SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

giovedì 2 luglio 2009

ANNUNCI

Ciao a tutti e ciao a tutte... Come state?
Un piccolo e triste post era necessario perchè è appena arrivata la notizia che al Senato della Repubblica è passato il cosiddetto DECRETO SICUREZZA, che oltre a vincolare pesantemente l'attività dei giornalisti, introdurre il reato di immigrazione clandestina e a legittimare le ronde dei cittadini (tre cose che preferirei non commentare, anche perchè direi che parlano da sole) mette in difficoltà anche la libertà concessa da internet... Eh, già! Perchè come vi ho già spiegato a suo tempo, con questo decreto si obbligano i gestori di siti informatici (compresi i modesti blogger come il sottoscritto) a procedere entro 48 ore dalla richiesta, alla rettifica di post, commenti, informazioni ed ogni altro genere di contenuto pubblicato. Non dar corso alla richiesta da parte di blogger, gestori di newsgroup, piattaforme di condivisione di contenuti e di chiunque sia definibile "gestore di sito informatico" avrà come conseguenza una sanzione che può superare i 10000 euro. Si potrà richiedere a questo o a un altro blog, per ogni commento, per ogni video pubblicato su YouTube, per ogni fotografia, una rettifica. Più informazione pubblichi, più rettifiche puoi ricevere e dover pubblicare. Ci potrebbe essere il caso di chi invia un commento con un nickname e poi chieda lui stesso la rettifica. Tanto per esser chiari e sicuri di evitare fraintendimenti quello che accadrà all'indomani dell'entrata in vigore della nuova legge è che chiunque potrà inviare una mail a un blogger (tipo il sottoscritto), o a Google in relazione ai video pubblicati su YouTube, a Facebook o MySpace o, piuttosto al gestore di qualsiasi newsgroup o bacheca elettronica amatoriale o professionale che sia, chiedendo di pubblicare una rettifica in testo, video o podcast a seconda della modalità di diffusione della notizia da rettificare. Ovviamente il provvedimento non specifica se bisogna assecondare una richiesta di rettifica sensata o una richiesta che non stà nè in cielo nè in terra. Va da sè che si tratta di un provvedimento fatto apposta per legare le mani a chi si oppone all'informazione "ufficiale" e a chi offre punti di vista alternativi. Cosa succederà adesso? Di certo ora sarò obbligato a filtrare i vostri post per vedere se fra questi c'è qualche richiesta di rettifica (non si sa mai), quindi se i vostri post non verranno pubblicati istantaneamente non temete... Devo solo avere il tempo di approvarli... Obbiettivamente si tratta di gran scocciatura... Ma non oso pensare a come andranno in tilt quei blog che ricevono centinaia (o migliaia) di commenti ogni giorno... Personalmente penso che sia un provvedimento vergognoso, che sembra tanto l'apripista per qualcosa di peggio. Staremo a vedere cosa succederà, ma ammetto che tutto questo mi rattrista e mi spaventa. Non ci sono solo io, vero?
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

12 commenti:

Giacomo85 ha detto...

Be' guarda Vale, sul fatto dei centri di accoglienza che divenatano di riconoscimento ed espulsione, non vedo niente di male...
Quante volte si sente ai tg "e' immmigrato clandestino, quindi non segue nessuna legge!".
Poi Vale ne ho, scusami il termine, le palle piene di essere paragonati noi immmigrati italiani anni fa, agli immmigrati di adesso.
Ammetto che anche noi abbiamo portato la mafia e quanta'altro in giro per il mondo, ma hai mai sentito di campi nomadi italiani negli USA o in Brasile? Hai mai sentito di rifugiati religiosi o politici italiani? (A parte quell'idiota di Cesare Battisti).
Io, ma non penso di essere l'unico, sono stufo di sentire stupidi paragoni o frasi fatte dai signori politici, che dipingono tutti gli immigrati come poverelli!!!

Giacomo85 ha detto...

Be' guarda Vale, sul fatto dei centri di accoglienza che divenatano di riconoscimento ed espulsione, non vedo niente di male...
Quante volte si sente ai tg "e' immmigrato clandestino, quindi non segue nessuna legge!".
Poi Vale sono stufo di sentir paragonare noi immmigrati italiani anni fa, agli immmigrati di adesso.
Ammetto che anche noi abbiamo portato la mafia e quanta'altro in giro per il mondo, ma hai mai sentito di campi nomadi italiani negli USA o in Brasile?
Io, ma non penso di essere l'unico, sono stufo di sentire stupidi paragoni o frasi fatte dai signori politici!!!

Wally Rainbow ha detto...

Mhhh... Vedo che il servizio di moderazione post funziona... Bene...Bene... Premesso che la tua è un'opinione legittima, non mi sembra di avere detto che gli immigrati sono tutti santi... Ci mancherebbe... Quello che trovo preoccupante è che si facciano due pesi e due misure, soprattutto considerando che per diventare immigrati dotati di permesso di soggiorno la trafila e le pratiche nel nostro paese sono qualcosa di estremamente complicato e lungo. E bada che parlo di permesso di soggiorno (quello che serve per avere un lavoro regolare) e non di cittadinanza. Diverso sarebbe se i procedimenti e i tempi per ottenere o rinnovare i permessi fossero in linea con quelli del resto dell'Europa, e/o se si mettessero al bando gli immigrati per reati concreti (assieme agli italiani che hanno commesso gli stessi reati). Ti ricordo inoltre che ora i clandestini diventano fuorilegge senza aver commesso alcun reato, mentre persone che si reati ne hanno commessi tanti circolano liberamente per il solo fatto che sono italiani. A me nons embra giusto, poi ognuno ha la sua opionione ovviamente.

Wally Rainbow ha detto...

E comuqnue ci tenevo a sottolineare che in questo pacchetto ci hanno infilato anche l'emendamento su internet... E questo NON depone a favore della loro buona fede.

Ulisse ha detto...

Purtroppo l'italiano ha la testa dura e finchè non si ritrova in galera solo per aver detto che pippo si veste male non capisce che gli stanno togliendo la libertà. La risposta che hai ricevuto ne è la conferma, si concentra sui clandestini (che diciamolo sono solo un pretesto) e non invece sulla limitazione delle libertà individuali.

july ha detto...

@giacomo: a dire il vero chiunque commetta un reato su suolo italiano è giudicato dalla giustizia italiana (a parte i militari statunitensi).
Inoltre posso fare molti nomi di rifugiati all'estero durante la dittatura fascista, i fratelli rosselli, ma anche Enrico Fermi o Rita Levi Montalcini se ne sono andati per persecuzione raziale. Considerando il numero di dittature e guerre che ci sono nei paesi poveri mi stupisco che non si capiscano queste cose visto che le abbiamo vissute 60 anni fa!

Inoltre è noto ad esempio che molti omosessuali nel loro paese natale rischiano la morte e per questo hanno il diritto a chiedere di rimanere qui.

E' veramente spaventoso vedere come ormai l'odio per il diverso pervada tutte le categorie di italiani.

Wally Rainbow ha detto...

E io aggiungo che questa è la prima volta dai tempi delle leggi razziali che una categoria di persone (in questo caso i clandestini) viene considerata fuorilegge non per un reato che ha commesso, ma per la sua condizione. Credo che si tratti di un precedente da non sottovalutare per chi appartiene a una qualsiasi categoria di persone che risponde a una "condizione" di minoranza... Chessò... I gay ad esempio?

Daniele ha detto...

E fu così stupidamente che l'Italia tornò ad essere una dittatura!!!! Ma la cosa che in questi anni mi ha fatto più specie è trovare dei gay che si definiscono filoberlusconiani (e non ho detto di destra in generale!!)... Adesso spero che questi filoCOGLIONI (oddio adesso mi censurano il commento) si renderanno conto quanto staranno tutti peggio! Ma nessuno ha studiato storia a scuola???

Wally Rainbow ha detto...

In questo blog, che reputo un blog civile frequentato da persone civili,sarebbe carino non usare termini offensivi... Detto questo sono uno di quelli che pensa che non sia proprio casuale che certe idee stiano prendendo forma dopo qualche decennio di rincitrullimento mediatico e di assenza di investimenti nelle scuole. Vedremo un po' cosa succederà adesso.

Phayart ha detto...

Il problema dei centri di riconoscimento ed espulsione è che fattivamente sono un'emerita presa in giro, in primis perché dietro la definizione si nasconde un vero e proprio campo di internamento di triste momoria, tipo quello che si trova a Ponte Galeria a Roma.
In seconda istanza perché a norma di legge l'espulsione è fattibile sono verso paese che riconoscano l'identità dei propri cittadini e che abbiano accordi con l'Italia in materia.
Faccio un esempio tipo:
L'internato fornisce delle generalità fasulle, il presunto paese di provenienza non lo riconosce e quindi resta nel centro fino al limite temporale stabilito, poi che succede?
Semplice, viene sbattuto fuori dal centro con un foglio di via... ma verso nessun luogo visto che il suo presunto pese non lo riconosce e quindi non può essere espatriato, morale della favola resta qui... cosa si è risolto?
Nulla.
Se poi consideriamo che ci sono paesi che non ammettono il rimpatrio neanche dei propri cittadini, come ad esempio la Cina, il problema si ingigantisce ancora di più con l'aggravante di avere queste strutture che macinano soldi dei contribuenti tenendo in soggiorno temporaneo i così detti indesiderabili.

loran ha detto...

La legge è stata varata, ma la ragazza aggredita a Napoli è stata pure minacciata quando si è recata in ospedale e il pirata della strada che mesi fa uccise due ragazzi a Roma è stato condannato a 5 anni di prigione, questo tanto per stare sicuri.

giandrea ha detto...

Vale, secondo me non c'è un risorgimento fascista in atto, ma solamente un risveglio fascista, in quanto gli anni tra il dopoguerra e berlusconi in Italia non abbiamo mai avuto un governo stabile che abbia portato avanti una politica alternativa a quella fascista, che ne so, socialista o democratica. Quanti governi sono durati una intera legislatura? La politica del dopoguerra è stata il proverbiale magna magna e le conseguenze le patiamo adesso, in un periodo di crisi, in cui gli estremismi si accentuano (d'altra parte il fascismo è andato al potere proprio in un periodo di crisi).