SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

lunedì 4 maggio 2009

Conoscere insieme...

Ciao a tutti e ciao a tutte... Oggi volevo condividere con voi uno schemino che ho elaborato per schiarirmi (e schiarire) le idee sul come si possono inquadrare i vari tipi di fumetto che hanno a che fare con la parola gay e che, un po' a sproposito, vengono messi tutti nello stesso minestrone. Dopo otto anni passati ad approfondire l'argomento ecco le conclusioni a cui sono giunto... Ovviamente cliccando sull'immagine potete vederla più grande.
Che ve ne pare? Lo trovate attendibile? E' Abbastanza chiaro? Come vedete alcuni gruppi di fumetti in parte si sovrappongono, ed è una scelta voluta, visto che talvolta un fumetto può sfumare rientrando in diversi campi. Una piccola precisazione su cosa intendo per fumetti genuinamente gay (o GLBT): per me sono tutti quei fumetti che riflettono la cultura gay, che - come ho già avuto modo di spiegare - andrebbe intesa come l'espressione dell'identità collettiva gay. Senza voler tornare troppo sull'argomento per non risultare noioso, ci tenevo a sottolineare che quando un fumetto è omoerotico, nel senso che verte su temi che gli omosessuali trovano realmente erotici, diventa automaticamente un fumetto gay, visto che l'identità gay trova le sue radici proprio in un discorso di attrazione erotico-sentimentale, attorno a cui si costruiscono identità iindividuali che poi - se una società è abbastanza matura - possono sfociare in un'identità collettiva formando una vera e propria minoranza con i suoi riferimenti culturali a tutto tondo. Ovviamente un'identità non può reggersi solo sulla sessualità, ma - per etero e gay - il rapporto con la sessualità rimane un tassello fondamentale su cui porre le fondamenta della propria vita, la modalità delle proprie relazioni e i progetti esistenziali che - se tutto va bene - tutti dovremmo fare per il nostro futuro. Anche per questo personalmente sono convinto che il successo dei fumetti gay, e in particolare di quelli omoerotici (ovviamente se ben realizzati), sia un indicatore del livello di consapevolezza che ha raggiunto la comunità gay di una nazione (nonchè del grado di civiltà e maturità della nazione stessa)... Forse non è proprio un caso se i primi fumetti espliciti di Tom of Finland vennero pubblicati in Danimarca, una nazione che ha depenalizzato la pornografia nel 1969 ed è stata la prima nazione a riconoscere civilmente le unioni omosessuali nel 1989. Meditate, gente, meditate... A proposito di Tom of Finland: ormai è entrato in circolazione il megavolumone di 600 pagine che raccoglie pressochè tutte le sue illustrazioni... Compresi diversi lavori rimasti inediti fino ad oggi.Siccome questo sito vi rivela tutto quello che gli altri NON vi dicono, vi segnalo che in Italia il costo del volume - con tanto di esclusiva custodia in cartoncino - è di ben 150 euro ("cazzo!" in questo caso mi sembra un'esclamazione molto appropriata), ma se lo comprate presso il sito inglese The Book Depository con la promozione in corso lo pagate "solo" 78 euro (spese di spedizione comprese e senza dazi doganali)! Praticamente la metà! E poi non dite che non vi voglio bene!
Alla prossima!
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui (e magari navigando un pochetto nei siti proposti) potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Scusa, ma lo Yuri è uguale allo Yaoi solo che ha personaggi femminili. Perchè quindi hai messo lo Yuri proprio dentro al cerchio e lo Yaoi fuori?

pastrano ha detto...

probabilmente perchè come i bara sono manga gay per gay, lo yuri potrebbe essere lesbo per lesbo...invece lo yaoi è gay per ragazze.

Anonimo ha detto...

Assolutamente no. Lo Yuri è lesbo per maschi etero come lo Yaoi è gay per donne etero.

Wally Rainbow ha detto...

Attenzione! Nei fumetti hentai (hard per etero) ci sono anche rapporti lesbo, ma questo non ne fa degli yuri. Il termine yuri è l'abbreviativo di yurizoku (ovvero tribù del giglio, cioè le lesbiche) e venne inventato assieme al termine bara (diminutivo di barazoku, tribù della rosa, cioè i gay), su alcune riviste giapponesi degli anni 70 che trattavano di sessualità. Per fumetti yuri nel grafico non intendo tutti i fumetti con lesbiche e/o rapporti lesbici, ma ad esempio i lavori di Ebine Iamaji, che tutto sono fuorchè fumetti porno per etero. Tecnicamente anche alcuni Hentai lesbici possono essere definiti tecnicamente "yuri", ma per come la vedo io sono due cose diverse. Domanda molto pertnente, bravi! :-)