SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 25 maggio 2016

CHI BEN COMINCIA...

Ciao a tutti come va?

Forse, se siete appassionati di fumetti americani, saprete che è ai nastri di partenza l'ennesima crisi multi-spazio-tempo-dimensionale della DC COMICS, che avrà l'arduo compito di risistemare le cose in un universo narrativo che - dopo l'ultimo "aggiornamento", che ha portato alla nascita dell'universo "New 52" - non aveva granchè convinto il pubblico, che dopo il gradimento iniziale aveva manifestato un disinteresse crescente verso il progetto... Soprattutto per l'aumento dei toni cupi, drammatici e cinici di buona parte delle sue ultime storie...

E a poco sono serviti i tentativi di risistemare le cose l'anno scorso con l'evento CONVERGENCE, che - pur legittimando gli universi narrativi precedenti al New 52 - fondamentalmente non aveva rimesso mano alla linea narrativa principale (e infatti è passato abbastanza inosservato).

Quindi la dirigenza ha optato per un "ritorno alle origini" più radicale, che parte dalla consapevolezza che l'universo New 52, in realtà, è nato sotto l'influenza del Dr. Manhattan (uno dei protagonisti della seminale serie Watchmen) che - pur abitando da sempre in una realtà parallela all'universo DC Comics ufficiale - ha esteso il suo potere al punto di proittare la sua visione cinica e disillusa del creato quando si è verificato l'evento Flashpoint nel 2011, che portò alla nascita dell'universo New 52 di cui sopra.

Tutto chiaro?

Questa operazione (che non a caso si chiama REBIRTH, e cioè rinascita), quindi, dovrebbe far tornare le storie e le ambientazioni dei supereroi DC COMICS agli antichi fasti, restituendo loro una buona dose di quella speranza e di quell'ottimismo che le avevano caratterizzate da sempre. Riesumando, nel frattempo, una quantità di spunti che erano stati esclusi dall'ultimo sconvolgimento cosmico.

Parlo di questo ennesimo riassestamento dell'universo DC perchè qualcuno aveva ipotizzato (e forse anche sperato) che, con questa "rinascita", si sarebbe tornati ad un approccio più soft e meno esplicito nei confronti delle tematiche LGBT... Partendo dal presupposto che, in effetti, le radici storiche della casa editrice sono notoriamente legate ad un determinato ambito culturale... Più conservatore, se così vogliamo definirlo.

Eppure, se il buon giorno si vede dal mattino, dalle preview che hanno iniziato a circolare sembrerebbe proprio che la casa editrice non abbia alcuna intenzione di fare dei passi indietro in questo senso (anche perchè sarebbe obbiettivamente ridicolo, considerando i progressi dei diritti civili negli USA). E così, fin dalle preview del primo numero, abbiamo la conferma che in questo nuovo universo ricomparirà Jackson Hyde, alias Aqualad (nome atlantideo Kaldur'ahm), che aveva debuttato nella serie animata Young Justice del 2010... E che ora si scopre essere un teenager omosessuale che ha dei seri problemi ad essere accettato in famiglia (anche se probabilmente si tratta della sua famiglia adottiva)...

Per chi non lo sapesse Aqualad, nelle sue varie versioni, è un personaggio minore (nonchè spalla storica di Aquaman) abbastanza iconico nella "cosmologia" della DC COMICS, e dopo la sua apparizione nella serie cult Young Justice sicuramente è diventato molto popolare anche fra i non appassionati... Quindi il fatto che venga reintrodotto in REBIRTH, e che venga presentato fin da subito come omosessuale, sicuramente non è un caso... E, anzi, assomiglia molto ad un biglietto da visita con cui la casa editrice vuole sottolineare il suo impegno a mantenere l'approccio gay friendly che l'ha caratterizzata negli ultimi anni...

Tantopiù che, ad essere sincero, ho sempre avuto il sospetto che anche gli autori della serie animata Young Justice - quando lo hanno ideato - avessero voluto connotarlo in maniera un po' queer, nonostante il suo interesse per l'atlantidea Tula...

Morale della favola: sarà molto interessante verificare come si sposerà il tradizionale "stile DC COMICS", che vuole essere rilanciato dall'operazione REBIRTH, con l'approccio gay friendly che ha preso piede negli ultimi anni (anche a seguito delle prese di posizione dei lettori, nettamente a favore di una politica inclusiva e progressista in fatto di tematiche LGBT). Certo è che Aqualad sarebbe il primo personaggio maschile con un "nome" così importante a manifestare un orientamento omosessuale nell'universo narrativo ufficiale della casa editrice... Segno evidente che i tempi stanno cambiando, e che forse REBIRTH potrebbe anche riservare anche qualche altra sorpresa molto interessante, fra un colpo di scena e l'altro...

Come sempre accade in questi casi non ci resta che stare a vedere... Sicuramente indietro non si torna, soprattutto se uno degli obbiettivi principali della DC COMICS è quello di conquistare nuovo pubblico fra le nuove generazioni, che ovviamente rappresentano il futuro della casa editrice... E che vivono in un contesto in cui i matrimoni gay, ad esempio, sono diventati una realtà...

Alla prossima.

E non dimenticare di partecipare alla votazione dei premi GLAD! Vota anche tu il fumetto italiano che ti ha deluso di più! Trovi tutte le informazioni CLICCANDO QUI.

Nessun commento: