SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 27 febbraio 2008

LA RIFLESSIONE DI OGGI

Visto che era da un bel po' che non postavo nulla, in via del tutto straordinaria oggi faccio un altro intervento. Questa volta parto da una riflessione fatta da Gianfranco Goria, gestore del bellissimo sito www.fumetti.org. Il suo discorso parte dall'analisi dei fumetti disneyani che in questo periodo sono allegati al Corriere della Sera, quelli paperosi realizzati dal grande Carl Barks (non ha caso definito l'uomo dei paperi). Ecco cosa dice Gianfranco Goria:

"Qui, Quo e Qua hanno fatto, oggi, una strada diversa per tornare da scuola e hanno finito per passare proprio in mezzo alla più squallida periferia della loro città, là dove vivono i baraccati, i più poveri, i senza lavoro, nella miseria più cupa. Lo si vede non solo dalle catapecchie, ma anche dagli stracci che indossano, dalle faccine smunte e tristi, dai giocattoli che usano: dei barattoli e la neve che li congela. Siamo sotto Natale, per giunta, e i nostri tre piccoli, vestiti decentemente e con la testa ai regali che riceveranno tra pochi giorni, si sentono improvvisamente come dei grassi porcelli.

Questa è la descrizione della prima vignetta della storia Paperino e il ventino fatale (A Christmas for Shacktown), di Carl Barks, del 1952, ristampata nel volume 4 della serie, in edicola, La Grande Dinastia dei Paperi per il Corriere della Sera. Quei poveri sono gli stessi di oggi, che siano extracomunitari, o no. Storie così, che raccontano la vita vera, e quindi anche le miserie della gente, che lo fanno senza falsi pudori, senza l'anestetico del "politically correct estremo", persino senza un vero lieto fine, e che la raccontano ai bambini, farete molta fatica a trovarne sul Topolino di oggi, dove la "realtà quotidiana" è rappresentata da Totti e altri VIP in versione papero, ma la povertà vera, i problemi stringenti che i nostri figli incontrano confrontandosi coi compagni a scuola, per esempio, non sembrano poter avere cittadinanza nella narrativa disegnata "ammorbidita" dalle esigenze del marketing: non scontentare mai nessuno e vendere il più possibile a tutti. Certo, l'autore era Barks, quello che era capace di fare satira sociale feroce raccontando divertenti storie ai bambini, quello che, per dirne una, lo scoutismo recentemente festeggiato, lo faceva a fettine coprendolo di ridicolo con l'invenzione delle Giovani Marmotte, scioccamente all'inseguimento di stupide medaglie e riconoscimenti tanto esagerati quanto inutili, coi loro capi dai titoli lughissimi e altisonanti, tronfi e pieni di sé, con la loro disciplina priva di senso. Ora che ce n'è la possibilità, leggetevele tutte di fila, quando saranno stampate, le storie di Barks dedicate alle Giovani Marmotte: vi renderete conto che si ride amaro. Che i difetti messi alla berlina non sono pochi e nemmeno piccoli. E che è così anche nelle altre storie, quando si parla di avidità, di brama per il potere, di un sacco di meschinità, piccole e grandi, tutt'altro che superate. Non è solo gradevole umorismo: è satira. Secca, decisa. Utile a far crescere generazioni consapevoli, in grado di voler migliorare se stessi il mondo in cui vivono. Confrontate quelle storie con i decenni di nullità che hanno avuto a disposizione i bambini italiani ultimamente: storie (con le dovute eccezioni, per carità) vuote, indolori, anestetizzate, false, accomodanti, comode e inutili. Inutili, perché incapaci di fare crescere generazioni consapevoli, in grado di voler migliorare se stessi e il mondo in cui vivono. Non ci credete? Quarant'anni fa la maggior parte dei giovani cercava disperatamente di usare la propria testa, di liberarsi in mille modi dai condizionamenti degli adulti e dei Poteri Forti, di rinnovare il mondo (sì, il mondo, non il proprio orticello) e coltivava degli ideali per i quali erano disposti a combattere, a lottare, persino a morire. Andate a chiedere oggi quali ideali abbia la maggior parte dei più giovani. Ascoltate il televisore, cosa vi racconta di buona parte di questi giovani anestetizzati da decenni di nullità. Al massimo riescono a farfugliare di economia e produzione come fossero lo scopo massimo delle loro vite, alcuni arrivano a ipotizzare il proprio personale successo come l'unica meta immaginabile, condito, nei casi più felici, da un insignificante ecologismo un tanto al chilo che non disturba nessuno. I loro piedi sono pesanti, appiccicati al suolo, e le teste non sanno volare: il cuore ci resta schiacciato in mezzo. Oppure, ma sono sicuramente di meno, via, dietro come pecoroni decerebrati a un Potere Organizzato che non consente loro mai di essere dei "liberi pensatori", come si diceva un tempo. Esageriamo? Chissà. E' "solo una provocazione", come si usa dire oggi quando uno la spara più grossa del solito? Fate voi."

Aggiungiamo che nei fumetti italiani di oggi - e non solo in quelli per bambini - si bada bene di non parlare di omofobia e bullismo. Anche di omosessualità si parla molto di rado, e protagonisti gay di fumetti italiani in fase di pubblicazione non mi risulta ce ne siano...A parte quelli che faccio io, ma non penso facciano testo. Sarà un caso oppure è il sintomo evidente di qualcosa che non funziona come dovrebbe? E se i suddetti fumetti ci fossero stati avremmo avuto qualche bulletto omofobo in meno? Qualche ragazzino pestato in meno? Chissà...

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Senza le strisce settimanali di TROY e ROBIN HOOG, non vivo!!
Sono i fumetti piu' belli che abbia mai letto!!!!
Ti prego, non farci stare in ansia ogni settimana.....

Domenico84

jacopo ha detto...

Che succede? Il sito di Robin Hoog da ieri sera è una schermata di simboli e nient'altro...

hansstainer ha detto...

Valeriano, sei un po' una sega

hansstainer ha detto...

Valeriano, sei un po' una sega

Wally Rainbow ha detto...

Io le striscie di Robin Hoog le ho spedite puntualmente la settimana scorsa a chi si doveva occupare di montarle (ovvero il gestore del sito di Robin Hoog e di Happy Sexo), che non le ha ancora montate. Questa settimana il suddetto gestore è andato a sciare e mi aveva detto di mandargli comunque anche le striscie di questa settimana.Per quel che riguarda TROY adesso recupero (scusate, ma ribadisco che TROY lo porto avanti senza essere retribuito e i problemi che ho avuto al computer mi hanno imposto di recuperare prima gli arretrati per cui sapevo che sarei stato pagato).