancora da qualche parte a Prato, suppongo. Fortunatamente, però, prima di spedire gli originali si era fatto delle fotocopie. La suddetta storia a fumetti è quella che posto qui di seguito. Per me è parecchio imbarazzante farla vedere oggi con tutte le sue ingenuità, però ho pensato che magari come documento storico avesse un suo senso. Per vedere le tavole più grandi cliccate sull'immagine, così potrete leggere anche i testi (che all'epoca relizzai con una vecchia macchina da scrivere elettrica, visto che un computer non ce l'avevo).







7 commenti:

alessandro ha detto...

=) grazie x aver condiviso 1 parte della tua avventura ^^ l'ho letta con molto interesse e sn contento che alla fine hai trovato i fumetti ^^ ps. bellissimo il fumetto che hai postato ^^

Matt ha detto...

Mi accodo ad alessandro nel ringraziati nel dimostrare ai tuoi numerosi fun e lettore quanto tieni a loro parlando di un scorcio della tua vita .Parlando del fumetto la storia è un pò come dire mmm.... "fantastica" mi ricorda vagamente quei cartoni e telefilm fine anni 80 , pero nel complesso carina anzi a dirla tutta non mi dispiacerebbe vedere la continuazzione .Credo che sarebbe simpatico vedere le disavventure dei due fratellasti e le "avventure " del barbaro e del (pero ora ) nerd.

Anonimo ha detto...

Cosa significa "nerd"?

loran ha detto...

Bella questa storia e come matt mi piacerebbe leggere la continuazzione.

Anonimo ha detto...

Concordo con Matt, i presupposti per una bella serie ci sono tutti...

Anonimo ha detto...

Grande Vale!
Mi è piaciuto molto questo fumetto,
se poi considero che eri alle prime armi, direi che è proprio di valore.
Grazie per averlo condiviso con noi ed aver condiviso una parte della tua vita.
A presto

Awakening Art ha detto...

ah ah sei un grande Vale! molto carina la storia, e si vede che ti ci eri impegnato un sacco! infatti bisogna ricordare che non avendo il pc, tutti gli effetti delle vignette sono fatte a mano! veramente lodevole! cmq lasciati dire una cosa, quando uno ti scopre, poi difficilmente riesce a fare a meno del tuo humor!