SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

martedì 30 dicembre 2008

LA LETTERA DI OGGI

Ciao a tutti, oggi volevo rendervi partecipi di una lettera che offre diversi argomenti di discussione.
Stefano mi scrive:

"Caro Valeriano, Sono un tuo lettore accanito e un amante del tuo blog. Oggi ho creato l'account di Robin Hoog (fumetto che avevo già letto quando non era necessario registrarsi) e sono stato in chat. Sono stato praticamente aggredito da un avvocato (iscritto altuo sito, intendo) sul fatto che i minorenni (come me) non possono chattare con gli adulti perché se no si rischiano accuse di pedofilia. Alla fine se n'è andato e così tutti gli altri lasciando solo me con un altro minorenne e minacciando di contattarti per farci bannare. Io mi sono iscritto su richiesta di un amico già affiliato che ha chattato con te dicendoti di essere minorenne (e infatti lo è). Ha detto che tu non sembravi avere problemi con questo fatto. Quindi io sinceramente capisco la preoccupazione degli adulti della chat e non pretendo che tutti si fidino a chattare con un minorenne. Da parte mia non ho intenzione di denunciare nessuno per adescamento di minore (ma questo non c'entra) e voglio usare la chat solo per fare amicizia o per socializzare. Vorrei solo sapere se sarai intenzionato a bannare i minori del sito (che rappresentano, secondo me, una grande fetta del tuo pubblico) che ti ammirano e hanno trovato conforto, comprensione, tolleranza e aiuto nei tuoi fumetti. Puoi rispondermi se vuoi... almeno per farmi sapere se troverò ancora il mio account domani o se mi bannerai. Saluti."

Vediamo un po'... Da che parte comincio? Allora: premetto che per me è sbagliato a monte far rientrare nella stessa categoria bambini di 3 anni e ragazzi di 17, ma questo è ciò che dice la legge, quindi sono tenuto a chiedere ai minorenni di non entrare nel sito e nei servizi che offre. Ammetto che la tua situazione mi lascia un po' perplesso. Premessa numero uno: Robin Hoog non è un sito di personals (o di appuntamenti, come si dice all'italiana) e la partecipazione alle attività della sua community è facoltativa. Premessa numero due: la prima pagina di Robin Hoog dice chiaro e tondo che il fumetto ha dei contenuti vietati ai minori (ovvero hard), quindi i minori che entrano lo fanno in maniera consapevole (così come, suppongo, ci sono dei minorenni che vanno consapevolmente nelle chat di siti gay molto peggio frequentati di Robin Hoog) e non perchè il sito li adesca in qualche modo. Oltretutto il sito è etichettato col sistema ICRA che impedisce ai minori di navigare su siti non consentiti dai filtri messi sui computer dei loro genitori. Premessa numero tre: non sono un avvocato, ma fra l'abuso/adescamento di minori e una conversazione di chat penso che ci sia una certa differenza. Quarta premessa: il fumetto ha degli elementi che lo rendono vietato ai minori, ma la chat no e una volta effettuata la registrazione chiunque può accedere alla chat senza passare per il fumetto. Robin Hoog e la sua chat di fatto sono due cose indipendenti. Considerando il clima di caccia alle streghe degli ultimi anni e il bisogno morboso della società di trovare pretesti per sfogare la propria aggressività, le proprie frustrazioni e la propria sessualità repressa attraverso la ricerca di capri espiatori, posso capire che tante persone - in particolare omosessuali - abbiano l'impulso di stare in guardia. Come presidente di un comitato arcigay posso dirti con certezza che le tessere vengono rilasciate a chiunque abbia più di 16 anni (l'età del consenso) e, anche se in quei casi non da accesso alle zone "vietate ai minori" dei locali convenzionati arcigay, da comunque l'accesso ad ambienti promisqui per fascie d'età. E questo non riguarda solo arcigay, ma anche associazioni, palestre, club sportivi e quant'altro (che anzi creano ambienti promisqui anche fra adulti e bambini di età molto inferiore ai 16 anni). In questi casi il rischio di reato sui minori è concreto (e i fatti di cronaca insegnano), nella chat di un sito come Robin Hoog mi sembra infinitamente minore, e tutto questo allarmismo mi sembra dettato più che altro da un'associazione di idee che non ha alcun senso. Davvero non capisco perchè un sito incentrato sulla sessualità gay dovrebbe attirare automaticamente certi tipi di persone e certe problematiche (chi frequenta siti hard etero si pone lo stesso problema? Chissà...), e per dirla tutta l'idea che ci sia qualcuno che lo pensi mi da da pensare. A me sembra un'idea abbastanza balzana, anche perchè i miei personaggi sessualmente attivi sono tutti maggiorenni con tanto di pelo pubico (e non solo) ben in vista. C'è un cosa che si chiama "omofobia interiorizzata", pochi gay sanno cos'è, ma tanti ne soffrono, perchè vuol dire proiettare su sè stessi le paure e i pregiudizi che la società nutre nei confronti degli omosessuali. Non andare in una chat gay per paura di imbattersi in un minorenne secondo me rappresenta un caso lampante di omofobia interiorizzata, anche perchè - cari ragazzi - si presuppone che se siete tutti in quella chat è perchè avete almeno due argomenti di cui parlare: Robin Hoog e la sua relazione con la vostra omosessualità. Tant'è che sfido chiunque abbia frequentato quella chat a dirmi che si è imbattuto frequentemente nei soliti allupati fini a sè stessi che riempiono le tipiche chat gay. Detto questo non ho il potere di vietare coattivamente il mio fumetto ai minori di 18 anni al punto di esigere documenti di identità o altro (anche perhè l'unico modo per farlo sarebbe metterlo a pagamento via carta di credito), anche perchè sono il primo a pensare che un fumetto come Robin Hoog possa avere un valore quasi terapeutico per tanti adolescenti che non sanno come porsi nei confronti dei loro desideri omoerotici. Forse non ve l'ho mai detto, ma ho iniziato a disegnare questo tipo di fumetti nell'adolescenza proprio perchè, isolato e senza riferimenti com'ero, mi aiutavano a vivere con più serenità ciò che ero e ciò che desideravo. A tutt'ora non so come funziona questo meccanismo, ma se sono in grado di metterlo in moto anche in altre persone che hanno la sola colpa di avere meno di 18 anni e di vivere in un contesto repressivo mi sembrerebbe quasi crudele privarli di questa possibilità. D'altra parte gli impulsi omosessuali e omoaffettivi si manifestano anche prima dei 18 anni, al pari di quelli etero... Anche se generalmente vengono vissuti dai diretti interessati in maniera più difficile e conflittuale. Voi cosa ne pensate?

Questo BLOG ti piace? Vuoi contribuire alla sopravvivenza dei miei fumetti? Anche un euro al mese può fare la differenza! Se ti va puoi fare una piccola...






Anche un euro può fare la differenza!

domenica 28 dicembre 2008

GAY PRIDE

Ciao a tutti e a tutte, a ripensarci credo che anche se non era mia intenzione fare un aggiornamento al giorno potrei anche ripensarci, soprattutto in occasione di eventi particolari. Come ad esempio la morte di Eartha Kitt. OK! Immagino che la maggior parte di voi adesso avrà strabuzzato gli occhi chiedendosi chi sia Eartha Kitt e perchè ne vorrei parlare qui. Molto bene: partiamo dall'inizio. Molti di voi conosceranno Catwoman, la supercriminale dalle movenze feline che è presente nelle avventure di Batman fin dal 1940. Prima dell'agghiacciante film con Halle Berry di qualche anno fa, e prima della memorabile performance di Michelle Pfeiffer nel 1992, Catwoman era comparsa in versione live nella serie televisiva di Batman del 1966. Recentemente non è stata replicata granchè, comunque a quanti non l'avessero mai vista posso garantire che è stata uno dei prodotti più trash, camp e queer mai prodotti nella storia della televisione. E neanche a farlo apposta tutte le attrici che in quella serie impersonarono Catwoman per più di un episodio divennero delle icone gay. La prima fu Julie Newmar, la stessa che ispirò il titolo del film "A Wong Foo e grazie di tutto! Julie Newmar" (1995), che era la versione USA di "Priscilla la regina del deserto"... E non aggiungo altro. Quando Julie Newmar se ne andò, il suo ruolo nella serie venne preso dalla ben poco somigliante Eartha Kitt (ma la serie era talmente sconclusionata di suo che il pubblico chiuse un occhio). Fatto sta che Eartha Kitt diede alla sua Catwoman un piglio selvaggio che piaque particolarmente al pubblico e che finì per riflettersi anche nei fumetti.

Eartha Kitt però era anche una cabarettista e cantante di discreto successo, e quando il ruolo di Catwoman la consacrò icona gay (per più di un motivo), questo status iniziò a riflettersi nell'insieme della sua carriera (tanto che iniziò a giocare frequentemente con dei versi felini anche nelle sue canzoni). Quando poi la comunità gay divenne una vera e propria fascia di mercato, determinò anche il suo rilancio in grande stile negli anni 80. Da parte sua Eartha si dimostrò estremamente affezionata al suo pubblico gay e divenne una paladina della lotta all'AIDS, esibendosi in un numero imprecisato di spettacoli di beneficenza, sostenendo peraltro le battaglie della comunità omosessuale e iniziando ad omaggiarla nei video delle sue canzoni (che peraltro erano estremamente gay friendly).

Purtroppo in Italia abbiamo vissuto fuori dal mondo fino all'arrivo di internet, e per i più Eartha Kitt è rimasta un'illustre sconosciuta, quando invece sarebbe potuta essere un ottimo metro di paragone per i gay italiani che hanno sempre avuto la tendenza a cercare icone gay in personaggi che tutto fanno fuorchè schierarsi apertamente dalla parte degli omosessuali. Inoltre il suo caso dimostra che, ancora una volta, il mondo del fumetto può rivelarsi un prezioso alleato per contribuire allo sdoganamento e all'integrazione dell'omosessualità. Sarà anche per quello che in Italia i fumetti non vengono quasi mai promossi al di fuori del ghetto degli appassionati?

Questo BLOG ti piace? Vuoi contribuire alla sopravvivenza dei miei fumetti? Anche un euro al mese può fare la differenza! Se ti va puoi fare una piccola...






Anche un euro può fare la differenza!

sabato 27 dicembre 2008

ANNIVERSARIO...

Ciao a tutti, in realtà non vorrei ripartire con un post al giorno, perchè vorrei dare modo di leggere e commentare con calma quello che scrivo, ma oggi è un giorno un po' particolare. Infatti il 27 dicembre del 1908, esattamente cento anni fa, usciva nelle edicole italiane il primo numero del Corriere dei Piccoli, il supplemento settimanale a fumetti del Corriere della Sera, che avrebbe diffuso per la prima volta questa forma narrativa nel nostro paese (anche se in realtà il primissimo giornale ad importare dei fumetti americani fu il settimanale romano "Il Novellino", ma non lo fece a livello nazionale, quindi non viene quasi mai considerato ufficialmente). Tutti gli amanti del fumetto lo celebrano e lo rimpiangono, ma in questa sede vorrei parlarne da un punto di vista un po' diverso, perchè se da una parte il Corriere dei Piccoli ha avuto l'indubbio merito di far conoscere i fumetti in Italia, dall'altro è stato un po' l'origine di tutti i mali. Mi spiego meglio: nel 1908 la popolazione italiana era profondamente ignorante e contadina, e di conseguenza i quotidiani (e in particolare il Corriere della Sera) si rivolgevano alla minoranza rappresentata dalla ricca borghesia tradizionalista e conservatrice. Quando in Italia arrivarono i primi fumetti americani vennero completamente stravolti e "infantilizzati" per non contrariare il pubblico italiano dei quotidiani. In parole povere se negli Stati Uniti i quotidiani si rivolgevano già alle masse, e i loro fumetti prendevano in giro proprio i conformismi e la borghesia, ribellandosi alle convenzioni e alle norme, in Italia erano tenuti a confermarle. Mi spiego ancora meglio: se nei fumetti americani un bambino compiva una marachella e veniva punito faceva la figura dell'eroe, mentre in Italia i testi ritoccati (e trasformati in rime baciate) facevano sembrare quel bambino un discolo ribelle che doveva soffrire la giusta punizione. Da allora in poi la pubblicazione dei fumetti in Italia si è sempre caratterizzata per questa sudditanza psicologica alla morale della classe dirigente, dei governi e delle istituzioni... Che è SEMPRE stata fondamentalmente conservatrice e tradizionalista (e magari l'egemonia culturale della chiesa cattolica nel nostro paese ha fatto effettivamente la sua parte). Senza contare che il Corriere dei Piccoli, volente o nolente, ha contribuito per decenni a fare associare il concetto di fumetto all'infanzia o, al massimo, alla prima adolescenza. Ci sono state piccole parentesi di reale emancipazione nel mondo del fumetto italiano, ma chissà perchè hanno sempre avuto vita breve oppure si sono progressivamente ammorbidite (come nel caso di Dylan Dog o Diabolik), schiacciate dalle pressioni ambientali contrarie... E dal fatto che in Italia le grandi masse popolari perpetuano da sempre quegli schemi mentali "contadini" che le spingono a leggere ancora troppo poco per sostenere con continuità dei prodotti culturali realmente innovativi e "di rottura". E così i nostri quotidiani mantengono ancora l'impostazione del secolo scorso, promuovendo le vignette satiriche (esattamente come cento anni fa) e non considerando i fumetti come un intrattenimento pertinente al loro pubblico, mentre TUTTI i quotidiani americani riservano pagine alle striscie a fumetti e ai loro supplementi domenicali. Non stupitevi, quindi, se sui quotidiani americani non solo continuano ad esserci le pagine dei fumetti, ma anche diversi fumetti a tema gay e lesbico, mentre in Italia tutto questo rimane un concetto semplicemente ALIENO. Giusto per farvi un esempio vi cito Dykes To Watch Out For di Alison Bechdel, che prosegue ininterrottamente dal 1983. Personalmente penso che la situazione ( o per meglio dire la non-situazione) del fumetto sui quotidiani in Italia sia l'ennesima punta di un iceberg ciclopico che si avvia verso una deriva sempre più pericolosa e imprevedibile, peccato che chi di dovere non pensi altrettanto. Per completezza concludo questo post con un documentario sulla storia del Corriere dei Piccoli, che risale al 1971 e che inquadra per bene la linea editoriale dei fumetti (e della stampa) nel nostro paese. Non so voi, ma la mia sensazione è che le cose non sono cambiate così tanto in cento anni...

Questo BLOG ti piace? Vuoi contribuire alla sopravvivenza dei miei fumetti? Anche un euro al mese può fare la differenza! Se ti va puoi fare una piccola...






Anche un euro può fare la differenza!

venerdì 26 dicembre 2008

LA RIFLESSIONE DELLA SETTIMANA

Ciao a tutti, visto che TROY e Robin Hoog hanno ripreso ad avere un po' di ritmo ora riprovo a dare ritmo anche a questo blog. Siccome qualcuno mi ha detto che non è esattamente coinvolgente ci ho riflettuto un po' su e sono giunto a una conclusione. Forse il problema sta nel fatto che parlo di cose un pochino aliene per la maggior parte delle persone che passano di qua, come i fumetti gay ad esempio. In effetti non ci avevo pensato molto, ma tenere un blog che parla principalmente di fumetti e cultura gay in Italia è un po'... Come dire... Audace. Ovviamente voglio continuare a farlo, ma lo farò in maniera più elastica e, se possibile, considerando il fatto che sono argomenti relativamente nuovi per l'italiano gay medio. Se riuscissi a creare un blog stimolante al punto giusto ne sarei molto felice, anche perchè la situazione in questo paese - alla vigilia dl 2009 - non è esattamente rosea. Forse qualcuno di voi si ricorda che io collaboro con la rivista Babilonia, il mensile a tematica gay più longevo d'Italia (è nato nel 1982). Da qualche anno Babilonia è rimasta l'unica rivista dichiaratamente gay distribuita nelle edicole italiane (se escludiamo alcune riviste di annunci, che però non fanno testo). Ebbene, dall'anno prossimo anche il mensile Babilonia chiuderà... O meglio: viste le scarse vendite proverà a diventare bimestrale per ammortizzare le perdite. Il che, in questa particolare congiunzione economico-culturale, equivale ad imboccare la via della chiusura. Forse mi sbaglio, ma è altamente probabile che nel giro di poco tempo diventeremo l'unico paese europeo senza nemmeno una rivista gay in edicola. Internet non c'entra, visto che le riviste gay nelle edicole estere godono di ottima salute (la francese Tétu certifica la vendita di 50.000 copie mensili). I motivi sono altri: da una parte le oggettive carenze contenutistiche della rivista e i complessi dell'italiano gay medio, e dall'altra la situazione socio culturale del nostro paese in generale, che penalizza e non poco l'omosessualità e le sue forme di espressione. Forse anche voi avrete saputo delle censure subite dal film Brokeback Mountain durante la messa in onda su RAIDUE qualche settimana fa.
Personalmente non penso che sia stato un errore come hanno sostenuto i vertici della RAI (e voglio proprio vedere se effettivamente il film verrà ritrasmesso senza censure come promesso). Non è stato un caso, così come non è un caso che da noi il pluripremiato documentario IMPROVVISAMENTE L'INVERNO SCORSO (sull'affossamento dei DICO) non abbia trovato nemmeno una distribuzione cinematografica, mentre questo mese la TV tedesca lo ha trasmesso addirittura alle sei del pomeriggio.
Comunque, in occasione della censura di BROKEBACK MOUNTAIN, la TV spagnola ha realizzato un servizio molto interessante che fotografa il clima sessista, maschilista e omofobo del nostro paese. Potete vederlo qui di seguito con i sottotitoli del caso.

E, giusto perchè a Natale siamo tutti più buoni, vi cito un altro fatto di cronaca recente abbastanza esemplificativo. Io non seguo il calcio, ma ammetto che mi ha lasciato basito il caso che ha coinvolto Mirko Vucinic, giocatore della Roma, che durante una partita con il Cagliari, si è tolto i pantaloncini per esultare dopo aver segnato il goal decisivo, rimanendo in mutande.
Che ci crediate o no alcuni tifosi della Roma (avete capito bene! Dei tifosi della sua stessa squadra!) hanno pensato bene di denunciarlo per "atti osceni in luogo pubblico"! Se questo non è il colmo poco ci manca. Quando si dice avere due pesi e due misure... Che dire? A questo punto diciamo che il mio ruolo (e il vostro, che mi leggete e seguite i miei fumetti) aquista un valore supplementare. Voi cosa ne pensate?

Questo BLOG ti piace? Vuoi contribuire alla sopravvivenza dei miei fumetti? Anche un euro al mese può fare la differenza! Se ti va puoi fare una piccola...






Anche un euro può fare la differenza!

giovedì 25 dicembre 2008

BUONE FESTE!

Tanti auguri a tutti! Il counselor dell'associazione che presiedo, e che si diletta di approfondire le ragioni psicologiche di alcune manifestazioni religiose, sostiene che in realtà il Natale a livello inconscio celebrerebbe le ore di luce che riprendono ad allungarsi e la rigenerazione fisica e psichica che questo comporterebbe...E che, sempre a livello inconscio, la voglia di ricordarsi delle persone care per fare gli auguri deriverebbe dal bisogno di condividere questo momento di rinascita con le persone a cui si augura di beneficiare del nuovo ciclo che inizia. Tutta la ritualità che nei paesi occidentali è stata associata al 25 dicembre, prima dalle religioni pagane e poi da quelle cristiane, deriverebbe un po'da questa consapevolezza arcaica, rappresentata metaforicamente da divinità che in questo periodo dell'anno rinascono simbolicamente. Sia come sia, siccome a voi ci tengo, molto sinteticamente vi auguro Buon Natale, e se non siete cattolici e/o cristiani spero che interpreterete il mio augurio nella chiave di cui sopra. Detto questo volevo scusarmi di nuovo per la latitanza da questo blog degli ultimi giorni, ma come vi dicevo sono un po' in una fase di riassestamento. Ovviamente conto di riprendere ad aggiornare i miei post con maggiore regolarità quanto prima, anche perchè, sempre per stare in tema di auguri, mi auguro che i miei post inizino a mancarvi un po'. Detto questo vi aggiorno brevemente su quello che sto facendo e quello che ho in mente di fare. Forse avrete notato che da qualche settimana i miei aggiornamenti sono puntuali e alterno ogni giorno una vignetta di TROY e una di Robin Hoog. Siccome questo è un impegno notevole e NON è al momento remunerato, stavo pensando di offrire un opzione per tutti coloro che vogliono contribuire direttamente al sostentamento di questi due fumetti. NON metterò i miei fumetti a pagamento, anche perchè ho già avuto una brutta esperienza in passato, ma volevo offrire l'opzione di un'offerta libera a quanti sono davvero interessati a vedere continuare i miei fumetti senza intoppi. L'ideale sarebbe che tutti dessero un contributo mensile anche minimo, ma costante, di uno o due euro. In questo modo gli aggiornamenti rimarrebbero costanti e io non avrei il problema di lavorare per nulla. Qualcuno mi ha detto che gli italiani se appena possono non sganciano nemmeno un soldo, e che i gay italiani in particolare sono estremamente problematici da questo punto di vista. Sarò un'idealista, ma penso che ci sia un limite alla tirchieria umana e che ci sia un limite anche alla mancanza di buonsenso. Se chiedo il contributo minimo di un euro al mese versato anonimamente e liberamente tramite PAYPAL per poter proseguire i miei fumetti con costanza è davvero inverosimile che un buon numero di persone dia il suo contributo? Voglio dire... Ci sarà pure della gente a cui i miei fumetti piacciono al punto da investirci un euro al mese, no? In alternativa, cari ragazzi, vi dico subito che non so per quanto tempo potrò mantenere questi ritmi senza guadagnarci nulla, anche perchè la mia situazione economica attualmente è tutt'altro che rosea. Oltretutto per la versione inglese di Robin Hoog devo anche pagare un traduttore professionista, e sinceramente non ho la possibilità di pagarlo sempre di tasca mia. Siccome tentar non nuoce nei prossimi giorni mettero questo annuncio a mo' di spot pubblicitario anche fra le mie striscie, e vedremo un po' cosa succederà (anche perchè se la raccolta fondi andasse particolarmente bene e fosse costante potrei anche aumentare la dose di striscie settimanali). Voi cosa ne pensate di questa idea??? Sempre in tema di aggiornamenti sarei molto curioso di sapere cosa ne pensate del ritmo che hanno preso le mie storie... In ogni caso l'anno nuovo ho tanti progetti e tante idee che spero si possano concretizzare quanto prima, ma ovviamente non posso riuscire a fare tutto da solo. Detto questo vi faccio un piccolo regalo di Natale... Si tratta di un disegno su commissione che non è stato approvato e che quindi ora è IN VENDITA! Nel senso che chi lo aquisterà avrà a casa sua l'originale in bianco e nero e gli verrà spedita la versione colorata dal provvido MAX ad altissima risoluzione (cosicchè possa esserne fatta una stampa di qualità). Chi è interessato può contattarmi all'indirizzo info@rainbows.it e ovviamente chi primo arriva bene alloggia. Il costo di una commissione di questo tipo sarebbe di 80 euro, ma siccome a Natale sono tutti più buoni (e comunque è una commissione altrui) ve lo lascio a soli 49 euro. Se siete interessati sono qui. E' il primo disegno in assoluto (e al momento l'unico al mondo) che raffigura un rapporto sessuale fra Erak e Troy. Detto questo vi abbraccio tutti e vi do appuntamento a prestissimo. Ovviamente attendo numerosi commenti :-)
Baci e abbracci!

lunedì 15 dicembre 2008

Love and peace !

Ciao e tutti, come state? Vi sono mancato? Nell'ultima settimana non ho scritto molto su questo blog fondamentalmente perchè volevo aquisire un po' di ritmo con gli aggiornamenti di Robin Hoog e TROY. In effetti ho notato che nella scorsa settimana il trend delle iscrizioni a Robin Hoog è stato in lieve aumento e mi fa piacere. Ora su quel sito sono iscritte più di 2500 persone e penso che sia un buon risultato. Qualcuno a questo punto si chiederà perchè ho aspettato tanto per prendere questo ritmo di una striscia al giorno alternando due fumetti. In realtà, molto in sintesi, le cose stanno così: negli scorsi mesi (e anni) avevo adottato la politica del dare la precedenza alle proposte di lavoro più remunerative, e questa strategia si è rivelata fallimentare. Nel senso che molte di quelle proposte si sono rivelate delle grosse prese per i fondelli, e tante persone che promettevano mari e monti si sono rivelate del tutto in affidabili. Forse penserete che sia da stupidi dare credito a chiunque si faccia avanti in questo modo, e in parte lo è, ma a mia parziale discolpa c'è da dire che la mia bassissima autostima mi ha condizionato più del dovuto. A lungo andare questo modo di fare mi ha dato una serie di problemi, nei quali ancora verso e dai quali non so ancora bene come uscire, e ha fatto in modo che le difficoltà con cui ho avuto a che fare nell'ultimo anno avessero un impatto molto più forte rispetto a quello che avrebbero dovuto avere, innescando ulteriori reazioni a catena. Che volete che vi dica? Sbagliando s'impara. Adesso sto provando a cambiare radicalmente la mia strategia, puntando di più sulle mie risorse e sulle mie idee e seguendo i progetti in credo. Se tanto mi da tanto seguire Robin Hoog e TROY potrebbe essere una delle poche cose sensate che posso fare ora come ora, e quindi sto tentando la strategia di una striscia al giorno. Vedremo un po' che cosa succederà. Ovviamente gli aggiornamenti di questo blog adesso riprenderanno. Nel frattempo vi lascio con il primo disegno su commissione che ho realizzato assieme al buon Max (per vederlo meglio cliccateci su) :-) Ciao e alla prossima.

lunedì 8 dicembre 2008

LA NOTIZIA DI OGGI

Ciao a tutti e a tutte... Come promesso oggi Robin Hoog ha ripreso la sua corsa. Non lo ha fatto recuperando in un botto le striscie che non erano state aggiornate, ma con una sola uscita. Il motivo è molto semplice: stavolta non voglio strafare per poi rischiare di incartarmi. Quindi, visto che Robin Hoog e TROY al momento rientrano nella categoria "lavori per i quali non percepisco compensi sicuri" penso sia meglio non buttarmici a pesce. Quindi per il momento non monterò più di una striscia di questo tipo al giorno, alternando Robin Hoog e TROY. Ovvio che se strada facendo iniziassi a guadagnarci sopra aumenterei la dose. In effetti Robin Hoog riprende in senso relativo, visto che la prima sequenza del nuovo corso altro non è che un sogno del protagonista, che ripercorre le tappe fondamentali della sua love story con Sir Alan (che se ne sta sempre pietrificato da qualche parte nella torre di Lady Christabel). Sarà una buona occasione per appagare la curiosità di quanti si sono chiesti come era fisicamente Robin prima dell'inizio di questa storia e - soprattutto - rivelerà il vero motivo per cui è stato soprannominato "Robin". Che ne dite di Robin in versione diciottenne???
A parte questo vi segnalo che ho seguito il consiglio del mio personal couch e ho iniziato a fare cose che finora non avevo mai osato fare... Ad esempio una linea di abbigliamento e gadgets con il marchio di Robin Hoog, Wild Scarlet e Little Jump. Qualcosa di simile era stata tentata tempo fa, ma non ne ero direttamente responsabile (io non avrei mai fatto delle magliette con dei nudi integrali stampati sopra!). Potete accedere al negozio virtuale cliccando sulla tazzetta di ROBIN HOOG in alto a destra in questo sito. Ovviamente non pretendo che facciate subito aquisti in massa, però ci terrei al vostro parere sui suddetti marchi. Una cosa molto importante: in diversi modelli non c'è solo il marchio davanti, ma anche il disegno celtico sulla schiena, ma per vederlo bene dovete cliccare sulle varie immagini del catalogo. Per darvi un'idea qui di seguito vi posto il fronte/retro delle t-shirt.


Visto che siamo sotto Natale e che, forse, siete in cerca di qualche regalo originale da farvi o da fare... Se vi piacciono potreste farci un pensierino (anche perchè il mio marchio, a differenza di altri, significa effettivamente qualcosa). Ovviamente per vedere nei dettagli le t-shirt e gli altri prodotti che ho preparato dovete andare sul negozio. Mi raccomando fatemi sapere...

sabato 6 dicembre 2008

QUALCHE AGGIORNAMENTO

Ciao a tutti e a tutte... Forse qualcuno si sarà chiesto il motivo per cui non avevo ancora aggiornato questo blog dall'inizio di dicembre. In realtà sto attraversando una fase molto delicata della mia vita, con una buona dose di riassestamenti e scombussolamenti. Prima o poi era inevitabile, penso, ma diciamo che a certe cose uno non ci arriva mai davvero preparato. Se non altro sarà una buona occasione per resettare alcune cose e ripartire da basi più solide e concrete. Forse avrete anche notato che TROY è ripartito e che, come avevo anticipato, anche Robin Hoog ha ripreso a dare segni di vita (seppur solo con la versione inglese, ma d'altra parte vi avevo detto che dall'inizio di dicembre avrebbe ridato segni di vita, quindi stavolta ho mantenuto la parola). Sarebbe dovuta ripartire anche quella italiana, ma dei problemi tecnici - tanto per cambiare - me l'hanno fatta rinviare. Ora che sono risolti posso dire che dalla prossima settimana Robin Hoog riprenderà ufficialmente la sua corsa, e stavolta la riprenderà in maniera diversa, perchè si apppoggerà molto meno agli altri e molto di più a me. E vedremo cosa succederà. Tra le altre cose, per una strana sincronia, riprenderà giusto in occasione del ponte dell'Immacolata e forse qualcuno di voi si ricorderà che è stato proprio dopo il ponte dell'Immacolata di due anni fa che era stato sospeso per via di una brutta discussione col gestore del sito. Ora siamo tornati in buoni rapporti (anche perchè i motivi che lo rendevano sempre così nervoso sono venuti meno, e quando ora gli parlo al telefono vi giuro che mi sembra un'altra persona), e Robin Hoog riprenderà per concludere questo arco narrativo con la striscia 450. Cosa succederà dopo non lo so ancora. Vedremo un po'. Concludo il post di oggi con una piccola gallery che risponde alla domanda che, forse, tutti voi vi sarete posti almeno una volta... Ovvero: "Come disegnava Wally Rainbow/Valeriano Elfodiluce quando aveva 18 anni???". Qui di seguito trovate delle illustrazioni che avevo realizzato all'epoca... Vi prego di ricordare che avevo 18 anni e che di fatto erano le prime illustrazioni che facevo (fino a quel momento più che altro riempivo quaderni e quadernoni di fumetti). Penso che al di là delle lacune e delle incertezze si possa intuire che una certa strada era già tracciata... Spero davvero che dal 2009 si inizi a concretizzare quello per cui ho lavorato negli ultimi sedici anni... Qualche buona premessa c'è, penso. Alla prossima.











Ah! Dimenticavo di dirvi che le ultime tre illustrazioni si riferiscono alla mia prima vera serie di fumetti hard, e che qui potete vedere tutti i personaggi che sono comparsi al suo interno, equamente divisi fra varie ambientazioni (campagna, spogliatoio e ballo in maschera). L'unico personaggio presente in tutti e tre i disegni è il protagonista (quello che dice "EHI!").