SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

domenica 13 luglio 2008

LA RIFLESSIONE DI OGGI

Sta per uscire (ad agosto) il primo fumetto italiano avente per titolare una persona di colore...E per la precisione sarà una donna agente dell'FBI. Il suo nome è Pepper Russel e in questa prima avventura, affiancata dal suo collega Richard Martin, sarà sulle tracce di un serial killer donna che uccide i pentiti sotto protezione. Riporto questa notizia perchè riflette una situazione paradossale interessante e tipica del nostro paese: da una parte c'è l'intenzione di stare al passo coi tempi e con il mutare della società (seppur con notevole ritardo), e dall'altra non ci si rassegna ad affidare questo compito a persone che siano rappresentative dei cambiamenti in atto...Col risultato di non concretizzare per il meglio quella che potrebbe essere un'idea molto buona.

Non si sa come andrà questa iniziativa editoriale, ma visto che l'editore sarà la MAX BUNKER PRESS bisogna augurarsi che il personaggio non risulti inverosimile come è già successo con Kerry Kross, la detective lesbica dichiarata realizzata dalla stessa casa editrice: uno dei personaggi più involontariamente grotteschi mai creati, di cui in questi giorni è appena uscita in edicola una nuova storia. Ormai è dal 1994 che Kerry Kross boccheggia senza avere grandi riscontri, e adesso si è ridotta ad uscire con uno o due albi all'anno, quando non compare come spalla nelle avventure di un'altro personaggio femminile altrettanto poco credibile: il procuratore distrettuale Beverly Kerr.


Giustificazione dell'editore: il pubblico non è pronto a un personaggio omosessuale dichiarato. Giustificazione mia: non si può creare un personaggio con delle caratteristiche di cui si sa poco e niente. Kerry Kross è una lesbica "finta", nel senso che si basa sui preconcetti, sui luoghi comuni e sul sentito dire. Il suo ideatore non è una lesbica (anche perchè è un maschio, e per giunta di una certa età, dato che si tratta di Max Bunker, nome storico del fumetto italiano che è nato nel 1939!) e probabilmente non ha nemmeno mai frequentato delle lesbiche, il loro mondo o semplicemente il loro reale contesto. Figuriamoci, poi, se ha mai avuto a che fare con delle lesbiche che fanno le detectives private negli Stati Uniti...


E' ovvio che quello che ne può saltare fuori è un minestrone in cui si spera che qualche colpo di scena (peraltro abbastanza banale) possa compensare le notevoli lacune di base del progetto. Come dice il proverbio: "chi sa tace e chi non sa insegna". Adesso sono proprio curioso di vedere cosa succederà quando lo stesso autore se la dovrà vedere con un'agente di colore che lavora all'FBI...Tanto valeva fare un fumetto di fantascienza. Non metto in dubbio le capacità di chi ha fatto la storia del fumetto italiano, ma - dico io - non sarebbe ora di lasciare spazio ad autori e idee più giovani??? Se io fossi un'editore che l'anno prossimo compirà settantanni un pensierino ce lo farei, invece di ostinarmi a sceneggiare tutto da solo...Perlomeno quando mi viene l'idea di tirare fuori dal cappello dei fumetti che trattano di argomenti su cui non sono ferrato...Una volta poteva anche funzionare (infatti Max Bunker ha ideato Alan Ford, un fumetto - ancora in corso di pubblicazione - ambientato in una New York totalmente inventata, che è stato uno dei grandi successi degli anni 60 e 70), ma oggi una simile scelta è totalmente improponibile. Soprattutto in un fumetto realistico al 100% e non volutamente grottesco e surreale come nel caso di Alan Ford (e dei suoi colleghi del gruppo T.N.T che vedete qui sotto). Oggi se anche l'idea di base è buona, ma non si sviluppa con i giusti accorgimenti, se ne ricava più che altro uno spreco di carta e inchiostro. D'altra parte immagino che tutto ciò sia perfettamente in tinta con un paese come il nostro. Comunque se vi avanza qualche euro e vi capitano sottomano i fumetti di Kerry Kross provate ad aquistarli e poi sappiatemi dire cosa ne pensate....(^___^)

2 commenti:

Nico ha detto...

Ciao !
Ho una piccola domanda da straniero, che mi disturba ormai da anni... Perché tutti questi fumetti italiani sembrano tutti cosi americani ? Non critico l'influenza dei comics, ma perché, per esempio, usare nomi americani, ecc. ?
Se potesse rispondermi, sarebbe bello...

Erox ha detto...

Ciao, scrivo per diletto racconti erotici gay e stavo cercando una persona capace di disegnare a cui potesse interessare realizzare i miei racconti in versione fumetto; una persona mi ha segnalato il tuo blog così ti faccio l'invito a prendere in considerazione la proposta, il mio blog lo trovi nel link del mio nome