SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 28 marzo 2014

JEM IN ARRIVO...?

Ciao a tutti, come va?
Probabilmente la notizia che nell'ultima settimana ha monopolizzato più di tutte l'attenzione degli appassionati gay di immaginario POP è stato l'annuncio della messa in produzione del film dal vivo basato su di un cartone (e giocattolo) cult degli anni '80: Jem e le Holograms!
Come si presenterà la versione aggiornata di questo personaggio per il secondo decennio del 2000? Per ora si conosce solo il logo (che vedete qui sopra), alcune voci riguardo al soggetto e il team creativo che c'è dietro a questo rilancio: il giovane regista Jon M. Chu (G.I.Joe 2, Step Up 1 e 2...), il produttore discografico Scooter Braun (noto per essere anche in manager di Justin Bieber), il produttore cinematografico Jason Blum (Paranormal Activity) e lo sceneggiatore Ryan Landels (LXD)... I primi tre li vedete nel video seguente, mentre annunciano il progetto e invitano i fans di Jem a dare suggerimenti per lo sviluppo del tutto... Esortandoli addirittura a mandare dei video per entrare a far parte del cast!
Finora, a dire la verità, il contributo dei fans è stato abbastanza scarsino, come potete vedere andando sul sito ufficiale del film (CLICCATE QUI), ma in effetti la cosa non dovrebbe stupire più di tanto. Nel senso che si parla di un giocattolo/cartone cult degli anni '80, che a differenza di altri prodotti Hasbro (Transformers, G.I.Joe, My Little Pony...) non è mai stato rilanciato. Il che significa che il grosso dei suoi fans (che pure sono tanti) non ha l'età giusta per partecipare al casting di un film incentrato su ragazze (e ragazzi) nel fiore degli anni, o addirittura adolescenti. E fra quelli che restano forse non ce ne sono poi tanti che se la sentono anche solo di provare a partecipare ad un vero e proprio film. Inoltre non bisogna scordare che fra i fans di Jem ci sono davvero tanti maschi gay, mentre la maggior parte dei ruoli richiede questa storia sono femminili. Insomma: se chi sta portando avanti il film di Jem si aspettava vagonate di proposte forse non è stato proprio un genio... Tuttavia almeno un casting gli è arrivato dall'Italia, e guardacaso giusto per un personaggio che - fin dall'inizio - doveva rappresentare uno dei tocchi più "gay" della serie animata...
Ora: superata la sopresa, e l'eventuale entusiasmo, iniziale, quello che prevale è una certa perplessità riguardo a tutta l'operazione, che sembra davvero nata per cavalcare l'onda del recente successo dei remake cinematografici dei cult legati all'immaignario POP (dai supereroi ai giocattoli anni '80). Nel caso della Hasbro, in particolare, Jem era davvero l'ultimo brand di culto rimasto nel cassetto, quindi questo progetto era solo questione di tempo. Il problema, però, non è tanto nel bieco fine commerciale dell'operazione, ma nei modi in cui potrebbe essere portato avanti. Si sa ancora poco, ma quello che si sa non è esattamente entusiasmante. Partiamo dal soggetto: pare che in questa storia la protagonista sarà un'orfana adolescente che raggiungerà la fama grazie ai social network e a internet, e che assieme alle sue sorelle cercherà di scoprire in cosa consiste l'eredità di suo padre. Primo problema: nella serie originale Jem/Jerrica Benton era un giovane donna, che si ritrovava suo malgrado nel doppio ruolo di misteriosa cantante e menager rampante (con tanto di orfanotrofio femminile da gestire), e proprio il conflitto fra questi due mondi (entrambi affascinanti, ma molto diversi) dava forza alla sua psicologia, mentre si impegnava per diventare una donna forte ed emancipata. Se in questo film Jerrica sarà un'adolescente che si riduce a fare la cantante per riscattare una situazione miserabile  perderebbe molto fascino... Senza contare che su di lei peserebbe come un macigno il fantasma di Hannah Montana...
E in effetti Hannah Montana potrebbe avere già iniziato ad influire negativamente, visto che - presumo - sia stato proprio il suo ricordo (o meglio: l'esigenza di prendere le distanze dal suo ricordo) a spingere chi vuole mettere in cantiere il film di Jem a prendere le distanze da glitter, colori e giochi di luce vari. Il che sarebbe un errore mortale, ma potrebbe spiegare la scelta di un logo così "spento" e diverso da quello originale, nonchè la scelta di affidare il tutto allo stesso team creativo della serie LXD (The Legion of Extraordinary Dancers), una web serie a base di danza in cui la pur valida regia era caratterizzata da luci cupe, tanti grigi e una mancanza cronica di colori accesi... Se non ci credete date un'occhiata CLICCANDO QUI... Inoltre un altro dettaglio abbastanza inquietante è rappresentato dal fatto che, al momento, nello staff c'è una cronica carenza di creatività femminile... E considerando che il successo della serie animata era stato in buona parte merito della sceneggiatrice Christy Marx (che vedete sotto in versione anni '80) si tratta di una scelta piuttosto inspiegabile...
Forse si voleva evitare di creare qualcosa troppo "femminile" per conquistare anche il pubblico maschile? La speranza è che le cose non stiano davvero così, perchè in quel caso vorrebbe dire che il film di Jem sarà un flop annunciato, oltre che una bruttissima prova di maschilismo. Oltretutto, al momento, sembra che nel progetto non siano coinvolti nemmeno creativi gay dichiarati, e che non si voglia puntare nemmeno su un certo tipo di estetica, eccentrica e fluo (che caratterizzo il progetto originale). E anche in questo caso il sospetto è che a monte ci sia l'intenzione di non correre il rischio di realizzare un prodotto "troppo gay" per paura di giocarsi il pubblico non gay... Peccato solo che Jem sia diventata una serie cult anche perchè è stato uno dei cartoni più gay friendly mai prodotti in occidente, e poco importa se negli anni '80 una certa estetica era di moda, mentre ora è appannaggio (quasi) esclusivo delle drag queen e dei gay più esuberanti: se si snatura anche questo aspetto di Jem vuol dire davvero che non si vuole cogliere l'essenza del personaggio... Che peraltro continua ad ispirare alcune delle più famose drag queen americane (e non solo)...

Morale della favola: in attesa di ulteriori sviluppi spero di sbagliarmi... In ogni caso non mancherò di aggiornarvi tramite il BLOG che vi offre i punti di vista che di solito agli altri sfuggono.
Alla prossima.

1 commento:

Jimi Paradise ha detto...

No, vabbè, ADORO!!! :P