SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 13 febbraio 2013

BENVENUTI NEL REGNO DI OZ!

Ciao a tutti, come va?
Come forse avrete notato in questo BLOG mi diverto anche a segnalare quei film che sembrano fatti apposta per dimostrare che il pubblico gay viene tenuto in crescente considerazione da parte delle grandi case di produzione hollywoodiane. Ovviamente i soliti disfattisti cercano in mille modi di minimizzare il fenomeno, ma il film che vi vado a segnalare oggi sembra particolarmente indicato per confermare la teoria secondo cui la cultura gay non è affatto ignorata dalle nuove produzioni. Infatti sto parlando di un film Disney che uscirà presto sul grande schermo: Oz the Great and Powerful, e cioè il prequel non ufficiale de Il Mago di Oz...
Anche su queste pagine ho scritto in più occasioni del come e del perchè Il Mago di Oz sia diventato un cult per la comunità gay americana, ma forse vale la pena di rinfrescarvi la memoria. Quando venne prodotto il primo film in technicolor dedicato al racconto scritto da L.F. Baum nel 1900 la comunità gay se la vedeva proprio male, e in effetti la sua rappresentatività nel mondo del cinema era pressochè nulla. Però il film del 1939 con Judy Garland nel ruolo di Dorothy, con la scusa del contesto fiabesco, presentò vari personaggi che avevano caratteristiche tipicamente omosessuali (perlomeno secondo la mentalità del periodo), e che avevano un ruolo positivo...
Oltretutto, in un'epoca in cui gli eroi maschili del cinema erano tutti rudi e maneschi, i protagonisti del Mago di Oz risolvevano i loro guai con l'intelligenza, il garbo e la gentilezza: una vera rivoluzione! Il film ebbe un tale impatto che da allora in poi i gay, fra di loro, iniziarono a chiamarsi "amici di Dorothy" e "Oz" divenne sinonimo di luogo in cui gli omosessuali vivevano sereni. Judy Galrand, dal canto suo, divenne un'icona gay e la leggenda narra che le rivoluzioni che diedero il via al movimento gay partirono anche in seguito al nervosismo causato dalla sua dipartita, avvenuta nel 1969... Ma questa è un'altra storia. Quello che mi interessa sottolineare è che, probabilmente, la Disney ha considerato tutto questo, altrimenti davvero non si spiegherebbe perchè - fra tanti attori disponibili - per il ruolo del protagonista abbia scelto proprio un'icona gay come James Franco...
E badate che non parliamo di un attore sexy che ha avuto qualche ruolo in film cult per la comunità gay (come MILK), ma di un personaggio che pur rimarcando la sua eterosessualità non ha mai mancato di dimostrare la sua vicinanza alla causa gay, sottolineando orgogliosamente il suo stato di icona in più occasioni... E divertendosi anche a giocare col suo lato femminile...
Da notare che in quest'ultimo periodo si era parlato di lui anche perchè aveva prodotto un documentario dedicato al mondo della pornografia BDSM, con tanto di abbondanti parentesi esplicite gay, e questo non ha comunque rappresentato un problema per la Disney... Che anzi ha già dato il nulla osta per la realizzazione di una serie di bambole ispirate al film, tra le quali spicca proprio quella dedicata a James Franco nei panni di Oscar Diggs, e cioè il futuro mago di Oz...
Come cambiano i tempi, vero? In ogni caso il film  verrà ditribuito a partire dal prossimo 7 marzo, e quindi potremo verificare presto se ci saranno altri sottotesti gay... Nel frattempo vi lascio con il trailer, che sembra promettere veramente bene...
Alla prossima!

Nessun commento: