SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

lunedì 19 gennaio 2015

FUTURO IMPERFETTO

Ciao a tutti, come va?

Anche se ultimamente ho parlato spesso del rapporto fra l'editore Bonelli e le tematiche gay, è più o meno è dal 2012 che non torno a parlare delle vicissitudini di Legs Weaver. Un po' perchè da quando ha perso la sua testata è diventato un personaggio tutto sommato secondario nelle  avventure di Nathan Never, e un po' perchè al fatto che è lesbica viene dedicato uno spazio abbastanza esiguo.

Tuttavia è pur vero che, visto che torno spesso a parlare della rappresentazione degli omosessuali maschi negli albi Bonelli, non posso certo permettermi di trascurare il principale personaggio lesbico della casa editrice, anche perchè - in effetti - mi sono reso conto che non c'è nessun sito o blog di fumetti che abbia voluto fare il punto sui risvolti lesbici di Legs Weaver negli ultimi due anni... E negli ultimi due anni qualcosa è successo...

Così, grazie al supporto dell'amico M.F. (fan storico di Nathan Never e di tutto il suo universo narrativo), ho deciso di aggionarvi su come la casa editrice di Via Buonarroti (come la chiamano tutti, anche se è sempre più ironico il fatto che proprio la Bonelli abbia la sede in una via dedicata ad un artista notoriamente omosessuale come Michelangelo) ha rappresentato il lato omosessuale di Legs Weaver e delle ragazze che le girano attorno.

Breve riassunto delle puntate precedenti: nel numero 258 l'avevamo lasciata a scambiarsi un bacio appassionato con una pilota di nome Tanya (CLICCATE QUI). Cosa è successo dopo?

Partiamo dal numero 268 di Nathan Never, "GUINEA PIG": nella tavola qui sotto scopriamo che le due si stanno ancora frequentando, e che la Bonelli non si fa tanti problemi a mostrare Tanya vogliosa sul lettone in attesa di Legs, che però - per vari motivi - non se la sente di raggiungerla e appagare i suoi bollori... Prego notare il tanga minimal...

In queste due anni, però, la Bonelli ha voluto aumentare la sua quota lesbica, perchè sullo speciale Universo Alfa Guerra futura 2115 dossier 3 ha messo in luce che anche un'altra pilota della squadra delle Valkyrie (di cui fa parte Tanya) preferisce il gentil sesso. Si tratta di Monique, che è anche la leader della squadra, la quale dovendo ringraziare una giornalista per un regalo non perde l'occasione per esternarle il suo apprezzamento con un bacio sulla bocca... Facendola arrossire...

Inoltre sul numero 281 della sua serie, dal titolo "STRAGE SUL FONDO", viene introdotto anche il personaggio di Ariele Hobson, fondatrice e portavoce di un'associazione ambientalista, che fa un coming out obbiettivamente molto elegante con Nathan Never, dopo essere rimasta affascinata da Legs...

L'apice, però, si raggiunge sull'ultimo Speciale Agenzia Alfa, in una storia che non a caso si intitola "Le Due Guerriere": qui qualcuno allude al fatto che Tanya e Legs sono assieme, mentre le dirette interessate si scambiano un occhiata della serie "Oh-Oh! Ci hanno tanate! E adesso?"...

C'è persino spazio per una scena piccante sotto la doccia! All'inizio Legs fa la ritrosa, perchè ha paura di una nota disciplinare, ma alla fine l'esuberanza di Tanya ha la meglio e la sequenza si conclude con un principio di petting che si intravede molto vagamente fra i vapori...

Infine c'è uno scambio di battute fra Monique e Tanya: la prima esprime la sua invidia nei confronti del rapporto fra la seconda è Legs, ma lei minimizza... E quando Monique mette in dubbio che si tratti di una cosa da poco, Tanya risponde piccata...

Molto bene.

In due anni e mezzo, fra la serie regolare di Nathan Never e gli Speciali, abbiamo avuto ben sette pagine in cui si è affrontato più o meno direttamente il fatto che in questo universo narrativo ci sono personaggi lesbici, e questo è sicuramente meglio di niente, anche perchè si tratta di personaggi secondari e parliamo comunque di albi Bonelli, con tutto quello che ne consegue.

Tuttavia, a ben guardare, proprio perchè le pagine in cui si è affrontato l'argomento sono state relativamente poche, forse si sarebbe potuto fare di meglio. A parte lo scambio di battute fra Nathan Never e Ariele, che in effetti è riuscito abbastanza bene, le altre parentesi lesbo friendly non sono state proprio felici.

Partiamo dai personaggi. Da una parte abbiamo Tanya, che viene descritta (e mostrata) come una ragazza alquanto allupata che probabilmente con Legs non vuole impegnarsi sul serio, e dall'altra abbiamo Legs che - nonostante un passato importante sotto tutti i punti di vista - si dimostra molto insicura e poco a suo agio col fatto che frequenta una ragazza. Ed entrambe sembrano in difficoltà quando si accenna al fatto che sono una coppia, quasi come se la cosa le mettesse in imbarazzo. Poi, dal lato opposto, abbiamo Monique, che proprio perchè eccessivamente risolta (e risoluta), equilibrata e sicura di sè sembra destinata a rimanere single (ragionamento che, in parte, si può applicare anche ad Ariele).

Il messaggio che passa, in effetti, non è esattamente incoraggiante, e sembra finalizzato a tranquillizzare quanti pensano che le relazioni omosessuali hanno comunque degli scompensi di fondo e non possono essere vissute in maniera lineare e serena. Inoltre, cosa ben peggiore, passa il messaggio che devono essere vissute quasi di nascosto e che, comunque, non devono essere rivendicate con un minimo di orgoglio nemmeno quando qualcuno ci piazza una battutina allusiva... E forse, a ben guardare, passa anche il messaggio che restare single è il prezzo da pagare per le lesbiche troppo disinvolte... Come dire che se proprio sei lesbica, e desideri una relazione, per ottenere qualcosa è più vantaggioso vivertela con discrezione...

Dal punto di vista editoriale, poi, non ho potuto fare a meno di notare la scelta abbastanza chiara di inserire le parentesi lesbiche più esplicite negli Speciali e non nella serie regolare. E questo è un po' come dire che, siccome gli Speciali costano di più e sono per i lettori più affezionati (lo zoccolo duro, per intenderci, quelli che amano i personaggi per quello che sono), in quella sede si può osare qualcosina di più senza rischiare che qualcuno abbia da ridire. Anzi: forse la Bonelli spera anche che certi elementi possano rappresentare un'attrattiva supplementare per gli Speciali, visto che nel caso dell'ultimo numero ha messo proprio Legs e Tanya in copertina. Anche se ovviamente, quando due lesbiche dichiarate  - peraltro in coppia - vanno in copertina, è sempre meglio presentarle come se avessero appena subito un'appendicectomia...

Cosa, questa, che NON avveniva sulle copertine della serie regolare di Legs Weaver, quando la sua omosessualità NON era stata stata ufficializzata, ma era comunque evidente... E ognuno può trarre le conclusioni che crede...

Comunque è interessante notare che, da quando l'omosessualità di Legs Weaver non è più un mistero (e da quando le sue sbandate più o meno etero sono diventate un ricordo), è diventata molto più pudica e le situazioni erotiche in cui si muoveva con estrema disinvoltura nella sua serie regolare sembrano ormai appartenere ad un'altra era geologica... E sicuramente non è un caso...

Certo qualcuno potrà obbiettare che le atmosfere di Nathan Never non sono allegre come quelle della serie regolare di Legs Weaver, e questo è vero, però proprio di recente Nathan Never è stato raffigurato mentre ha un focoso amplesso con una simpatica ventunenne (anche se lui ormai dovrebbe avere superato i cinquanta) di nome Florence, con cui è rimasto bloccato su di un asteroide artificiale... Dopodichè c'è il classico momento bonelliano in stile Dylan Dog, in cui la ragazza di turno fa i complimenti al protagonista di turno, cosicchè il tipico lettore bonelliano di turno (che si identifica col protagonista) possa sentirsi adeguatamente gratificato, ecc...

Da notare come, anche in questo caso, viene rispettato il sacro comandamento bonelliano per cui il nudo integrale maschile può essere tollerato solo se il soggetto è costretto da motivi di forza maggiore o se c'è di mezzo una donna, con la quale - possibilmente - ha dato prova della propria virilità...

Morale della favola: sembra che anche in Nathan Never le relazioni e i rapporti eterosessuali, per quanto occasionali (come in questo caso) vengano presentati come appaganti, romantici e tutto il resto... Mentre quelli omosessuali, oltre a non essere rappresentati con la stessa disinvoltura, è meglio che siano descritti in maniera più conflittuale e problematica, perchè anche se parliamo di storie ambientate duecento anni nel futuro questi fumetti sono pubblicati nell'Italia di oggi...

E infatti, per non rischiare conflitti d'interesse con la mentalità italo bigotta attribuita al lettore bonelliano tipo, in questa società futuristica non solo l'omosessualità e le relazioni omosessuali vengono vissute come nella più classica provincia italiana, ma non si è mai accennato a riconoscimenti legali per le coppie di fatto o a uno straccio di famiglia omogenitoriale...  E ovviamente, meno che mai, a leggi contro l'omofobia e/o a una visione davvero moderna, integrata e paritaria della comunità LGBT.

In compenso, in passato, abbiamo avuto:

NATHAN NEVER 36 "Tragica Ossessione"
Nel corso delle indagini su un omicidio gli agenti dell'Agenzia Alfa devono interrogare "Sissy" (termine che in inglese indica la "checca") personaggio che "ha cambiato sesso tante di quelle volte da aver perso il conto" (p. 213). Sissy è un/a cantante di successo, ma è un personaggio narcisista, vanesio, stupido e crudele, capace di commissionare l'assassinio di chi osi mettere in dubbio che sia un/a grande artista. E non da meno è la sua rappresentazione grafica: il lato sinistro del volto è femminile, e truccato, quello destro è maschile. 

NATHAN NEVER 98 "Midnight Blues"
In questo albo verrà fuori che la misteriosa e bellissima assassina che tutti cercano era in realtà un uomo, che s'era "trasformato" nella gemella (uccisa da bambina durante una rapina) per vendicarsi dei rapinatori. L'identificazione schizoide con la sorella era stata tale "da impedire, con la pubertà lo sviluppo dei tratti maschili caratteristici" (p. 96).

Speciale NATHAN NEVER 8 "Oceano Verde"
Qui un ragazzo è scappato di casa (e dal padre Generale) per non rivelare la propria omosessualità. Lui è un poeta molto sensibile, che però viene ricattato da una banda di malviventi proprio per via del suo inconfessabile segreto, tant'è che è disposto a tutto pur di riavere indietro del materiale compromettente che lo riguarda. 

Ovviamente ogni editore è libero di adottare la linea editoriale che crede e di scegliere le proprie priorità, ma la diminuizione dei lettori (anche) di Nathan Never negli ultimi anni qualcosa vorrà pur dire, e dare la colpa solo alla crisi economica e ai nuovi passatempi con cui l'italiano medio occupa il suo tempo libero (vedi internet) non basta

Qualche dato?

2000 - 130.000 lettori al mese
2008 -   60.000 lettori al mese
2014 -   34.000 lettori al mese

Se questo trend venisse confermato a fine 2016 i lettori sarebbero intorno ai 30.000 al mese, e se continassero a dimezzarsi ogni 7/8 anni la testata cesserebbe le pubblicazioni prima del 2021, visto che a quel punto venderebbe meno delle 20.000 copie necessarie per tenere in piedi una serie Bonelli regolare.

Sempre ammesso che nel frattempo non si presentino dei fattori in grado di accelerare questo processo, e di questi tempi tutto può accadere.

Evidentemente anche in questo caso c'è un problema di ricambio generazionale, che forse è dovuto proprio al fatto che - al di là di un'ambientazione fantascientifica più o meno accurata - nella serie di Nathan Never i personaggi e le situazioni hanno un appeal datato, che tiene a debita distanza i giovani lettori occasionali... Giovani lettori che ormai - anche quando sono appassionati di fantascienza - non si accontentano più di omaggi a manga, videogames, anime, romanzi, film o altro (come avveniva nel caso dei lettori degli anni '90), ma chiedono storie in cui possono identificarsi di più e sentirsi più coinvolti, possibilmente senza doversi confrontare coi tabù e i  punti di vista dei loro genitori e dei loro nonni... Che invece sono proprio quelli che tengono banco nei fumetti Bonelli, anche quando sono ambientati nel futuro.

E d'altra parte spulciando sul forum di Nathan Never (CLICCATE QUI), mediamente i commenti sulle storie degli ultimi anni sono abbastanza negativi anche da parte dei lettori di lunga data.

Tutto il resto viene da sè.

Alla prossima. 

3 commenti:

Paola Oliviero ha detto...

Chiedo venia, ho iniziato a seguire da poco l'universo alfa ed in particolare mi sono affezionata moltissimo al personaggio di Legs Weaver, ma ci sono alcuni tasselli che mi mancano. Per esempio, potresti dirmi in quale numero di quale serie Legs lascia Janet? Ed in quale si approccia per la prima volta a Tanya? Ho letto la serie della "Squadra fantasma" ed il numero 254 di Nathan never per curiosità sul matrimonio di May... mi manca però quello che è accaduto a Legs nel mezzo!
Grazie in anticipo per la risposta :)

Wally Rainbow ha detto...

Ciao :-) In realtà è stata Legs ad essere scaricata, nel numero 51 della sua serie, mentre la relazione con Tanya ha preso forma sullo sfondo del numero 258 di Nathan Never. Nel mezzo, però, Legs ha avuto una storia con la sosia di Lara Croft :-P

Paola Oliviero ha detto...

Sì, Legs viene lasciata da May nel numero 51, mi manca il tassello in cui invece è Legs a lasciare Janet :)