SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

lunedì 15 luglio 2013

ISMAEL INTERNATIONAL

Ciao a tutti, come va?
In effetti è da un po' di tempo che non parlo del simpatico illustratore spagnolo Ismael Alvarez, e vado subito a recuperare segnalandovi che da questo emese le sue illustrazioni (a partire da quella che vedete qui sotto) faranno presenza fissa su VOGUE JAPAN.
Eppure questa non è che la punta dell'iceberg della sua attività negli ultimi mesi. In effetti il mese scorso mi era sfuggito (Mea culpa! Mea culpa!) il fatto che ha participato molto attivamente anche al Festival Internazionale della Diversità Sessuale (per gli amici FIDS) che si è tenuto a Cuauhtémoc (una delle municipalità del Distretto Federale di Città del Messico), per il quale ha realizzato anche una provocante locandina (che vedete qui sotto).
Oltre al fatto di avere come ospite d'onore, tra gli altri, proprio Ismael Alvarez, direi che questo Festival merita una menzione speciale anche solo per il fatto che è arrivato alla ventiseiesima edizione, e che si tratta di un Festival decisamente impegnato, visto che le sue iniziative vengono ospitate dal Museo dell'Università di Chopo, dal Museo della Donna, dall'Accademmia di San Carlos e dal Centro Culturale Spagnolo, con tutta una serie si patrocini importanti. So che è un po' come sparare sulla crocerossa, ma credo che un'iniziativa del genere, in Italia, possiamo solo sognarcela: un Festival che celebra le diversità sessuali e che trova posto in Università e Musei (a proposito: in Italia abbiamo musei dedicati alle donne?) è davvero qualcosa che - anche solo a parlarne - sembra un po' un'eresia. In ogni caso complimenti ad Ismael Alvarez (foto sotto), che fa parte di tutto ciò e che è un po' a prova che i paesi moderni possono creare dei circuiti virtuosi in cui gli artisti possono muoversi ed essere valorizzati come si deve.
L'Italia di oggi fa parte di questo circuito?
Io qualche dubbio ce l'ho... E voi che ne pensate?
Alla prossima.

Nessun commento: