SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

venerdì 17 giugno 2016

BEI GESTI...

Ciao a tutti, come va?

Vorrei concludere questa settimana con un filo di speranza in più, riportandovi alcuni gesti positivi che arrivano dal mondo che ruota attorno all'immaginario pop...

Dopo la strage di Orlando è emerso che buona parte delle 49 vittime e dei 53 feriti erano ispanici e/o non avevano grandi risorse economiche. Questo è stato un problema sia per i parenti delle vittime (che in qualche caso non avevano nemmeno i soldi per permettersi un funerale) che per i feriti (visto che in america le assicurazioni sanitatarie sono quello che sono). Così il Sindaco di Orlando ha sostenuto la nascita di una fondazione finalizzata a raccogliere fondi per aiutare tutti quanti, la OneOrlando (la trovate CLICCANDO QUI). La Walt Disney Company, che a Orlando ha proprio uno dei suoi parchi (che oltretutto era stato considerato anche un possibile obbiettivo dallo stragista Omar Mateen), è passata subito ai fatti... Anche perchè una delle vittime, Jerald A. Wright, era un suo dipendente...
Così, dopo aver espresso il suo cordoglio ha donato a OneOrlando un milione di dollari per aiutare le famiglie delle vittime e i sopravvissuti, dopodichè ha messo a disposizione dei parenti delle vittime che venivano da fuori città una sistemazione gratuita (in collaborazione con la Florida Central Hotel & Lodging Association), e infine  - tramite l'associazione OneBlood (CLICCATE QUI) - i dipendenti del Walt Disney World Resort hanno potuto donare il proprio sangue espressamente per i feriti di Orlando.

Buona cosa.

Nel frattempo dalle parti del parco tematico dedicato a Harry Potter (anch'esso costruito dalle parti di Orlando, e che trovate CLICCANDO QUI), si è tenuta una commemorazione molto particolare... In cui tutti partecipanti hanno alzato le loro bacchette al cielo... Anche in memoria di Luis S. Vielma, che era un fan della saga di J.K. Rowling (che ha a sua volta ha espresso il proprio cordoglio), nonchè un dipendente del parco...


Detto ciò, siccome in america la comunità LGBT  e gay friendly non si mobilità solo quando ci sono delle tragedie, passo a segnalarvi un'altra bellissima iniziativa proposta dal sito Humble Dumble (quello che permette di fare una donazione minima per beneficenza per poi ottenere in cambio vagonate di materiale digitale, per un valore di molto superiore all'offerta minima richiesta). La campagna di beneficenza che vi segnalo oggi sostiene il progetto It Gets Better (CLICCATE QUI), che si propone di offire un sostegno positivo ai giovani LGBT in difficoltà. La campagna di raccolta fondi che vi segnalo oggi si conclude il 22 giugno e la trovate CLICCANDO QUI.

Con una misera offerta minima di 15 dollari, questa volta, potete scaricare in versione digitale NON SOLO una gran quantità di fumetti a tematica LGBT (dal primo volume di Kevin Keller alle graphic novel di Alex Woolfson, passando per le antologie di manga bara e i classici di Sophie Campbel)... 
Questa volta l'offerta comprende anche biografie, guide ai Gay Pride nel mondo, antologie di racconti fantascientifici, pietre miliari del genere boys love e quant'altro... Trovate tutte le offerte nella pagina dedicata...



Ovviamente la maggior parte dell'offerta è costituita da materiale del tutto inedito nel nostro paese, anche se si tratta di vere e proprie perle, che spesso hanno vinto anche diversi premi... E questa volta sono compresi persino degli audiolibri...

Morale della favola: se sapete un po' di inglese, vi piacciono le produzioni a tematica LGBT e avete 15 dollari da spendere direi che questo è un ottimo investimento.

A margine mi limito a segnalare che il progetto It Gets Better ha provato a farsi largo anche in Italia, dove è stato ribattezzato LE COSE CAMBIANO (CLICCATE QUI PER IL SITO UFFICIALE), e non mi risulta che dalle nostre parti abbia mai lavorato in tandem con qualche casa editrice di fumetti... Nemmeno con quelle che in catalogo hanno molti titoli LGBT...

D'altra parte si dice che non è mai troppo tardi, quindi si potrebbe ancora trovare il modo di fare interagire il progetto (in versione italiana) col mondo del fumetto... Anche senza offrire necessariamente fumetti gratis...

Nella speranza che qualcuno colga il mio suggerimento vi saluto e vi dò appuntamento al prossimo post...

Nessun commento: