SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 15 maggio 2015

FONDI PER KEVIN...

Ciao a tutti, come va?

Era da un po' di tempo che non vi aggiornavo sulla vista editoriale di Kevin Keller, il primo personaggio gay dichiarato della Archie Comics, e in effetti le novità - nonostante l'imminente rivoluzione del parco testatte della Archie Comics - scarseggiavano...

Finora...

Infatti da qualche giorno la Archie Comics ha sorpreso un po' tutti lanciando una campagna di crowdfunding su kickstarter in occasione del rilancio di quelle che potrebbero diventare le sue nuove testate di punta: Jughead, Betty and Veronica e Life with Kevin...

E che trovate CLICCANDO QUI.

In effetti questa mossa ha spiazzato un po' tutti, ma forse - prima di rimanere perplessi - è il caso di inquadrare la situazione nel suo insieme.

La Archie Comics è una casa editrice storica, che ha creato delle vere e proprie icone pop americane, ma a differenza dei grandi editori come MARVEL e DC COMICS non ha alle spalle delle major dell'intrattenimento che possono assorbire gli eventuali rischi di impresa determinati da una rivoluzione radicale nel suo parco testate... Rivoluzioni del tipo di quelle che, in effetti, i grandi editori di cui sopra possono permettersi di fare anche perchè ormai sono ramificazioni della DISNEY e della WARNER.

Inoltre per il rinnovo dei suoi personaggi la Archie Comics ha voluto scritturare alcuni nomi molto gettonati nel mondo del comics statunitense, e siccome negli USA non funziona come in Italia e c'è effettivamente un mercato per gli autori di fumetti, per avere - ad esempio - Adam Hughes su BETTY & VERONICA sicuramente la Archie Comics dovrebbe sborsare più quattrini di quanti ne ha sborsati finora per i suoi classici disegnatori (che essendo molto "di nicchia" di fatto lavoravano solo per la Archie Comics, e quindi avevano tariffe meno alte).

Il punto è che anche gli altri nomi famosi che la Archie Comics vuole ingaggiare per i suoi altri progetti hanno un notevole  "prezzo di mercato", se così vogliamo chiamarlo, e probabilmente alla Archie Comics si sono detti che forse poteva essere interessante ricorrere al crowdfunding per ammortizzare i costi e per verificare se EFFETTIVAMENTE il pubblico era interessato a sostenenere una simile rivoluzione grafica e narrativa nel suo storico parco testate...

E probabilmente non è un caso se per il crowdfunding di cui vi parlo oggi la Archie Comics propone, oltre a BETTY & VERONICA di Adam Hughes, anche JUGHEAD di Chip Zdarsky e LIFE WITH KEVIN con le chine di J. Bone (sui classici disegni di Dan parent)... Tutti pezzi da novanta nel loro genere, per intenderci.

Venendo - nello specifico - al caso di Kevin, dalle poche preview che stanno circolando si scopre che la sua serie sarà ambientata qualche anno nel futuro, e quindi sarà leggermente staccata dalla continuity delle nuove serie della Archie. Infatti in questa serie Kevin si presenta come un ventunenne gay dal look lumbersexual, che si è appena trasferito in una grande città...

Questo, effettivamente, apre tutta una serie di opzioni interessanti, e non escluderei che la scelta di J.Bone per i ritocchi e le chine sia stata motivata dal fatto che questo artista è noto per la sua capacità di disegnare maschi deliziosamente sexy in stile vintage...



In effetti è probabile che alla Archie Comics si siano decisi a realizzare delle storie di Kevin che potessero risultare esteticamente intriganti anche per il pubblico propriamente gay, e rendendosi conto che in questo senso Dan Parent (in quanto etero) aveva dei limiti, hanno convocato qualcuno che di maschi sexy se ne intende... E che, tanto per dirne una, è anche un fan del porn performer Colby Keller (nessuna parentela con Kevin)...

Scelta molto oculata, a mio modesto parere, anche se resta il problema che Dan Parent non ha esperienze dirette nel mondo gay, men che meno per quel che riguarda la vita dei gay ventunenni nelle grandi città, quindi bisognerà verificare in che modo verrà valorizzato - a livello di storie - il potenziale davvero ENORME della nuova testata dedicata a Kevin Keller.

Nell'attesa c'è da dire che, negli USA, più di qualcuno ha storto il naso dopo aver visto che anche un editore come la Archie è ricorsa al crowdfunding... Anche se personalmente io l'ho trovata una scelta molto onesta e, in ultima analisi, responsabile...

Soprattutto se si considera il fatto che la rivoluzione in corso è davvero una scelta rischiosa ed azzardata per un editore che fa SOLO l'editore e che storicamente è sempre stato associato a teen comics dal taglio umoristico per preadolescenti... Quindi che male c'è nel voler verificare se ci sono abbastanza lettori per raccogliere i 350.000 dollari necessari per dare il calcio d'inizio alle tre testate di cui sopra?

Certo, se avessero realizzato un crowdfunding per CIASCUNA delle tre serie sarebbe stato meglio, anche perchè al pubblico gay che vorrebbe leggere le nuove avventure di Kevin Keller fondamentalmente NON interessa che venga prodotta una serie dedicata a BETTY & VERONICA coi disegni sexy di Adam Hughes...

In ogni caso staremo a vedere come andrà a finire...

Alla prossima.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Speriamo che questo Kickstarter riesca, 350000 dollari non sono pochi... Quanto a Kevin Keller in versione adulta non so cosa dire, sicuramente il disegnatore è bravo e senz'altro leggerei volentieri una storia con Kevin in versione gran figo, ma la particolarità del personaggio era quella di essere un adolescente in un fumetto per preadolescenti, la nuova strada sembra buttare via tutto questo. D'altra parte però, la prima serie per quel che ne so si è conclusa senza che gli ultimi numeri fossero raccolti in paperback, probabilmente per calo di interesse, quindi magari è meglio così...

Wally Rainbow ha detto...

In realtà penso che aumentare l'età di kevin fosse indispensabile per permettergli di affrontare alcuni temi che per un adolescente sarebbero stati "politicamente scorretti"...

Anonimo ha detto...

Su Kickstarter sembra che la campagna sia stata ritirata (peccato, avevo deciso di contribuire anch'io nel mio piccolo), chissà cosa avrà fatto cambiare idea a quelli della Archie.