SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 16 ottobre 2015

TENDENZE GENERALIZZATE

Ciao a tutti, come va?
Anche quello di oggi sarà un post leggerino, che serve giusto per fare il punto della situazione a poco tempo dall'approvazione dei matrimoni gay negli USA... Nel senso che, a quanto pare, la suddetta approvazione ha solo ufficializzato un clima di maggiore tolleranza che si respirava da diverso tempo, e che sicuramente - dopo la sentenza sui matrimoni - può esprimersi in maniera più compiuta.

E in effetti quello che sta succedendo da qualche tempo nel mondo dei fumetti e nei prodotti derivati, che sono una delle tipiche espressioni della cultura popolare americana, non deve essere casuale. Certo l'introduzione di personaggi e tamtiche LGBT non è una novità, ma la cosa interessante è che dopo la sentenza della Corte Suprema il fenomeno sembra verificarsi con maggiore frequenza.

Solo nelle ultime due settimane, complice anche la New York ComiCon, gli annunci in questo senso sono stati ben tre, e la cosa interessante è che coprono praticamente tutti i settori in cui il genere supereroistico trova spazio: i fumetti, l'animazione e i live action.

Ad esempio: lo sceneggiatore Jeff Lemire, in una recente intervista (CLICCATE QUI) ha confermato che sarà alla guida della nuova serie Extraordinary X-Men, che racconterà le vicissitudini di una squadra composta da mutanti particolarmente amati (Storm, Iceman, Colossus, Nightcrawler e Magik) affiancati da due "naufraghi" spazio temporali (la Jean Grey/Marvel Girl adolescente proveniente dal passato) e un anziano  Wolverine proveniente da un futuro alternativo (visto che il Wolverine "ufficiale" è morto da poco)...
E in questa intervista ha rivelato anche che farà in modo di fare emergere il lato omosessuale dell'Iceman ufficiale!

Cosa estremamente interessante, visto che - dopo la scoperta del fatto che l'Iceman adolescente proveniente del passato era gay - i fans erano rimasti molto perplessi dal fatto che l'Iceman adulto di oggi non avesse mai fatto coming out... E che addirittura non risultasse gay ai poteri telepatici della Jean Grey/Marvel Girl che ora diventerà la sua compagna di squadra. 
Per i dettagli di tutta questa storia, che ai profani può sembrare un po' contorta, vi rimando al post che le ho dedicato (CLICCATE QUI).

Ad ogni modo Jeff Lemire (che vedete nella foto sotto) lascia intendere che anche altri personaggi della serie non sono poi così eterosessuali come si è creduto finora... E a quanto pare si è già scatenato una specie di totogay, che sicuramente non farà male alle vendite della testata... Ovviamente la speranza è che l'argomento venga trattato adeguatamente e senza forzature...

Invece, anche se non si può parlare di vere e proprie forzature, può essere interessante notare come nell'imminente serial televisivo MARVEL dedicato a Jessica Jones verrà introdotto un personaggio abbastanza inaspettato... E cioè l'avvocata lesbica Jeri Hogarth (interpretata da Carrie-Anne Moss, meglio nota come Trinity in Matrix)...

Ho usato l'aggettivo "inaspettato" perchè in realtà, nell'universo MARVEL, a fumetti questo personaggio esiste, ma è di sesso maschile ed è un attempato avvocato di nome Jeryn Hogarth...

Evidentemente qualcuno deve avere pensato che trasformare un personaggio maschile come tanti (che però servirà da collegamento con futuri serial televisivi MARVEL) in una lesbica rampante sarebbe stato più interessante, e sicuramente più in linea coi tempi. E d'altra parte, dalle parti della DC COMICS, qualcuno deve avere pensato anche che fosse arrivato il momento per una versione animata della nuova Batwoman (che, per quei pochi che non lo sapessero, è lesbica)... Il cui debutto è previsto nell'imminente film animato BATMAN - BAD BLOOD, che come tutte le ultime (e molto interessanti) produzioni animate DC COMICS si rivolge direttamente al mercato dell'home video...

Sicuramente l'omosessualità del personaggio non sarà al centro delle vicende, ma è comunque interessante notare che la prima supereroina lesbica dichiarata della DC COMICS è stata ulteriormente legittimata da una trasposizione animata... Cosa che, fino a qualche anno fa, sarebbe stata abbastanza impensabile (e d'altra parte finora questa Batwoman non era mai stata animata, anche se il suo debutto nei fumetti risale ormai al 2006)...

Forse questi cambiamenti erano già nell'aria, ma indubbiamente la legalizzazione dei matrimoni gay ha accelerato i tempi... E a questo punto sarà interessante verificare se questo clima influenzerà in qualche modo anche il "ritorno" di John Constantine nella quarta stagione di ARROW, dopo la chiusura del proprio serial per via dei bassi ascolti (CLICCATE QUI per saperne di più)...

Interpretato dallo stesso attore della sfortunata serie TV (Matt Ryan), il personaggio entrerà nel cast di uno dei serial supereroistici più gay friendly di sempre, e non è da escludere che - almeno in questa occasione - si accennerà esplicitamente alla sua bisessualità (che nei fumetti non è mai stata un mistero)... E in quel caso sarà interessante verificare se il pubblico finirà per apprezzarlo di più, e magari finirà per condedergli una seconda possibilità.

Ad ogni modo, per restare in tema di bisessuali, sarà interessante verificare anche se - visto che l'omosessualità non è più il tabù di un tempo - nel film per il grande schermo dedicato alla SUICIDE SQUAD ci sarà spazio per la bisessualità di Harley Quinn (interpretata da Margot Robbie)...

Che nei fumetti è stata ufficializzata da pochissimo tempo (sul numero 15 ella sua nuova serie, uscito lo scorso marzo), peraltro confermando che la natura della sua amicizia con la collega Poison Ivy non era esclusivamente platonica...

Considerando che mediamente i produttori cinematografici sono molto più prudenti di quelli televisivi non lo darei per scontato, ma a questo punto non lo scarterei nemmeno a priori. Certo è che, se non sarà Harley Quinn a portare la comunità LGBT nei film supereroistici, presto o tardi ci penserà qualcun altro.

É solo questione di tempo.

Alla prossima.

Nessun commento: