SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 13 settembre 2013

VAMPIRI E MERITOCRAZIA

Ciao a tutti, come va?
Oggi volevo riallacciarmi parzialmente all'ultimo post, anche perchè volevo cogliere l'occasione per fare un po' di meritata pubblicità ad un fumetto che dovrebbe riprendere a breve, dopo la pausa estiva. Un fumetto che è disponibile online da un paio d'anni, ma di cui non ha parlato praticamente nessuno dei maggiori siti, blog o portali (italiani) dedicati ai fumetti. Meno che mai le riviste specializzate del nostro paese. Si tratta di un GLOBAL BOYS LOVE (un "manga" omoerotico di donne per donne, realizzato però fuori dal Giappone da autrici non giapponesi) tendenzialmente YAOI (e cioè che non si fa troppi problemi a mostrare scene di sesso).
Forse qualcuno di voi già lo conosce: sto parlando di Purpurea Noxa...


La cosa davvero imbarazzante è che, a prescindere dai contenuti e dal target, questo webcomic è realizzato talmente bene, e ha talmente tanti punti di interesse, che sarebbe stato perlomeno logico dedicargli un po' di spazio nei luoghi preposti, anche perchè è davvero raro che nel nostro paese vengano realizzati webcomics di questo livello. Eppure non è ancora successo, e a questo punto mi viene il dubbio che non succederà ancora per chissà quanto tempo.
Perchè ha contenuti esplicitamente omosessuali? Perchè non ha alle spalle una vera e propria casa editrice? Perchè la sue autrici NON se la tirano da qui all'infinito di Leopardi e/o non hanno molti mezzi per promuoversi?
Non saprei dirvelo.
Quello che so è che negli ultimi anni ho notato che i siti specializzati, piuttosto che la stampa dedicata, hanno dedicato fiumi di inchiostro (anche virtuale) per promuovere, elogiare e pubblicizzare dei prodotti Made in Italy tendenzialmente piatti e banali, mentre Purpurea Noxa è stato debitamente ignorato. In particolare, aggiungerei, dal mondo gay. Avrei voluto parlarne io su Gay.It, ma da quando hanno pensato che era il caso di allontanarmi non ne ho più avuto l'occasione.
Fatto sta che - come vi dicevo - a prescindere dal genere e dal target, questo fumetto ha diversi punti di interesse, che lo rendono perlomeno originale e stuzzicante:

1) Si ispira ad un Gioco di Ruolo, nella fattispecie il vampirico Vampire The Masquerade.
2)  É ambientato fra le città di Pisa e Lucca, che all'insaputa di tutti sono abitate da secoli da clan vampireschi in perenne conflitto.
3) I personaggi non sono stati creati dalle autrici, ma dal loro gruppo di gioco, e loro hanno semplicemente deciso di riprenderli per farne un fumetto.
4) Il sesso gay, quando arriva, viene raffigurato senza le tipiche censure giapponesi.

Inoltre, come vi dicevo, la qualità complessiva è decisamente sopra la media. Cosa ancor più degna di nota se si considera che le due ragazze che ci lavorano lo fanno per hobby e per passione, e per vivere fanno tutt'altro. E, a proposito delle autrici (Valentina Vecchione e Veronica Moroni, che vedete nelle foto qui sotto), devo dire che mi ha colpito molto l'umiltà con cui - a tutt'ora - si presentano al pubblico italiano e internazionale (il fumetto è disponibile anche in inglese) nonostante la stima crescente nei loro confronti. Virtù che ho imparato a non dare per scontata...

Le due ragazze hanno anche tentato la carta della pubblicazione tradizionale, raccogliendo il primo capitolo in un albetto che è andato subito esaurito, pur essendo venduto UNICAMENTE tramite il loro sito, a Romics e - credo - nell'area di Lucca Comics dedicata alle autoproduzioni).
Anche in questo caso, però, nessuno ha osato parlare di loro, preferendo dedicate ampio spazio a fumetti che si sono rivelati dei sonori flop, anche e soprattutto quando sono passati dal web alla carta stampata (ogni riferimento è "DAVVERO!" casuale). Per Lucca 2013 dovrebbe essere disponibile anche l'albo che raccoglie il secondo capitolo, che peraltro è decisamente più carico di momenti hot, mentre il terzo capitolo è ai nastri di partenza sul sito ufficiale, che potete trovare CLICCANDO QUI.
E, probabilmente, ancora una volta questa iniziativa sarà avviluppata dal silenzio.
E questo, di certo, non aiuterà a trasformare due ragazze dotate in due autrici a tempo pieno.
Di quelle che, sul modello delle loro colleghe straniere, ad esempio, possono raccogliere qualche decina di migliaia di euro in pochi mesi per finanziare le loro nuove uscite.
Sapete cosa inizio a pensare?
Che se da una parte l'arrivo del web ha ampliato infinitamente i confini della libertà di informazione, dall'altro - perlomeno in Italia - sta fornendo delle ottime scuse per non parlare di certe cose, riportando sul web gli stessi identici problemi tipici della (nostra) carta stampata.
Nel senso che, con la scusa che i grandi siti che parlano di fumetti sono "per tutti" e vogliono rimanere "per tutti" (e quel per tutti vuole dire anche "per bambini"), filtrano a priori tutto quello che potrebbe mettere a rischio la qualifica di cui sopra... In teoria...
Lo ripeto: a me sembra una scusa che torna molto comoda quando non si vuole ammettere che ci sono delle cose delle quali, comunque, non si vorrebbe parlare.
Anche perchè poi - mediamente - non mi pare che i suddetti siti si formalizzino molto quando c'è da parlare di fumetti dai contenuti tutt'altro che "per bambini".
Voi cosa ne pensate?

8 commenti:

Anonimo ha detto...

CIAO!
penso che se quest'anno riesco finalmente ad esserci al Lucca Comics, al di là di congratularmi con te Valerio, cercherò questo fumetto!

OAIC!

Wally Rainbow ha detto...

Io però mi chiamo Valeriano (-__-), al limite chiamami pure Wally... Ma Valerio per favore NO! Non mi è mai piaciuto addosso :-(

Anonimo ha detto...

Ahahahah scusa! Una distrazione che ti ha dato fastidio per ovvie ragioni. :) Ti cerco al Lucca Comics ( ovviamente chiedendo di Valeriano). Ciao!

Wally Rainbow ha detto...

E a chi vorresti chiedere? Mica ho uno stand... (O__o)

Vèna ha detto...

Wally non ho altro da dirti se non
GRAZIE DI CUORE. <3

Wally Rainbow ha detto...

Dovere :-) Ma per curiosità: sei arrivata qui per caso, segui il blog o ti hanno segnalato il post?

Vèna ha detto...

Un ragazzo al Romics ci ha detto del tuo articolo sul blog dicendoci che lo avevi incuriosito...e così io e Vale siamo andate a cercarti, incuriosite a nostra volta! XD
Grazie ancora di cuore~ <3

Wally Rainbow ha detto...

É stato un piacere, spero che di tanto in tanto seguirete ancora questo BLOG :-)+