SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

martedì 24 giugno 2008

IL POST LEGGERO DI OGGI

In realtà oggi non pensavo di postare nulla, ma siccome ho appena letto che questo blog nella classifica universale di alexa.com si trova in posizione 507495 mi sembrava perlomeno doveroso esternarvi i miei ringraziamenti, visto che anche in piena estate questo piccolo spazio web continua a guadagnare posizioni. D'altra parte fare un post solo per ringraziarvi mi sembrava un tantino triste. Così mi sono detto che, visto che parlare del cartone di JEM mi ha portato bene, oggi potevo cogliere la palla al balzo e parlarvi del terzo gruppo musicale comparso in quella serie così gay friendly: gli Stingers. Se ricordate bene la serie, ma questo nome non vi dice comunque nulla, non preoccupatevi: erano comparsi solo nelle ultime puntate dell'ultima serie e il giocattolo non superò mai la fase prototipo. La ditta che produceva i giocattoli di JEM (la Hasbro) decise improvvisamente di concludere il progetto dopo due anni e mezzo, e con esso la serie animata. Il motivo ufficiale era che le bambole non vendevano, ma voci di corridoio sostengono che il problema fosse nel fatto che le bambole proponevano dei modelli un tantino troppo trasgressivi e sessualmente disinibiti rispetto alle classiche Barbie, e per questo iniziarono ad essere boicottate dai genitori. La serie animata, poi, non si rivolgeva certo alla prima infanzia, e pur continuando ad avere un'ottima audience, iniziò ad essere vista con sospetto a vari livelli. Forse il colpo di grazia venne dato proprio dagli Stingers: Riot, Minx e Rapture...In particolare Riot, la voce solista, era il classico edonista dai risvolti ambigui...E la sua passione per JEM era dettata più dal suo desiderio di valorizzare la propria immagine che da un genuino interesse nei confronti della titolare della serie. Per quanti non avessero idea di chi sto parlando ecco qui alcuni video.

Iniziamo con la canzone d'esordio degli Stingers.


Questo clip invece illustra i difficili esordi della band.


Il video seguente secondo me è particolarmente esemplificativo: mostra il rapporto conflittuale di Riot col padre militarista che non lo accetta, considerandolo poco uomo. Già dal titolo (che in italiano sarebbe "prendere o lasciare") si possono intuire i sottointesi gay di tutta la vicenda.


Direi che ben si abbina col pezzo seguente...Un inno alla libertà, alla tolleranza e alla riconciliazione.


Ci sono poi i brani sensuali e ammiccanti come questo (prego notare le trovate camp)...


E questo...


Non male per un cartone basato su una linea di bambole, vero? Peccato che chi di dovere non abbia continuato su quella strada...

1 commento:

Lestat ha detto...

Quando ero piccolo insistetti così tanto per avere la bambola di Jem che i miei furono costretti a prendermela =). Mi ricordo che aveva due vestiti, uno rosa brillante e l'altro azzurro, 2 paia di scarpe da abbinare e per finire microfono e chitarra! Fantastica!
Che peccato che i giocattoli di Jem andarono fuori produzione, così come il cartone animato...