SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

giovedì 24 aprile 2008

LA RIFLESSIONE DI OGGI

Alex Baresi è un ragazzone di 28 anni che nel 2004 si è laureato in economia internazionale all'Università di Genova. Siccome evidentemente è un ragazzo creativo e consapevole delle sue potenzialità, ha mandato le sue foto alla Raging Stallion, nota casa di produzione hard gay specializzata in maschioni muscolosi, pelosi ed estremamente machos. Nel giro di una settimana gli è arrivato il biglietto aereo per recarsi a San Francisco per un provino (e qui si vede la professionalità americana), e da quel momento è partita la sua carriera di attore hard gay ai massimi livelli. Rimanga fra me e voi, ma nel suo genere (il sesso estremo) è davvero bravo, e non meraviglia che abbia ottenuto tanti e tali riconoscimenti di pubblico e critica in così pochi anni. Oggi ha un contratto in esclusiva con la Titan Media, la sua carriera è in continua ascesa e ha inaugurato una sua linea di accessori erotici.
Il punto però è un altro. Recentemente Alex Baresi è stato il testimonial della Titan Media all'Adultex, una fiera per soli addetti ai lavori che si tiene annualmente a Melbourne, in Australia (visto che laggiù il porno è una cosa seria). In questa occasione, però, è stato contattato da un pittore/fotografo locale abbastanza quotato: Ross Watson (potete andare sul suo sito cliccando sul titolo di questo post). Il suddetto pittore/fotografo, gay dichiarato, ha chiesto ad Alex Baresi di posare per lui, e lui ha accettato di buon grado di contribuire ad arricchire il panorama artistico australiano. Le cose da dire, a questo punto, sarebbero tante. Ross Watson è un riferimento e un vanto per la comunità gay australiana e per la sua scena artistica e culturale. Ross Watson chiede ai più bei maschi australiani (sportivi, attori, cantanti...) e non solo di posare per lui: questi acconsentono e nessuno batte ciglio. Alex Baresi probabilmente non è mai stato considerato da nessun artista italiano, ma quando è arrivato in Australia Ross Watson lo ha accolto a braccia aperte. Ross Watson espone in lungo e in largo per l'Australia e pubblica sulle riviste d'arte più prestigiose, ma al tempo stesso i suoi lavori diventano le copertine delle guide gay australiane e abbeliscono le riviste gay locali, e nessuno ci vede niente di strano. Siccome mi scoccia finire sempre per concludere i miei post con dei paragoni infelici con la situazione italiana, questa volta non lo farò. Mi limito a postare una minigalleria con i dipinti di Ross Watson.









7 commenti:

Sheila D.R. ha detto...

Ho scoperto Baresi qualche tempo fa, girottolando per i myspace, inizialmente non sapevo nemmeno che facesse del cinema hard, poi mi sono inorgoglita per la sua riuscita. Mi son detta: ecco un'Italiano che ce l'ha fatta dove di solito si pensa che solo gli americano possono!
In tutto questo non sono ancora riuscita a vedermi un suo film e non so neanche che tipo di porno faccia. So soltanto che lo vedrei bene ad accompagnarmi a fare spesa... un kilo di pasta, un vasetto di acciughe, quattro pomodori... a si, il pane!
Sai come si dice, pane amore e fantasia! ;-)

V. ha detto...

Uhm... sarà, ma a me 'sti quadri non è che dicano granchè!... Certo che il mondo dell'arte è proprio strano!

Wally Rainbow ha detto...

Devo essere sincero...Anche a me sembrano freddini...Fatto sta che l'autore li vende partendo da una base di circa 6000/7000$ ciascuno...Ed evidentemente c'è qualcuno che glieli compra. Poi magari c'è da dire che l'australiano medio non ha mai potuto sviluppare il gusto per l'arte dell'italiano medio, perchè non vive immerso nelle opere d'arte come noi, e di conseguenza si accontenta di poco :-)

Wally Rainbow ha detto...

Cioè...NOn volevo dire che si accontenta di poco nel senso che questi quasri sono brutti...Volevo dire che l'australiano medio si accontenta con meno...Ecco... :-)

hansstainer ha detto...

No no, sono proprio brutti.

V. ha detto...

Ahaha... Vale! XD
Insomma, certo c'è tecnica, ma aggiungere maschi ignudi a pezzi di altri quadri non mi sembra nemmeno una grande idea creativa...
E' anche vero che se *fanno la fila* per farsi ritrarre da lui evidentemente il nome ormai è consolidato.
Almeno in Australia.
Non so... sembra un caso di "un gay che sa dipingere, facciamolo diventare una star" manco fosse una scimmia... la cosa un mi atterrisce!

Anonimo ha detto...

I thіnk thiѕ іs one of the mοst signifiсant infοгmation for me.
Аnd i am glad reading your аrticle.
But want to rеmarκ on few generаl things, The site ѕtyle іs perfect, the аrticles
is reallу nicе : D. Good job, cheeгs
My page: please click the next website