SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 30 luglio 2008

IL POST LEGGERO DI OGGI

Ciao a tutti e a tutte! Non vorrei passare per una persona fissata, ma siccome ho saputo che c'è della gente che ha fatto pubblicità a questo blog dopo averlo scoperto perchè parlavo del cartone di JEM, e siccome qualcuno mi ha chiesto maggiori informazioni sulla serie di giocattoli e relativo cartone che prese il suo posto, oggi volevo approfondire un attimino questo discorso. Poichè la Hasbro pensò che le vendite di JEM fossero state penalizzate dal fatto che il cartone era troppo adulto (la prima puntata iniziava con il funerale del padre della protagonista, e in alcuni episodi si parlava persino di dipendenza da droghe e spaccio nelle scuole) e dal fatto che le relative bambole non fossero in scala con le più popolari Barbie, pensò di lanciare un nuovo prodotto che ovviasse a queste due lacune. Bloccò JEM (nonostante diversi nuovi prototipi in fase di pre-produzione) e cambiò decisamente strada. La serie che venne elaborata per sostituire JEM, infatti, fu Maxie (in Italia arrivò solo la serie animata, anni dopo, con il titolo "Tutti in scena con Melody"). Già dalla sigla si poteva intuire che era un prodotto banalissimo e che si rivolgeva ad un target molto infantile. Ecco qui la sigla originale...



E per i più masochisti ecco anche la sigla cantata da Cristina D'Avena...



E siccome non voglio farvi mancare nulla eccovi anche gli spot americani della bambola: interpretati da una Maxie in carne ed ossa...Che riusciva ad essere persino più cotonata della bambola stessa...











Ovviamente nessuno ebbe da ridire sul cartone (in cui Maxie era una modella teenager che lavorava nel mondo dello spettacolo) o sul giocattolo, visto che riproponeva il classico modello "oca giuliva", bionda e trendy, che viveva in un mondo idilliaco, senza problemi o grandi difficoltà, al punto di risultare persino ridicola. Tant'è che di Maxie non si ricorda nessuno, mentre JEM - con le sue innocenti trasgressioni e il suo clima gay-friendly - è entrata nella storia dell'animazione televisiva (e non solo, visto che si vocifera di un suo prossimo revival cinematografico).

1 commento:

gianluca ha detto...

beh innocentissime le trasgressioni di jem non erano... c'era un clima molto libertino.. mi ricordo la sorella che correva da un uomo all'altro con biasimo del musone rio... c