SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

giovedì 17 luglio 2008

IL REPORTAGE DI OGGI

Approfittando del cambio euro/dollaro favorevole, e in considerazione del fatto che lo yen giapponese segue il dollaro, negli scorsi mesi ho fatto un po' una follia e mi sono fatto arrivare - direttamente dal Giappone - ben 5 volumoni di Gengoroh Tagame. Si tratta di due saghe complete, che potrebbero essere tradotte come "La Casa delle Brutalità" (in tre volumoni, per un totale di circa 1000 pagine) e "Ricordi quel Campo di Prigionia nel Pacifico?" (in due volumi inseriti in lussuosi astucci, per un totale di circa 800 pagine). Molto in sintesi: il primo è la storia della ricca famiglia Torikawa, che abita in una tenuta nella campagna giapponese nel 1949, e che fa sposare alla sua figlia maggiore un modesto contadino del luogo per una questione di debiti d'onore fra le loro famiglie. Il poveretto, che si chiama Toraza, non sa che il suo destino è segnato, visto che per una questione di sudditanza psicologica tipicamente giapponese diventerà l'oggetto sessuale di tutti i membri della famiglia, servitù compresa. Dire che gli succede di tutto è riduttivo. La seconda saga, invece, è un lungo flash-back che riguarda le memorie di un un gruppo di giapponesi che alla fine della seconda guerra mondiale sono finiti in un campo di prigionia statunitense. In questo caso il protagonista è il massiccio luogotenente Tsubaki, che - per procurarsi le medicine per i suoi compagni, verso cui si sente responsabile - diventa lo schiavo sessuale di tutto il campo. Anche qui dire che gliene ne succedono di cotte e di crude non rende l'idea. Qui di seguito ne posto alcune tavole. Poichè queste storie sono comparse a puntate su riviste gay giapponesi in un arco di oltre dieci anni è possibile anche notare l'evoluzione del tratto dell'artista, che diventa sempre più preciso e sciolto.








Ci sono due cose che ammiro di Gengoroh Tagame, oltre alla perizia tecnica (non disegna un pelo fuori posto) e alla "creatività" delle sue situazioni. La prima è che i suoi personaggi sono talmente espressivi, e il suo stile talmente chiaro, che si riesce a seguire perfettamente le sue storie anche non sapendo una parola di giapponese. La seconda è che, dopo centinaia e centinaia di pagine di brutture, torture e sadomaso estremo, riesce sempre a snocciolare quella trovata che dà una sorta di compensazione emotiva al tutto, quasi a dimostrare che quello che era nato come una sottomissione sadomaso è stata capace di trasformarsi in una specie di intenso sentimento. Alla fine, quando questi sentimenti emergono, diventano ancora più intensi e prorompenti proprio perchè concludono una serie allucinante di situazioni che vanno oltre ogni limite di sopportazione umana. Per riuscire a fare questo bisogna essere un genio del fumetto, secondo me! E forse è per questo che i suoi fumetti mi coinvolgono anche se io e certe pratiche siamo due concetti pressochè opposti. Detto questo non so se e quando questo autore verrà tradotto in Italia, ma perlomeno in Francia è arrivato da alcuni anni e con un lusinghiero successo, tant'è che l'anno scorso gli è stata dedicata una mostra a Parigi ed è stato anche invitato per presenziarla e prendere contatto con i suoi fans. Il maestro Tagame ha anche realizzato un reportage di questo suo viaggio e, siccome questo BLOG vi fa vedere quello che nessun altro vi fa vedere, qui di seguito potete visionarlo anche voi. Vero che il signor Gengoroh Tagame ha un'aria molto simpatica e gioviale?

2 commenti:

Luca ha detto...

Mmmm, te li invidio questi volumetti. Conosco quello del campo militare (non tutto) ed in effetti Tagame ha raggiunto un tratto di una pulizia e espressività incredibili.
Quello della casa l'avevo sentito dire ma non l'ho ancora visto, sembra interessante però.

loran ha detto...

Bravissimo autore sia nella tecnica che nel rendere le emozioni dei personaggi.

Si possono trovare un libro e due fumetti certo non curati come le edizioni giapponesi, editi dalla H&O alla libreria pierpourhom di Milano che vende anche online.

http://www.pierpourhom.com/ecommerce/