SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 11 settembre 2013

OBBIETTIVO RAGGIUNTO (DI NUOVO)!

Ciaoa  tutti, come va?
Durante la mini pausetta estiva di questo BLOG non avevo condiviso una notizia che - pur non essendo particolarmente originale - sembra confermare un vero e proprio trend, e sicuramente va segnalata. Infatti, se una volta sembrava che la riuscita di una raccolta fondi per la pubblicazione cartacea di fumetti a tema gay (già visti gratis online) fosse qualcosa di incredibile, adesso sembra che - perlomeno negli USA - sia qualcosa di sempre più frequente. Il fumetto di cui vi parlo oggi si chiama Mahou Shounen Fight!, ed è una sorta di global manga (e cioè un manga realizzato fuori dal Giappone da autori non giapponesi) che rielabora in maniera molto particolare il filone delle magical girl  a cui creature magiche donano straordinari poteri per fini più o meno importanti... Che in questo caso diventano magical boy...
Tutto parte da Mike Smith, un ragazzino che inizia a studiare in una scuola privata internazionale, scoprendo - poco dopo - che il suo corpo è stato scelto come abitazione da uno spirito dell'estate un po' invadente, che ha scelto di concedergli dei poteri magici per difendere la terra dai siabolici piani degli spiriti dell'inquinamento... Così alla bisogna Mike può diventare una specie di Magical Cowboy di nome Wild Summer per sconfiggere il nemico...
La cosa interessante è che nella stessa scuola ci sono altri tre ragazzi che sono stati scelti da altri spiriti delle stagioni, e tutti insieme frequentano il club ambientalista, sotto la guida di un massiccio insegnante di ginnastica di nome Nasty, palesemente gay e in grado di vedere e sentire gli spiriti stagionali anche se non ne ospita nessuno. Questa, però, è solo la punta dell'iceberg, perchè strada facendo si scopre che buona parte di questo club di "eroini" è composto da ragazzini gay... A partire da Raji Singh, un ragazzo indiano molto espansivo e non propriamente maschile, nonostante il suo spirito stagionale sia quello più virile del gruppo...
La cosa interessante è che è molto amico della sua promessa sposa che frequenta la sua stessa scuola, e quando si trasforma diventa una specie di drag queen in stile Bollywood, di nome... Miss Autumn Ingenue...
Curioso, vero? E per finire (per ora ) la carrellata dei personaggi gay di questo gruppetto c'è Fujita Yuki, un ragazzino giapponese che ha appena iniziato a frequentare un altro studente della scuola, che però è afro americano e si chiama Alex Jiang...
Tutta la storia la potete leggere CLICCANDO QUI
Personalmente mentirei se la definissi un capolavoro: più onestamente la definirei un'idea originale sviluppata con slancio e passione da un paio di giovani autrici molto determinate (nome d'arte DustyJack e JadePrince, che vedete nella foto sotto), che però hanno un ampio margine di miglioramento.

Il punto però è un altro: la loro raccolta di fondi finalizzata a stampare su carta i primi capitoli di Mahou Shounen Fight! avrebbe dovuto raggiungere 9000 $, e invece è arrvata a oltre 18000! Alla faccia della crisi! Se a questo aggiungiamo che queste due simpatiche ragazze di San Diego sono delle assidue presenzialiste nelle fiere specializzate e che hanno un notevole seguito di fans affezionati, non posso fare a  meno di trovare nuove conferme per le mie teorie.
Nel senso che la gente spende volentieri per avere qualcosa che gli piace davvero e in cui si ritrova.
E questo è un mantra che - a quanto pare - proprio non entra nella testa di buona parte degli editori italiani... Che continuano a piangere lacrime di sangue per le loro vendite basse e sempre più in calo, ma che mai e poi mai si sognerebbero di pubblicare una storia come quella di Mahou Shounen Fight!, ad esempio... Magari concendendo le stesse libertà creative ad autori (o autrici) più professionali.
Fortunatamente, però, ci sono delle autoproduzioni italiane di qualità molto alta (e ovviamente a tematica gay) che hanno iniziato a farsi largo usando il web, alla faccia dell'editoria tradizionale.
Ma di questo, magari, vi parlerò un'altra volta...
Alla prossima.

Nessun commento: