SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

sabato 11 agosto 2012

I VIDEO DELLA SETTIMANA

Ciao a tutti e ciao a tutte come va?
Da oggi la vostra amata rubrica musicale tornerà ad esere un po' più variegata, anche se di tanto in tanto sarò felice di aggiornarvi sui nuovi lavori dei cantanti gay dichiarati di cui vi ho già parlato. Detto questo oggi vado a introdurvi l'ennesimo gay porn performer che ha deciso di lanciarsi nel mondo della musica, anche se in effetti non è andata proprio così, visto che nel suo caso la carriera nella pornografia serve a finanziare proprio la carriera musicale... Infatti stiamo parlando del gay porn performer Jessy Ares, nome d'arte di Jessy-Bruce Triplett-Arestirado, nome intricato che rivela le sue origini multietniche...
La storia di questo simpatico ragazzone tedesco è abbastanza curiosa, ma non dissimile da quella di tanti bei ragazzi che hanno scelto una carriera nel mondo del porno gay per una questione di onestà. Essendo obbiettivamente carino ha iniziato a lavorare molto presto nel mondo dell'alta moda e della pubblicità come modello, e se questo da una parte gli dava una certa serenità economica dall'altra lo rinchiudeva in una specie di bolla di vetro, circondato da colleghi senza carattere e da stilisti marpioni che lo sommergevano di avances a cui lui doveva rispondere per poter continuare a lavorare. La situazione non gli andava troppo a genio, anche perchè aveva anche altre aspirazioni e ad un certo punto si è scocciato di quel mondo così frivolo e frou frou, in cui doveva competere quotidianamente con ragazzi che non avevano mai visto una palestra nella loro vita. Essendo poi gay dichiarato, e avendo un debole per i ragazzi maschili, si era oltremodo scocciato anche del fatto che nel mondo della moda la bellezza maschile fosse vissuta in maniera del tutto astratta, impedendogli di conoscere ragazzi che gli piacevano sul serio... Imprdrndogli anche di essere libero di sistemarsi come voleva, cosa che ha potuto fare grazie al porno gay...
Così ad un certo punto ha detto basta, e finchè era ancora in tempo si è detto che, visto che nel mondo della moda per lavorare era comunque costretto a fare sesso con stilisti bavosi vestiti in maniera improponibile, una carriera nel mondo del porno gay se non altro gli dava la possibilità di lavorare divertendosi e di guadagnare facendo sesso col genere di uomo che gli piaceva. E in effetti questa scelta non è stata maturata perchè non aveva alternative, visto che si era fatto conoscere anche come attore nella soap opera tedesca Abschlussklasse 2005, ma anche come aspirante cantante nella versione tedesca di X-Factor, con un certo successo. Tant'è che prima di dedicarsi al porno aveva già lanciato anche diversi brani, tra cui uno cantato tutto in italiano!
OK... Diciamolo... La sua pronuncia non è granchè e chi ha scritto questo testo aveva delle fantasie un po' unticcie, ma se non altro bisogna premiare l'impegno e la passione. Ovviamente, però, da quando ha iniziato a lavorare per la TitanMedia  nel 2011, la sua carriera musicale nel mondo gay ha avuto una marcia in più, anche perchè a quanto pare si tratta di un ragazzo decisamente disinibito. Infatti recentemente ha girato un video per il centro di San Francisco assieme a due colleghi, finendo per rimanere completamente nudo. Ovviamente il brano in questione celebra il suo nuovo lavoro...
  In effetti la sua voce è bella, ma forse dovrebbe lavorare un po' di più sui testi e magari scegliersi dei registi che facciano video musicali meno trash... Altrimenti rischia davvero di non essere valorizzato come si deve. E se non ci credete provate ad ascoltare la sua versione House di Sweet Dreams, anche questa risalente a prima del suo debutto nel porno e corredata dalle foto del suo book...
In ogni caso penso sia interessante notare che quest'anno ha promosso il suo CD in 48 città fra Europa e USA, ma non mi pare che l'Italia si sia fatta avanti per dargli spazio, tanto per cambiare... Forse perchè è troppo mascolino per gli standard degli ospiti musicali dei locali gay italiani? Chissà... Ci sarebbe un po' da riflettere su questa cosa.
Alla prossima!

Nessun commento: