SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

sabato 26 marzo 2011

IL VIDEO DELLA SETTIMANA

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Bentrovati al nostro appuntamento settimanale con il mondo dei cantanti gay dichiarati, che nel resto del mondo sono sempre di più e che in Italia sono sempre rarissimi e vengono considerati ancora una novità un po' eccentrica e senza grandi possibilità di affermazione. A riprova del fatto che - per fortuna - altrove non è così, oggi sono qui a segnalarvi il caso di Ron Perkov...
Originario di Brooklyn e laureato in "musica e business" alla Indiana University (ebbene sì, esistono anche questi corsi di laurea), per anni la sua passione per la musica si è espressa solo attraverso la sua attività di corista, fino a quando a deciso di fare il salto di qualità. Così un paio di anni fa ha debuttato come solista non più giovanissimo, ma con tanta voglia di emergere. La cosa interessante, ed emblematica, di questo cantante è che fin da subito si è proposto come cantante gay dichiarato, adottando un modello assertivo e impegnato nonostante il suo genere di musica sia assolutamente commerciale, tant'è vero che adesso sta lavorando ad un brano per il prossimo Gay Pride di New York. Per darvi un'idea di quello che intendo con musica impegnata e al tempo stesso commerciale, qui di seguito potete vedere uno dei suoi ultimi lavori, in cui vuole lanciare un messaggio abbastanza chiaro contro il bullismo scolastico (e in particolare contro quello omofobico)...

Penso che questo dia esattamente la misura di come si può usare la musica, anche quella disimpegnata per definizione, per provare a lanciare un messaggio costruttivo... Sempre che lo si voglia fare, ovviamente. Sarebbe interessante se qualcuno ci provasse anche dalle nostre parti, ma qualcosa mi dice che la strada da fare è ancora tanta...

1 commento:

Drowyag ha detto...

si è vero: i dichiarati sono pochissimi, personalmente non riuscirei ad essere un artista e non dichiararmi, se per "fare arte" intendiamo esprimere attraverso dei prodotti (siano essi quadri, canzoni, sculture, poesie etc.) quello che sentiamo interiormente..certo si può comunque esprimere, pur senza dichiararsi..ma non vedo l'utilità del nascondersi.. bel blog! ti lascio il link del mio anche se è solo una specie di diario (aperto da poco!) http://virtualsingleroom.blogspot.com/