SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 4 marzo 2015

QUESTIONE DI BACI?

Ciao a tutti, come va?

Ultimamente sembra proprio che negli USA la battaglia per l'integrazione della comunità LGBT si combatta anche a suon di baci, perlomeno quando di mezzo ci sono fumetti e prodotti da essi derivati.

Infatti negli ultimi giogno ci sono stati almeno due baci omosessuali che hanno fatto molto discutere, e che in un caso hanno coinvolto un personaggio molto noto.

Andiamo con ordine.

Prima di tutto nell'undicesimo episodio della quinta stagione di THE WALKING DEAD in cui la coppia gay formata da Aron e Eric si è scambiata un bacio dopo essersi ricongiunta...

E a quanto pare questa sequenza ha scatenato più polemiche di tutti gli sbudellamenti e le truculenze delle quattro stagioni precedenti messi insieme. La cosa curiosa è che questa coppia gay era comparsa anche nel fumetto originale (nei numeri 67 e 68), e in quel caso nessuno aveva avuto niente da ridire...

Come è possibile, visto che negli USA l'argomento gay è stato ampiamente sdoganato sotto diversi punti di vista? Senza contare che nella quarta stagione del serial era stata introdotta anche Tara, una ragazza dichiaratamente lesbica...

In effetti le polemiche scoppiate intorno al bacio gay di THE WALKING DEAD sono emblematiche, perchè dimostrano che con questa concessione al mondo gay la serie ha infranto diversi tabù, non tanto per il bacio gay in quanto tale, ma rispetto al contesto in cui è stato mostrato (e tollerato).

Mi spiego meglio: l'impianto della serie THE WALKING DEAD affronta il tema dell'apocalisse zombie, e quindi parte dal concetto di "uomini veri e coraggiosi, che sono costretti a vivere in contesti estremi e danno prova della propria forza sterminando liberamente zombie e umani malvagi", che riflette una certa impostazione mentale abbastanza tradizionale... Per cui i maschi affermano la propria virilità vivendo in maniera rozza e spartana, possibilimente mostrando il loro sprezzo per il pericolo e la loro disinvoltura nel compiere atti violenti e spietati, ancora meglio se tendenti al bestiale, anche e soprattutto quando sono spinti da una buona causa.

E infatti, generalmente, gli horror movie, e in particolare gli zombie movie, sono ritenuti un genere che si rivolge prettamente al pubblico maschile.

Quindi, anche se le dinamiche sviluppate nel fumetto e nel serial TV sono anche altre, è innegabile il fatto che negli ultimi anni la serie televisiva THE WALKING DEAD abbia calamitato l'attenzione di ampie platee di "veri uomini" alla ricerca di un prodotto in cui identificarsi.

Inoltre, altro dettaglio non da poco, THE WALKING DEAD è ambientato perlopiù in contesti provinciali, rurali e isolati, fornendo un ampio margine di identificazione alla grandissima platea americana composta da chi non vive nelle grandi metropoli (quelli che nello slang americano vengono definiti "rednecks"), e che proviene da contesti più rustici e obbiettivamente più arretrati dal punto di vista LGBT... Anzi, probabilmente parliamo di persone che non ce l'hanno nemmeno un punto di vista LGBT...

Quindi, per tutte queste persone, vedere un bacio gay - per giunta fra due uomini - in un serie che fino a quel momento gli era parsa molto in sintonia con il loro modo di essere, deve avere avuto lo stesso effetto di una doccia gelata... Una specie di invasione di campo che li ha scombussolati più di quanto non abbia mai fatto la visione di un'inarrestabile orda di zombie affamati... Anche perchè il suddetto bacio gay non ha provocato alcun pestaggio (cosa che, teoricamente, avrebbero dovuto mettere in atto istantaneamente tutti i "veri uomini" presenti)...

Probabilmente le polemiche e le proteste sono montate perchè - forse per la prima volta - un timido bacio gay è comparso in un serial TV che, in certo senso, rispecchiava una certa visione abbastanza tradizionale della virilità... Creando un precedente e suggerendo che: 1) Gli omosessuali valgono esattamente quanto gli omosessuali, anche in situazioni estreme; 2) Le coppie omosessuali possono vivere apertamente la loro condizione anche in contesti tradizionalmente ostili; 3) La presenza di persone omosessuali non deve generare reazioni omofobe in automatico.

Perciò, in ultima analisi, questo episodio ha suscitato tante polemiche perchè ha voluto dimostrare che ormai la mentalità omofoba è passata di moda, anche in contesti rozzi e rurali, e che bisogna farsene una ragione anche nel bel mezzo di un'apocalisse zombie.

Perciò tanto di cappello allo sceneggiatore del fumetto originale Robert Kirkman e agli scrittori della serie TV.

Sul fronte prettamente fumettistico, invece, sembra che abbia destato un certo scalpore il coming out bisessuale di Catwoman, la nota avversaria di Batman, anche perchè tecnicamente quello comparso sul numero 39 della sua nuova serie è stato un doppio coming out.

Nel senso che la bisessualità della Catwoman storica, e cioè Selina Kyle, si è manifestata con un bacio alla nuova Catwoman, e cioè Eiko Hasigawa, che al momento sembra essere l'unica a cui sia concesso fare acrobazie in tenuta felina.

Da un po' di tempo a questa parte, infatti, Selina Kyle ha deciso di rinunciare alla sua tradizionale tutina vagamente sadomaso per dedicarsi con più sobrietà al suo ruolo di boss criminale della famiglia Calabrese (della serie: gli italiani si fanno riconoscere anche a Gotham City)... Concedendo (momentaneamente?) all'agile discendente di un noto clan yakuza il suo nome e il suo ruolo, e non solo quello, a quanto pare...

In attesa di verificare come e quanto verrà sviluppato questo lato dei due personaggi (con la DC Comics non si può mai dire) prendiamo atto di come la sceneggiatrice Genevieve Valentine (che sta scrivendo attualmente le avventure di Catwoman, e di cui vedete una foto sotto) abbia le idee molto chiare al riguardo...

Infatti ha confermato che la bisessualità di Catwoman è effettiva e che non si è trattato di un bacio dato a caso - o magari sotto il controllo mentale di qualche losco figuro - e, anzi, ha precisato che:

"Per me non è una rivelazione, ma una conferma... É stata una sorpresa per gli altri? Per Selina non è stata affatto una sorpresa essere attratta sessualmente da una donna. È da anni che ci gira attorno, spesso con allusioni molto evidenti. Eiko embrerebbe la persona giusta. È intelligente [...] e conosce abbastanza Selina, al punto che la consapevolezza della loro onestà è diventata quasi un rifugio in una situazione in cui la disonestà coinvolge tutti". "

È da anni che ci gira attorno, spesso abbastanza letteralmente. Per me questa non è una rivelazione quanto una conferma". Parlando invece di Eiko, Valentine ha detto: "Sembrerebbe la persona giusta. È intelligente [...] e conosce abbastanza Selina che la loro onestà è diventata quasi un rifugio in una situazione dove la disonestà coinvolge tutti". - See more at: http://www.comicus.it/index.php/mainmenu-news/item/59085-catwoman-bisex#sthash.It9DVJQB.dpuf
E, anche in questo caso, tanto di cappello.

Tuttavia è interessante notare come, nel mondo dei supereroi, sia possibile che una protagonista femminile di primo piano, che storicamente si è sempre posta come una mangiatrice di uomini, possa avere un lato bisessuale, mentre non si è ancora visto un personaggio maschile noto per essere un don giovanni alle prese con il suo eventuale lato gay...

Che sia solo questione di tempo?
Attendiamo fiduciosi...

Alla prossima.

P.S. Vi ricordo che in cima a questo blog (nella versione web che potete visualizzare dal browser e non in quella per cellulare) potete votare per il PREMIO GLAD (Gay e Lesbiche Ancora Denigrati: trovate tutti i dettagli cliccando sull'apposito banner) 2015. Partecipate e spargete la voce!

Nessun commento: