SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 2 ottobre 2015

I TEMPI (TELEVISIVI) CAMBIANO...

Ciao a tutti come va?

Lo scorso 20 settembre, all'età di 87 anni, è morto l'attore Jack Larson, che era diventato famosissimo negli anni '50 per il suo ruolo di Jimmy Olsen, il migliore amico di Superman, nel serial televisivo dedicato all'Uomo d'Acciao fra il 1952 e il 1958.

Jack Larson era gay, e anche se all'epoca non lo andava a sbandierare in giro non aveva mai fatto niente per nasconderlo, tant'è che non ha mai avuto matrimoni di facciata e praticamente tutti, nell'ambiente, sapevano che mentre interpretava Jimmy Olsen aveva avuto anche una relazione con il popolare attore cinematografico Montgomery "Monty" Clift (che però era notoriamente bisessuale, e che vedete qui sotto)...

Fatto sta che al termine della serie televisiva di Superman, che guardacaso coincise con l'inizio della relazione di Jack Larson con il regista e attore James Bridges (che durò fino alla morte di quest'ultimo, nel 1993), nessuno volle più saperne di concedergli nuovi ruoli, al cinema come in TV, e per tutti il suo nome rimase indissolubilmente legato alla serie di Superman, quella con l'ultraquarantenne George Reeves nella parte principale...

Tuttavia, un po' per la sua scelta di non nascondersi e un po' per il ruolo di Jimmy Olsen, questo attore era diventato abbastanza cult nell'ambiente gay americano, tant'è che la sua morte è stata ripresa anche su moltissimi siti gay... Anche solo perchè, molto simbolicamente, con lui sembra essersene definitivamente andata anche l'epoca in cui le serie televisive, e in particolare le serie tratte dai fumetti, non potevano (e non dovevano) avere niente a che fare con il mondo omosessuale...

Infatti, proprio mentre Jack Larson passava a miglior vita, le tematiche gay hanno confermato di essere diventate qualcosa di quasi imprescindibile nelle produzioni televisive ispirate ai fumetti, tant'è che nelle ultime settimane sono stati confermati ben quattro personaggi gay in altrettanti serial che animeranno la nuova stagione televisiva americana.

La MARVEL, ad esempio, ha deciso di sorprendere un po' tutti introducendo, nella prima puntata della terza stagione di AGENTS OF S.H.I.E.L.D., il primo personaggio gay del suo universo cinematico: Joey Gutierrez (intepretato dall'attore colombiano Juan Pablo Raba), a cui il risveglio dei famigerati geni inumani ha donato il potere di fondere i metalli...

E, siccome questo serial ci tiene a stare al passo coi tempi, l'orientamento di questo personaggio emerge quando la squadra cerca informazioni sul suo conto... E risale al suo orientamento tramite la sua pagina facebook... Così, tra le altre cose, si viene a sapere che il suo ex ragazzo era un salutista e che lui è un capo cantiere con la passione per le moto... Giusto per dare un colpo di spugna a qualche decennio di stereotipi legati all'omosessualità...

Da notare, tra l'altro, che per intepretare questo personaggio è stato scelto un divo delle telenovelas, che ha anche un discreto curriculum da sex simbol (come potete intuire dalla copertina qui sotto), e che ovviamente non ha avuto problemi ad accettare un ruolo gay...

In ogni caso, per restare in tema di attori latini e personaggi gay, anche nella seconda stagione della serie GOTHAM sta per arrivare un personaggio gay (che questa volta ha un corrispettivo anche nelle storie a fumetti di Batman), e cioè il coloratissimo killer cannibale Eduardo Flamingo...

Che per l'occasione verrà interpretato dall'attore ispanico Raul Castillo, per cui il problema maggiore - a quanto pare - è stato quello di spiegare alla sua famiglia vecchio stampo che interpretare un ruolo omosessuale non è più disdicevole come una volta... E, d'altra parte qualcosa, mi dice che buona parte del pubblico omosessuale non si lamenterà della scelta fatta dai produttori...

E comunque, per restare in tema di DC Comics, è stata anche confermata la presenza di Echo Kellum (foto sotto) nei panni di Mr. Terrific nella nuova stagione di ARROW... E sarà molto interessante verificare come verrà introdotta l'omosessualità di un personaggio che nei fumetti era notoriamente eterosessuale e che - anzi - deve la sua carriera di supereroe proprio all'esigenza di vendicare moglie e prole...

Infine, per non farci mancare niente, è in arrivo un nuovo personaggio gay anche per gli amanti del serial tratto dal fumetto horror THE WALKING DEAD... Anche questa volta sarà ispirato dal suo corrispettivo fumettistico, e infatti si tratterà di Paul Monroe, soprannominato Jesus per il suo look e per la sua condotta morale irreprensibile...

E anche in questo caso, per il ruolo, i produttori hanno scelto un giovanotto non proprio da buttare, e cioè l'attore britannico Tom Payne...

Uno scenario molto interessante, insomma, e tutto questo senza considerare gli attori dichiaratamente gay che in questi serial "fumettistici" hanno ruoli etero, a riprova del fatto che - perlomeno in questo ambito - il loro coming out non sta avendo ripercussioni negative sulla loro carriera...

A partire dall'incontenibile John Barrowman (attualmente noto per la sua interpretazione dell'astutissimo, crudelissimo e perfidissimo Merlin nella serie ARROW), che ultimamente - quando viene invitato alle convention fumettistiche - non si pone problemi di alcun tipo...








Men che meno quando è in compagnia di suo marito Scott...


Morale della favola: non ci è dato di sapere cosa pensasse Jack Larson di tutto questo, e degli enormi cambiamenti avvenuti dai tempi in cui lui interpretava Jimmy Olsen, ma qualcosa mi dice che è stato felice di potervi assistere nell'ultima parte della sua vita... Anche perchè, a quanto pare, adesso siamo arrivati al punto che essere un attore gay dichiarato, perlomeno nell'ambito dei serial che strizzano l'occhio all'immaginario pop, non è affatto un problema... E, anzi, se in questi contesti un attore è eterosessuale e interpreta un ruolo gay può garantirsi una buona dose di popolarità supplementare... E il peggiore dei suoi problemi è doversi giustificare coi genitori un po' bigotti...

Molto meglio così.

Alla prossima.

Nessun commento: