SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 2 settembre 2009

COSE DELL'ALTRO MONDO

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Oggi volevo segnalarvi un'altra di quelle cose che nessuno vi segnala, ma che secondo me è importante sapere per capire come va il mondo laddove il mondo và e non resta fermo. Cominciamo dall'inizio: l'ultimo week end di settembre si terrà la tredicesima edizione della Small Press Expo (SPX), che si tiene nella città di Bethesda, in Maryland. Si tratta di una fiera di fumetti dedicata ai piccoli editori, alle autoproduzioni e a tutti quei fumetti che esulano dall'ambito prettamente commerciale e dagli stili canonici. Nel tempo ha saputo guadagnarsi un certo prestigio e ogni anno assegna anche un premio, dedicato al topo Ignatz, co-protagonista di uno dei primi fumetti "alternativi" della storia, ovvero il surreale Krazy Kat. Il suddetto fumetto, oltre a sfidare tutti i canoni del fumetto in senso lato (e stiamo parlando del 1913), è passato alla storia anche perchè il gatto protagonista, che era di sesso maschile, aveva un debole proprio per il topo Ignatz, che lo ripagava prendendolo a mattonate in testa... Con grande gioia del gatto, che lo vedeva come un gesto d'amore. Difficile dire se era un fumetto omofobo o un fumetto omofilo, tuttavia vi parlo della SPX e del premio Ignatz perchè quest'anno sono in gara due fumettisti omosessuali dichiarati che producono fumetti a tema spudoratamente gay. La prima è Joey Alison Sayers, che vedete nel simpatico autoritratto qui sotto (per il suo sito CLICCATE QUI).
Col suo stile essenziale ha avuto una popolarità crescente nell'ambito dei fumetti alternativi, e non solo negli USA, visto che alcune sue cose sono uscite direttamente per il mercato svizzero... Per darvi un'idea qui di seguito vi posto una sua striscia, ovviamente per vederla più grande dovette cliccarci sopra.
Oltre a lei è candidato all'Ignatz Award anche un simpatico ragazzone che sarebbe un bocconcino molto appetibile per ogni amante degli orsi degno di questo nome... Infatti stiamo parlando di Ed Luce, che potete ammirare in tutta la sua rubiconda pienezza nella foto qui sotto.
Il disegno che vedete sulla sua maglietta rappresenta il suo personaggio Oaf, a cui ha dedicato un sito ufficiale che potete visitare CLICCANDO QUI, con tanto di merchandising vario. Il nostro amico Ed, però, ha anche un suo blog personale, tramite il quale è possibile seguire passo passo le sue attività, e potete raggiungerlo CLICCANDO QUI. La candidatura di Ed diventa particolarmente significativa se consideriamo che i suoi fumetti strizzano decisamente l'occhio agli ideali estetici del mondo bear, con una buona dose di ammiccamenti vagamente erotici.
Forse sbaglio, ma se un autore come Ed Luce può gareggiare per un premio di qualità abbiamo un'altra prova che l'immaginario omosessuale può convivere tranquillamente con tante altre espressioni artistiche, se non altro in quelle realtà che non sono avviluppate dai pregiudizi e dalla sessuofobia (che può sfociare anche nell'omofobia più trucida). A questo punto vi aspetterete che vi dica come sarebbe bello se autori come Ed Luce avessero spazio anche in Italia... Ma anche se sono tentato di dirlo non posso farlo, e questo perchè effettivamente Ed Luce, in Italia, è già stato pubblicato! Avete strabuzzato le pupille? Eppure avete letto bene... Il nostro amico Ed, oltre ad essere stato ospitato su varie riviste estere, è stato pubblicato anche su una fanzine (abbreviazione di "fans magazine", cioè rivista per soli appassionati) realizzata in Italia con cadenza quadriestrale. Forse non ne avete mai sentito parlare perchè viene realizzata in inglese, perchè in Italia arriva solo in tre librerie gay e perchè... Beh... Si tratta di una rivista per appassionati di sesso gay un po'... Come dire... Curiosi a 360 gradi... Tant'è che il suo nome è PISSZINE... Qui sotto vi posto la copertina dell'ultimo numero (il color giallino è una costante delle copertine)... Aemh... A discapito del colore giallino non si tratta di una fanzine che parla solo di certe... Aemh... Pratiche più o meno bagnate... Infatti si tratta di una pubblicazione che offre uno sguardo alternativo al mondo dell'omoerotismo e dell'omosessualità in senso lato... E forse chi la scrive ha avuto un certo buon senso a farla in inglese e a puntare su un mercato che Italia, in effetti, ancora non esiste. C'è da dire che è abbastanza indicativo il fatto che, mentre Ed Luce negli USA è candidato ad un premio abbastanza prestigioso, in Italia sia stato pubblicato su una fanzine gay che pochissimi gay conoscono e che, per giunta, viene scritta in inglese... E la cosa davvero ironica è che questa fanzine arriva persino in Australia e Nuova Zelanda... Mah... Immagino che in tutto ciò ci sia una sorta di logica perversa, ma questo non mi impedisce di inarcare leggermente il sopracciglio pensando alla situazione nel suo insieme...
Alla prossima.
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Interessante, però non ho capito la frase "curiosi del sesso GAY a 360 gradi"... l'urofilia non è esclusivamente per gay

Wally Rainbow ha detto...

Ma l'urofilia di cui si parla su quella fanzine sì :-)