SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

giovedì 18 novembre 2010

NEWS

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Inizio il post di oggi parlando un po' di cinema, visto che da qualche settimana hanno iniziato a circolare le prime immagini ufficiali di quel bel figliolo di Chris Evans nei panni di Capitan America... E devo ammettere che bisogna fare i complimenti ai costumisti di Hollywood, che sono riusciti a rendere accattivante (senza snaturarlo) un costume che in origine era obbiettivamente ridicolo...
Oltretutto sembra proprio che i costumi indossati dal buon vecchio Capitano saranno più di uno, con grande gioia dei feticisti del genere, suppongo... La cosa curiosa è che, finalmente, anche un supereroe della DC potrebbe (il condizionale è d'obbligo) avere un film più che dignitoso pur non chiamandosi Batman o Superman... Se seguite questo blog saprete che mi riferisco a Green Lantern, il film con Ryan Reynolds (appena eletto uomo più sexy dell'anno dalla rivista PEOPLE) nel ruolo della lanterna verde della terra... Film che è entrato in post produzione e che ha già distribuito il primo trailer ufficiale...

Non male, vero? Prego notare che, come in ogni vero film di supereroi che si rispetti, non mancano le scene in canotta e quelle shirtless (senza maglietta, per dirla all'italiana), e che - come avevo riportato anche su questo blog - il costume da lanterna verde è stato applicato digitalmente sulla nuda pelle del protagonista, per rendere il costume aderente come quello che viene disegnato nei fumetti... Scelta che probabilmente farà scuola nei prossimi superhero
movies, dato che i protagonisti dei fumetti di supereroi indossano quasi sempre tute che sono una secie di seconda pelle. È bene ricordare che Green Lantern è stato uno dei primi supereroi ad avere dei sottotesti gay, e ammetto che sono abbastanza curioso di verificare se in questo film ci sarà spazio per qualche accenno alla cosa... Anche se effettivamente questo supereroe non ha mai avuto un vero super compagno fisso e non ha mai raggiunto i livelli di ambiguità di Batman e Robin...
Comunque, per cambiare radicalmente argomento pur rimanendo fra le news di questi giorni, volevo segnalarvi che stanno facendo molto discutere le creazioni di Mike Konigsfeld e Tom Brandl, due designers di Colonia che hanno voluto esplorare un settore molto poco praticato dall'arte in generale, e del tutto ignorato in ambito gay... Infatti hanno creato un linea di bare decorate con fantasie di uomini prestanti e praticamente nudi...
L'idea mi lascia un po' perplesso, ma ho come la sensazione che più di qualcuno starà già pensando di prenotarne una... Anche se dubito vivamente che una simile bara potrà essere accolta ufficialmente in una chiesa cattolica. Tuttavia la cosa ironica è che, proprio in questi giorni, sta facendo molto parlare di sè anche lo studio di una ricercatrice dell'Università di Pisa, una certa Elena Lazzarini, secondo il quale Michelangelo Buonarroti avrebbe realizzato i nudi della Cappella Sistina ispirandosi alle scene che vedeva nei bordelli omosessuali e nelle saune che era solito frequentare...
Che Michelangelo amasse le persone del proprio sesso era cosa nota da tempo, così come era noto che anche per le figure femminili usava modelli maschili... Un po' meno noto era il fatto (che secondo Elena Lazzarini sarebbe ben documentato) che frequentasse le saune gay dell'epoca, anche perchè tutti danno per scontato che all'epoca la gente non aveva una gran propensione all'igene personale... In realtà il discorso è un po' più complesso, visto che all'epoca - per le ovvie implicazioni sessuali e relative alla nudità - solo le persone perbene erano tenute a lavarsi il meno possibile... Tant'è che l'espressione "odore di santità" deriva proprio dal fatto che le persone che volevano vivere in maniera molto religiosa erano tenute a lavarsi il meno possibile... Con tutte le conseguenze del caso. Al contrario le persone meno devote, compresi tanti giovani allupati, non si facevano molti problemi, e i bagni pubblici dell'epoca (che di fatto funzionavano anche come bordelli) erano sempre affollati... Per la gioia di artisti come Michelangelo (qui sotto in un famoso autoritratto).
Tuttavia la cosa davvero ironica in tutta questa vicenda è che la notizia ha fatto davvero il giro del mondo, mentre i telegiornali italiani non si sono certo dilungati molto sull'argomento... A differenza di quelli di Hong Kong (solo per fare un esempio), che hanno dedicato a questa scoperta dei servizi come quello che vi mostro qui di seguito (prego notare come evidenzia alcuni dettagli "gay" degli affreschi incriminati)...

Che ci crediate o no questa cosa non mi stupisce affatto, soprattutto dopo aver visto che ieri sulla RAI sono riusciti persino a censurare il primo film di SEX AND THE CITY, tagliando la scena in cui si intravedeva il (notevole) pene di Gilles Marini sotto la doccia... Per gli interessati qui di seguito ecco a cosa mi riferisco...
La scena andava in onda dopo le 22,30 e quindi in fascia protetta, ma evidentemente hanno pensato che fosse troppo "forte" per il pubblico italiano (che SICURAMENTE non ha mai visto un pene in vita sua), poco in linea con le direttive televisive degli ultimi vent'anni e troppo audace per i bigotti sempre pronti a lamentarsi (anche se poi i bigotti trovano sempre motivi per lamentarsi). Se non altro non si può dire che il nostro paese manchi di coerenza.
Voi cosa ne pensate?

2 commenti:

Nanà Lanuit ha detto...

Dunque...
Capitan America è un gran "bellone" e passi! Lanterna Verde è un super "passerone"...ma quindi avrò solo fidanzati "super-eroi"?...

A parte gli scherzi, Molto bello il trailer di Lanterna Verde, e avevi ragione lui è davvero incantevole! quasi quasi meglio lui che la bandiera americana, che si è pompato fino allo scoppio preannunciato!
E di Michelangelo che dire...pennella tu che ti spennello io...ha fatto solo bene, la cosa che mi fa sorridere è il fatto che i preti a quel tempo non avessero notato nulla o forse gli piaceva troppo la "cappella"?

for you.

Anonimo ha detto...

non vorrei sembrare superficiale...

ma se Gilles Marini ha un pene così a Riposo, non uso pensare come deve essere quando è eccitato !
Anzi, ci penso eccome !!!!!!!!!!!!!!
Già è bellissimo e con un fisico che sembra una statua.
In più si ritrova quella mazza stupenda e così virile..
E' appena divenatto il mio mito e in effetti in molte foto in costume si nota una forma gigantesca sotto al tessuto che, a malapena, riesce a nascondere il suo membro !!!!!!

grazie Wally per queste piccole news che rallegrano la giornata.

By
Enrico.