SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 14 luglio 2010

COSE DELL'ALTRO MONDO...

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Oggi volevo iniziare questo post riallacciandomi a quello precedente, in cui parlavo della trovata snocciolata dallo sceneggiatore Bill Willingham, quando ha deciso di "giocare" con il supereroe Obsidian e la sua omosessualità...
Molto in sintesi: Obsidian era stato trasformato in una specie di "uovo" di energia negativa da un nemico della Justice Society (il gruppo in cui milita), e quando infine era stato salvato e fatto "rinascere" dai suoi compagni se n'era uscito dicendo che, grazie a questa provvidenziale "rinascita", era diventato eterosessuale... Giusto per smentire qualche istante dopo, dicendo che era solo uno scherzo per vedere le reazioni dei suoi amici... L'episodio in questione aveva suscitato un certo dibattito fra i lettori (gay e non) anche perchè Bill Willingham era noto per avere espresso più volte posizioni conservatrici...
Tantissimi fans della Justice Society (e dei fumetti in generale), però, se la sono presa proprio a male, giurando che da quel momento in poi avrebbero boicottato tutto quello che avrebbe scritto questo autore... Probabilmente per una questione di principio e per "punire" l'autore dell'eccessiva leggerezza con cui ha toccato un argomento molto sentito come la "cura" dell'omosessualità... E questo credo che dia la misura della sensibilità e della coscienza (persino un po' eccessive) dei lettori americani... Devo dire la verità: per il sottoscritto, abituato a uscite ben peggiori nei fumetti italiani (dove gli omosessuali fanno di tutto fuorchè ironizzare), la trovata dello scherzo di Obsidian era stata tuttosommato gradevole... D'altra parte è comprensibile che quello che per me, cittadino dell'Italia di oggi, può rappresentare un passo avanti possa essere interpretato in altro modo da un gay statunitense... Anche perchè la comunità gay americana ha tutt'altro genere di rapporto col mondo del fumetto. Basti pensare all'imminente San Diego ComiCon, che fra due settimane trasformerà la ridente città californiana nella mecca dell'immaginario pop contemporaneo...
Vi dico solo che quest'anno le conferenze a tematica GLBT saranno ben nove! Siccome non mi piace essere vago (e siccome è possibile che qualcuno di voi sarà presente), eccovi qui di seguito un breve riepilogo.

VENERDÍ 22 LUGLIO

10:30-11:30 Divas and Golden Lassoes: The LGBT Obsession with Super Heroines
Perchè le superoine, da Wonder Woman in poi, hanno sempre esercitato un certo fascino sui lettori gay di fumetti, tanto da diventare vere e proprie icone al pari di quelle reali? Ne parlano
Marc Andreyko (Manhunter),Phil Jimenez (The Essential Wonder Woman Encyclopedia), Andy Mangels (fondatore del "Wonder Woman Day"), e Michael Troy (The Blonde Squad)... Inutile dire che sono tutti autori gay dichiarati.

3:30-4:30 Spotlight on Howard Cruse
Una bella conferenza/intervista interamente dedicata ad Howard Cruse, vero e proprio nume tutelare del fumetto a tematica gay, che in questi mesi ha visto ristampare la sua storica graphic novel "Figlio di un preservativo bucato".

4:30-5:30 Spotlight on Phil Jimenez
Altra bella conferenza/intervista incentrata su uno dei disegnatori supereroistici gay dichiarati più rappresentativi di questi ultimi anni.

6:00-7:00 Writing Queer: Creating and Writing LGBT Characters
Come si creano delle storie con personaggi omosessuali credibili e accattivanti? Per discuterne viene proposta una tavola rotonda alla quale partecipano dei nomi di tutto rispetto:
Paige Braddock (Jane's World), Howard Cruse (Stuck Rubber Baby), Gilbert Hernandez (Love and Rockets), Greg Rucka(Detective Comics), Gail Simone (Wonder Woman) e Judd Winick (Pedro and Me).

SABATO 23 LUGLIO

3:00-4:00 Queer Press Grant Roundup
L'associazione Prism Comics assegna il suo annuale premio (in denaro) con il quale un giovane aspirante fumettista potrà finanziare l'autoproduzione di un suo fumetto ritenuto particolarmente meritevole... Ovviamente interverranno anche i vincitori delle precedenti edizioni per dare la loro testimonianza.

5:45-7:15 Gays in Comics: Year 23!
Come ogni anno (dal 1987) si tiene la tradizionale conferenza che fa il punto sulla situaizone sulla rappresentazione dell'omosessualità nel fumetto americano, e più in generale nell'immaginario pop contemporaneo. Anche in questo caso i personaggi noti non mancano:
ancora Howard Cruse, Geoff Johns (scrittore di Green Lantern, Flash, Brightest Day e direttore artistico della DC Comics), Marjorie M. Liu ( scrittrice di Black Widow, X-23, e co-autrice di Dark Wolverine), Daniel Way (scrittore di Wolverine e Deadpool e co-autore di Dark Wolverine), Jim McCann (scrittore di Hawkeye & Mockingbird e Dazzler), Charles "Zan" Christensen (nume tutelare di Prism Comics e fondatore della nuova casa editrice gay-themed Northwest Press), Dan Parent (fumettista della Archie Comics e creatore di Kevin Keller, il primo personaggio gay della Archie) e per finire Tim Fish (autore di autoproduzioni a tema gay e da poco in forza anche alla Marvel)... E non dovrebbero mancare alcuni ospiti a sorpresa...

7:15-8:15 Gays in Comics Mixer and Silent Auction
Incontri con gli autori e asta di beneficenza allo stand PRISM COMICS.

DOMENICA 24 LUGLIO

10:30-12:00 Comics Arts Conference Session: Queer Comics
Lien Fan Shen (laureata all'Utah University e autrice taiwanese di shojo manga) parlerà di come affronta i temi queer nei manga. Ben Bolling (North Carolina University) analizzerà il personaggio di Northstar. Harry Thomas (North Carolina University) discuterà del caso di Apollo e Midnighter. Mark Miner tratterà delle similitudini fra la tradizione classica e i rapporti omosessuali intergenerazionali nei fumetti moderni...

1:30-2:30 Glee

Per chiudere in bellezza una bella conferenza su uno dei serial televisivi più gay friendly del momento, alla quale parteciperanno i creatori, i produttori e parte del cast...


Che dire? Un programmino da leccarsi i baffi (e questo è solo il programma "ufficiale")... Che probabilmente basta da solo a dare la misura di come il mondo GLBT sia riuscito a ritagliarsi i suoi spazi nella cultura pop contemporanea... Perlomeno negli Stati Uniti. Sicuramente dalle nostre parti siamo ancora abbastanza lontani da simili traguardi, ma qualcuno ha ventilato la possibilità che io potrei moderare un piccolo incontro alla prossima Lucca in occasione della presentazione dell'edizione italiana di BLACK WADE... Non è ancora sicuro, ma diciamo che è possibile...
Magari non è tanto, ma si comincia dal poco no?


Cari lettori e lettrici: questo blog vi piace? Ci trovate notizie e informazioni che non trovate da nessuna parte? Non potete più farne a meno ? Non date per scontato che che questo idillio possa durare in eterno senza la vostra partecipazione! Onde evitare brutte sorprese guardate in alto a destra e troverete la possibilità di sostenere questo BLOG con un abbonamento simbolico. In parole povere: se vi iscrivete, ogni mese contribuirete alla salute di questo blog con la cifra di un euro. Se questo blog vi piace e se pensate che vada supportato questo è un modo comodo e sicuro per farlo...

Nessun commento: