SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 9 gennaio 2013

TANTO PER CAMBIARE...

Ciao a tutti, come va?
Ora che il digitale terrestre è diventato la norma, e orientarsi fra centinaia di canali che appaiono e scompaiono è diventato un incubo, si sono liberati degli spazi nei palinsesti che - per fortuna - qualcuno ha deciso di riempire parlando di fumetti. Mi riferisco a FUMETTOLOGY, il programma di approfondimento fumettistico proposto da Rai 5, il giovedì in seconda serata (ma recuperabile anche su youtube)...
 Il format è interessante: ogni puntata è monotematica ed è dedicata ad un personaggio simbolo del fumetto italiano, intervistando autori, editori, esperti, appassionati e via discorrendo. Grafica moderna, animazioni funzionali e un taglio giornalistico lo rendono un esperimento molto interessante... Anche perchè una volta tanto non si parla di fumetti per bambini. Infatti i personaggi esaminati sono Tex, Diabolik, Valentina, Zagor, Lupo Albero, Nathan Never, Martin Mystere, Max Fridman, Dylan Dog e John Doe. Tuttavia fa uno strano effetto vedere che, dei personaggi di cui si parla, solo una manciata sono ancora di tendenza, alcuni non hanno più una loro collocazione e molti sono vecchie glorie sempre più ignorate dalle nuove generazioni...
Altro fatto curioso è che, su dieci puntate, cinque siano dedicate agli eroi della Sergio Bonelli Editore... Non che ci sia nulla di male, per carità, ma visto che le testate Bonelli hanno tutte un'impostazione abbastanza simile (nonostante la diversa ambientazione), non avrebbe avuto più senso parlare di qualcosa di più originale come Rat-Man? E perchè escludere un fenomeno editoriale interessante come le W.I.T.C.H.? L'unico personaggio che ha meno di 20 anni di pubblicazioni alle spalle - ad esempio - è John Doe, che al di là del suo valore rimane una proposta molto poco rappresentativa del fumetto italiano.
Sarò sincero: non ho ben capito il criterio con cui si è si è sviluppata questa trasmissione, i suoi obbiettivi e nemmeno il pubblico a cui punta, tuttavia ne parlo qui perchè - dopo aver visto la puntata dedicata a Valentina - ho avuto la prima conferma ad un mio piccolo grande timore: anche in questa trasmissione l'omosessualità non sarà un argomento trattato con disinvoltura. Infatti in tutta la puntata dedicata a Valentina non si è accennato minimamente al fatto che, oltre ad avere un compagno da cui ha anche avuto un figlio, l'emancipata fotografa ha avuto anche una lunga ed importante relazione lesbica con tanto di convivenza! Per la precisione con la mascolina Effi (che vedete qui sotto), e sotto gli occhi del giovane figlio Mattia...
Ovviamente in una puntata di trenta minuti non si poteva parlare di tutto... Però la rimozione di Effi mi ha dato molto da pensare, anche perchè la puntata era dedicata ad un personaggio notoriamente trasgressivo e almeno un accenno lo si sarebbe potuto fare. Adesso sono molto curioso di vedere cosa succederà quando si parlerà di Nathan Never: qualcuno accennerà al fatto che la sua collega Legs Weaver è il primo personaggio omosessuale dichiarato titolare di una testata Bonelli? E quando si parlerà di John Doe si troverà il tempo di accennare a Leonida e al fatto che ha cambiato sesso anche per via del suo amore per il protagonista?
Non so perchè, ma ho un brutto presentimento...
Staremo a vedere.

4 commenti:

Fumetti di Carta ha detto...

Abbiamo diversi esempi, recenti e meno recenti, su come - e da chi - venga trattato il Fumetto da mamma rai.
Disney, Diabolik e Bonelli.
Quando va bene Pazienza.
(I gusti personali di Mollica, insomma)
Eventualmente qualche vecchio fumetto che fa tanto "cultura".
Stupisce, invece, la presenza di John Doe! Forse visto il formato è stato confuso con una pubblicazione Bonelli?!?
Francamente non so che bene può fare al Fumetto una trasmissione del genere.
Infine, chissà perché non mi stupisce nemmeno un po' che il lesbismo di Legs o la relazione lesbica di Valentina non siano state toccate dal programma...
Fortunatamente chi ha interesse o curiosità per i fumetti ha a disposizione un'immenso patrimonio in rete, senza bisogno di mamma rai.
Un caro saluto.
Orlando Furioso

Wally Rainbow ha detto...

A Nathan Never non sono ancora arrivati... Qundi concedo il beneficio del dubbio su Legs :-)

Anonimo ha detto...

Ciao! Sul sito www.comicus.it (http://www.comicus.it/interviste/item/54525-fumettology-la-parola-agli-autori)è stata pubblicata un'intervista agli autori di Fumettology. Una delle domande che gli è stata posta riguarda il criterio con cui sono stati selezionati i fumetti protagonisti delle singole puntate, e perchè cinque di essi sono personaggi della Bonelli.
ST

Wally Rainbow ha detto...

In realtà l'avevo letta, ma non mi è sembrata molto chiara... Sembra quasi che siano andati a caso (e non ci credo)...