SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 23 luglio 2008

LA NOTIZIA DI OGGI

Ciao a tutti e a tutte...Come state? Anche oggi come tutti i mercoledì ho controllato la classifica di www.alexa.com, e pian piano sembra proprio che il posizionamento di questo blog continui a migliorare (^___^). Direi che è un buon segno, se non altro perchè vuol dire che i miei post non vi annoiano e che comunque vi viene voglia di tornare a vedere quello che scrivo. Grazie! Detto questo oggi volevo condividere con voi una di quelle notizie che in Italia sarebbero pura fantascienza dall'inizio alla fine. Vediamo...Da che parte comincio? OK! Dall'inizio! Negli USA ci sono pochi grandi editori di comic-book (Marvel Comics, DC Comics...), diversi editori medi (Image, Dark Horse...) e una gran quantità di piccoli editori che si avventurano nel mercato con proposte più o meno interessanti, con idee anche originali e con alterni risultati di pubblico e critica. I suddetti editori, grandi o piccoli che siano, non se ne stanno rinchiusi in redazione come i nostri e ci tengono a mantenere il contatto col pubblico anche attraverso varie iniziative collaterali, come ad esempio party e feste di anniversario. Uno di questi piccoli editori si chiama BOOM! STUDIOS e non produce (ripeto: NON pruduce) fumetti a tema gay. In compenso quest'anno voleva festeggiare il suo terzo anniversario con un rinfresco in un mega hotel che si affaccia sulla baia di San Diego (California): il Manchester Grand Hyatt.
Tutto chiaro fin qui? Bene... E' successo che Doug Manchester, il proprietario del suddetto mega hotel, abbia donato 125,000 $ (circa 80000 € al cambio attuale... Mai che a me facciano una donazione del genere!) ad una associazione che si batte CONTRO i matrimoni gay in California e che promuove i SI al referendum abrogativo che si terrà questo autunno. Ovviamente, se vincessero i SI nel referendum abrogativo i matrimoni gay non sarebbero più possibili. Saputo questo i ragazzi della BOOM! STUDIOS hanno deciso di rispondere a loro modo all'iniziativa, e trasformeranno il loro rinfresco in un Gay Pride Party!
Il che non vuol dire, come da noi, chiamare una drag queen e mettere musica a palla, magari attirando un nugolo di finocchie che tutto vogliono fuorchè essere sensibilizzate sulle questioni concrete. Questo Gay Pride Party, invece, sarà l'occasione per solidalizzare e manifestare in modo colorato per i diritti della comunità gay e lesbica californiana, e sarà ancora più incisivo se si considera che si terrà nell'hotel di proprietà di una persona che evidentemente - da bravo imprenditore conservatore - vi si oppone. Magari la BOOM! STUDIOS spera anche in un ritorno di immagine, ma è evidente che prima di tutto per loro è una questione di principio, tant'è che - ripeto - non producono nulla che si rivolge prettamente al pubblico gay. Quando sento notizie come queste mi verrebbe voglia di passare ore e ore a fare paragoni impietosi con la situazione italiana, ma qui le cose da dire sarebbero davvero troppe! Mi limito a dire che se il nostro mondo del fumetto la smettesse di vivere arroccato sul suo eremo e cercasse un maggior contatto con il pubblico e con la realtà ne gioverebbe sicuramente... Detto questo, se volete conoscere meglio la BOOM! STUDIOS cliccate QUI e potrete anche vedere numerose preview delle loro produzioni. Tra l'altro grazie a questa notizia ho scoperto che fanno storie di genere Bwah-ha-ha (che poi sarebbero storie di supereroi alle prese con situazioni ironiche e demenziali, strabordanti di umorismo da sit-com) e io adoro le storie Bwah-ha-ha... Soprattutto quando sono scritte dal duo Giffen/Dematteis... Che, guardacaso, ora lavora proprio per la BOOM! STUDIOS...

5 commenti:

loran ha detto...

Quello che dici Wally mette in risalto un altro problema dell'Italia, e cioè poca solidarietà sociale tra diversi gruppi sociali.
Molti anni fa rimasi colpito quando in Francia ad una manifestazione di pescatori sfilavano anche gli studenti o quando ad una di operai manifestavano anche gli impiegati.

art ha detto...

I loved Giffen/Dematteis' Justice League comics of the late 1980s/early 1990s. They were really hilarious, and as you said, like printed sit-coms.
And the cover you showed on your blog immediately reminded me of their classic Blue Beetle/Booster Gold scenes. ... [sigh]... I'm getting all nostalgic here. :D

Wally Rainbow ha detto...

I loved Giffen/Dematteis' JL also! And i loves the absurde sequel from this artists before Infinite Crisis plot (when Mary Marvel goes in the squad iin replace of Captain Marvel)...When in Infinity Crisis Blue Beetle passed away was a very sadly moment for me(sigh...sigh...)!

Apollo84 ha detto...

Belle tutte queste news quotidiane, si scoprono cose che fino ad ora non avevo mai pensato di scoprire, sarebbe bello pero', anche aggiornare le strisce, non e' possibile, una settimana si e tre no, due settimane si e due no...

Wally Rainbow ha detto...

Hai perfettamente ragione!