SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

martedì 21 febbraio 2012

ITALIA NOSTRA

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Ultimamente mi è capitato spesso di imbattermi in fumetti a tema LGBT realizzati in Italia di cui ignoravo l'esistenza. Qualche settimana fa mi è capitato con ACQUA STORTA edito da Meridiano Zero, tratto dal romanzo di Luigi Romolo Carrino (foto sotto). Ovviamente sono corso ai ripari recensendo subito il fumetto nella mia rubrica di Gay.It, nonostante fosse uscito un paio di anni fa. La cosa ironica è che, nel 2008, avevo anche presentato il libro originale nella mia città, con tanto di autore presente... Eppure ho scoperto l'esistenza di questo interessante romanzo grafico, che parla di gay e camorra, solo per caso.
Qualche tempo dopo mi è successa la stessa cosa con IN UN CORPO DIFFERENTE, romanzo grafico pubblicato da Comma 22 che ripercorre la vita di Romanina, la prima transessuale operata italiana di cui si ha ufficialmente notizia...
Poi, per puro caso, dovendo andare a FUMETTOPOLI lo scorso week end scopro che l'associazione culturale K1995 (alla quale potete chiedere tutte le informazioni del caso) ha pubblicato una raccolta dei racconti - finora rimasti inediti - che Antonio Montanaro ha dedicato all'omosessualità intergenerazionale nell'antica Roma... Oltretutto dando prova di una buona dose di coraggio (o incoscienza, a seconda dei punti di vista) vista la scabrosità del tema trattato e il fatto che in alcune vignette il suddetto tema viene trattato in maniera estremamente esplicita (praticamente sul filo della legalità) . So che forse non dovrei dirlo, ma la cosa mi lascia alquanto perplesso...Come se non bastasse leggo anche che per ogni copia venduta un'euro andrà all'associazione CERTI DIRITTI (che, forse, prima di dare il suo benestare non ha letto bene l'albo). In tutti e tre i casi, comunque, nessuno dei piccoli editori che hanno pubblicato questi fumetti ha pensato di contattarmi per una recensione sulla mia rubrica di Gay.It, che penso sia l'unica rubrica fissa di fumetti su un sito generalista che si rivolge prettamente al pubblico gay. Curioso, vero? Eppure visti i temi trattati, e la situazione dell'editoria italiana, un piccolo editore che sceglie di pubblicare qualcosa del genere dovrebbe cercare subito di farsi pubblicità nell'ambiente gay, e invece...
Invece, presumo, danno per scontato che sia l'ambiente gay a doversene interessare e a fargli pubblicità. Evidentemente certi editori hanno le idee un po' confuse, anche perchè - devo essere sincero - non si capisce proprio perchè arrivano a pubblicare una raccolta di racconti come Ephebus che, ripeto, ha dei contenuti storicamente corretti, ma estremamente rischiosi, mentre trascurano tanti autori validi che trattano l'omoerotismo in maniera più commerciabile. A volte l'Italia è un paese davvero strano. Per fortuna, pian piano, qualche segnale rincuorante giunge anche da noi. Ad esempio la REN BOOKS - la prima casa editrice di fumetti only GLBT in Italia - ha deciso di avere il suo primo spazio ufficiale in una manifestazione fumettistica, e la vittima predestinata sarà Mantova Comics, che si tiene questo week end, in cui dovrebbe proporre in anteprima il suo prossimo volume...
Se ancora non conoscete la REN BOOKS e se non avete idea di chi sia la coppia (composta da Nino e Fabio) che la amministra con tanto amore e buona volontà, potete aggiornarvi guardando il video seguente, realizzato dal bravissimo reporter Eustachio79 in occasione di una loro presentazione a Roma...

Dopotutto è anche giusto dare un volto e una voce alle persone di cui si parla, dico bene? E, a proposito di gente che parla, pare proprio confermata la tavola rotonda sul fumetto gay organizzata a Bologna in occasione della manifestazione fumettistica Bilbolbul, e che tra gli intervenuti dovrebbe avere: Massimiliano De Giovanni, Giulio Macaione, Nino Giordano, Jacopo Camagni, Veruska Sabucco e Susanna Scrivo... Oltre che il sottoscritto. La prossima settimana conto di darvi maggiori dettagli, e qui mi limito a farvi notare che di tutta questa gente ho parlato più volte su questo BLOG, e con tutti loro ho già avuto a che fare, in un modo o nell'altro, segno evidente che - lentamente, ma inesorabilmente - anche da noi si sta costituendo un sottobosco editoriale LGBT... Oltretutto alcuni degli ospiti (compreso me) avevano partecipato all'unica altra conferenza del genere che è stata organizzata in occasione di una manifestazione fumettistica italiana... E che ormai risale - sigh - ad una edizione di Romics di 10 anni fa... Se volete sapere come andò in quell'occasione potete ancora leggere un resoconto dettagliato CLICCANDO QUI. Questa di Bologna potrebbe essere una buona occasione per fare il punto della situazione a distanza di 10 anni da allora... Speriamo in bene (e speriamo che la conferenza riesca meglio)... E direi che per oggi è tutto. Anzi, no! Dimenticavo! A Mantova Comics saranno disponibili le ultime 300 copie della seconda ristampa del fumetto cult ZOMBIE GAY IN VATICANO...
Evidentemente se un fumetto del genere è arrivato alla seconda ristampa in pochi mesi un motivo deve pur esserci, voi cosa ne pensate?
Ciao e alla prossima!

2 commenti:

NINO ha detto...

Ti abbiamo aspettato a Mantova... Ma domenica vieni? Baci!

Wally Rainbow ha detto...

Domenica a Bologna direi proprio di sì :-)Mi spiace per Mantova, ma ho avuto un imprevisto :-(