SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 15 giugno 2016

VERI EROI...

Ciao a tutti, come va?

Per compensare le brutte notizie di questo ultimo periodo oggi ho deciso di segnalarvi una storia a lieto fine, che coinvolge di riflesso il mondo delle serie TV, ma di cui in Italia si è parlato davvero poco e niente (anche sui siti italiani che segnalano persino i compleanni dei vari interpreti delle suddette serie, per intenderci).

I fatti sono questi: nel cast della serie Supergirl (la cugina di Superman) c'è un attore che si chiama Jeremy Jordan, che interpreta Winslow "Winn" Schott Jr., collega/spasimante della protagonista e figlio del supercriminale chiamato Giocattolaio (uno storico avversario di Superman)...

Jeremy Jordan è originario del Texas (e più precisamente di una città di 300.000 abitanti che si chiama Corpus Christi, e già questo è un po' indicativo), e del Texas sono anche molti suoi parenti... Fra questi c'è sua cugina Sarah, che ha 17 anni ed è stata obbligata dai suoi genitori ad andare in un campo di correzione per giovani omosessuali... Di quelli in cui, tramite le cosiddette terapie riparative e i momenti di preghiera, si cerca di modificare l'orientamento sessuale dei minorenni che vengono portati lì da chi ha la patria potestà su di loro. Il buon Jeremy Jordan, però, non c'è stato e ha deciso di sfruttare il suo attuale momento di popolarità per aiutare la cugina in difficoltà.

La sua idea era quella di lanciare una raccolta fondi (CLICCATE QUI) per poter pagare un'azione legale finalizzata a "liberare" sua cugina (anche alla luce del fatto che le terapie riparative, negli USA, sono già diventate illegali in Vermont, New Jersey, California, Illinois, Oregon, nel distretto di Columbia e in quello di Cincinnati).

Questa storia, però, ha fatto il giro dei social, e in particolare di quelli legati al mondo delle serie TV e dei supereroi, e in cinque giorni sono stati raccolti oltre 64.000 dollari... Di cui 5000 sono stati offerti dall'attore Colton Haynes, nome storico del cast di ARROW che ha da poco fatto coming out (CLICCATE QUI).

Le ultime notizie riferiscono che uno studio legale si è messo in moto e che, anche grazie alla sensibilizzazione che c'è stata sul web, Sarah è stata liberata (CLICCATE QUI)... Il tutto a tempo di record. Quindi tanto di cappello a Jeremy Jordan, che ha dimostrato che non è solo Superman quello che si fa in quattro per salvare sua cugina nei momenti di bisogno... Anche se in effetti dispiace constatare che, per una Sarah che ha un cugino celebre che è stato capace di smuovere le acque, ci sono ancora tantissimi giovani vittima di questi campi di correzione ai confini della realtà...

Comunque, già che siamo in tema di Supergirl, è stato annunciato che dalla prossima stagione (che si trasferirà sul canale CW) lo show includera anche il capitano Maggie Sawyer, noto personaggio dichiaratamente lesbico introdotto nelle storie di Superman a partire dal 1987. In realtà era già comparsa in versione animata nella serie di Superman degli anni Novanta, nonchè in verisone "live" nel serial Smalville, anche se in nessuna di queste occasioni c'erano state dichiarazioni esplicite a proposito del suo orientamento sessuale...

Però qualcosa mi dice che nella serie di Supergirl le cose andranno diversamente, anche perchè nel frattempo Maggie Sawyer (nei fumetti) è diventata la ragazza di Batwoman... Personalmente ero sicuro che se il produttore gay dichiarato Greg Berlanti fosse riuscito a trasferire Supergirl sul canale CW (dove può muoversi più liberamente) non si sarebbe lasciato sfuggire l'occasione di piazzare qualche elemento LGBT in Supergirl, ma queste conferme fanno sempre piacere.

Alla prossima.

1 commento:

Fumetti di Carta (Orlando Furioso) ha detto...

Ogni tanto qualche buona notizia!
Sono veramente felice per Sarah e confido molto nel fatto che lei e tutte le persone coinvolte in quegli orripilanti "riti" deviati e fanatici che sono le cosiddette "terapie riparative" possano uscirne al meglio e vincere la loro battaglia contro questi omofobi fondamentalisti dell'idiozia!
Un abbraccio.