SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

lunedì 12 ottobre 2009

LA NOTIZIA DI OGGI

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Il signore che vedete nella foto qui sotto non ha partecipato a un casting per il ruolo del Jocker nel nuovo film di Batman, ma si chiama Rich Ross e ultimamente ha offerto molti spunti di riflessione per la comunità gay internazionale.
Rich Ross ha 47 anni e vive da venti con il suo compagno. Anche se in Italia il suo nome è pressochè sconosciuto ha diretto fino a pochi giorni fa il canale televisivo per ragazzi “Disney Channel” (quello statunitense, per la precisione), portando al successo la rete e consacrando al pubblico personaggi quali Miley Cyrus e i Jonas Brothers. Già il fatto che un gay dichiarato è stato a capo di uno dei più importanti canali per ragazzi al mondo è qualcosa di notevole, ma ora il signor Rich è al centro dell'attenzione per un altro motivo. Infatti è stato messo a capo del settore produttivo dei Disney Studios! In poche parole farà quello che ha fatto Walt Disney fino al momento della sua morte negli anni 60... Infatti a Rich spetterà l'ultima parola in fatto di film (animati, digitali e dal vivo), serie TV, telefilm e quant'altro...

Tutto ciò, oltre ad essere un segno dei tempi che cambiano e della politica gay-friendly della Disney (perlomeno di quella americana) di oggi, sicuramente rasserenerà anche gli appassionati di fumetti non disneyani... Eh già! Perchè forse anche a voi sarà giunta la notizia dell’acquisizione del colosso fumettistico MARVEL da parte dell’impero multimediale DISNEY per qualcosa come quattro miliardi di dollari... La notizia ha una rilevanza particolare per la comunità omosessuale in quanto, essendo che i fumetti dei supereroi MARVEL ultimamente si sono sempre più aperti nei confronti delle tematiche GLBT, qualcuno ha ventilato l’ipotesi di un dietro front dovuto alle direttive dei vertici disneyani, che forse avrebbero preferito rivolgersi a un target più ampio non necessariamente gay-friendly. In realtà questa preoccupazione sembrava infondata per almeno due motivi precedenti alla promozione di Rich Ross: il primo è che ormai sono davvero tanti i personaggi omosessuali dichiarati che fanno ufficialmente parte dell’universo MARVEL, in secondo luogo l’apertura della DISNEY verso i gay non è una cosa nuova. La DISNEY garantisce da tempo ai parter omosessuali dei suoi impiegati gli stessi benefit aziendali di quelli etero, ed è ormai una tradizione consolidata il Gay Day che si tiene nel Walt Disney World di Orlando (in Florida) il primo week end di giugno (fin dal 1991). Intendiamoci: non è il parco che lo promuove, ma non si è mai opposto a questa libera iniziativa organizzata dalla comunità gay... E, anzi, in più di un occasione ha messo a disposizione i suoi carri per il loro corteo.D'altra parte è da anni che la DISNEY realizza indirettamente tutta una serie di prodotti che non si rivolgono alle famiglie (come ad esempio LOST e DESPERATE HOUSEWIFES, dove l'elemento gay non è certo ignorato). Comunque, per chi non lo sapesse, in Italia abbiamo le succursali ufficiali sia della DISNEY (anche se si occupa prevalentemente di fumetti) che della MARVEL (tramite la Panini), e sarà molto interessante verificare se e quanto recepiranno il clima gay-friendly delle loro controparti americane... Chessò... Qualche bel coming out ufficiale di qualche alto dirigente italiano della MARVEL (o della DISNEY).... Magari con una bella intervista su qualche sito gay (visto che da noi la stampa gay non esiste)... OK... Fra Italia e USA c'è un oceano di distanza, e non solo in senso geografico, ma dopotutto essere ottimisti (e dare qualche suggerimento) non costa nulla... E poi l'onda lunga di quello che succede in america prima o poi arriva anche da noi, dico bene? In ogni caso sapere che la DISNEY americana è diventata un po' più gay-friendly rimane comunque una notizia molto confortante, non trovate anche voi?
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

5 commenti:

Nicola ha detto...

Fantastico sapere la Disney con noi...non arriverà mai un Aladdin gay ma almeno se si infonde il rispetto da bambini vero qualsiasi orientamento sessuale ci sarà speranza per una formazione non più omofoba.

Grande Wally

loran ha detto...

Una notizia molto rilevante che una persona con un così alto potere economico-decisionale sia dichiaratamente gay, in passato e ancora oggi i presidenti degli studi cinematorafici, gay e non dichiarati sono stati i più accaniti nemici di tutto il resto delle comunità gay americane.

Luca ha detto...

Wally, mi hai proprio aperto gli occhi sulla Disney.
Fino ad ora la avevo considerata un'azienda ai limiti dell'omofobia, in effetti basandomi solamente sulle mie impressioni, ignorando tutti i particolari da te citati. Temevo anche io una brutta influenza sulla Marvel, ma adesso sono assai più sereno, e tutto grazie a te Wally!

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie