SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 22 luglio 2009

LA NOTIZIA DI OGGI

Ciao a tutti e ciao a tutte, come state?
La notizia di oggi è di quelle golose, quindi mi scuso se vi arriva con un leggero ritardo dovuto ad alcuni miei problemi personali, tuttavia mi auguro che possa farvi ugualmente piacere, soprattutto se siete lettori di fumetti Marvel di lunga data.
Partiamo dall'inizio: fra le centinaia di supereroi che la Marvel ha creato dagli anni 60 ad oggi (anche se, con altri nomi, era attiva fin dagli anni 40) ce ne sono due in particolare che, per anni e anni, sono stati il simbolo della paura di esplicitare la tematica gay nei fumetti mainstream.
Uno si chiama Shatterstar (vero nome Gaveedra 7), ed è un gladiatore superpotenziato proveniente dal futuro di una realtà alternativa, anche se pare che si tratti del clone di un terrestre (figlio di due noti supereroi e proveniente a sua volta dal futuro) di cui conservava i ricordi e con cui si è fuso mentre era in coma (che casino!). Venne creato da Rob Liefeld nel 1991, periodo ben noto per i fumetti ipercinetici e supermachi (genere di cui Rob Liefeld, all'epoca straseguito e strapagato, era stato uno dei principali esponenti).
Shatterstar entrò quasi subito nel gruppo degli X-Force (che, come potete intuire, era un'emanazione dei più noti X-Men) e lì conobbe il secondo supereroe di cui parliamo oggi: Rictor (al secolo Julio Esteban Richter), un giovane mutante messicano in grado di controllare l'energia sismica. Rictor era "nato" nel 1987, e fino all'arrivo di Shatterstar si era dimostrato il tipico adolescente eterosessuale un po' dongiovanni.Tuttavia quando i due si conobbero scattò da subito un'affinità particolare che quasi subito sfociò in tutta una serie di supposizioni sulla natura non proprio amicale della loro relazione (e alcuni autori giocarono abbastanza bene in questo senso, piazzando una gran quantità di indizi ambigui al riguardo). Le loro strade si sono più volte separate e riunite, mentre Rictor dava prova di avere perlomeno una vita sessuale etero, tuttavia nessuno sceneggiatore osò mettere in chiaro le cose.
Poi è arrivato Peter David.
Ora: per chi non fosse molto addentro al mondo del fumetto seriale statunitense, diciamo che Peter David è stato uno degli scrittori di supereroi più apprezzati dagli anni 80 a oggi. Fondamentalmente perchè è sempre riuscito a mixare più che bene azione e intrecci "classici" con sottotesti psicologici decisamente fuori dal comune, nonchè a piazzare innovazioni e colpi di scena a loro modo rivoluzionari. Oltretutto sembra molto propenso a trattare temi molto delicati e impegnativi, non di rado veri e propri tabù, in particolare quando lavora per la Marvel. Già il suo primo ciclo di storie per questa casa editrice, ad esempio, era incentrato sulla morte di un personaggio minore - ma molto amato - della saga dell'Uomo Ragno (il capitano di polizia Jean DeWolff) e sulle conseguenze emotive che questo lutto causava nei vari personaggi della serie.Anche in seguito Peter David si è sempre dimostrato decisamente aperto sul temi che nessuno aveva mai affrontato prima, basti pensare ad una storia di Hulk in cui rivelava che una delle spalle storiche di questo personaggio (un ragazzo di colore di nome Jim Wilson, che accompagnò Hulk nelle sue avventure per buona parte degli anni 70) stava morendo di AIDS... Hulk (che all'epoca era in una fase "intelligente") finì per accompagnarlo nel trapasso e questa storia è considerata una delle più toccanti (e spiazzanti) mai prodotte fino a quel momento.Per quel che riguarda il tema omosessualità bisogna rendere merito a Peter David di aver fatto scoprire ad uno dei più algidi e freddi personaggi Marvel (la telepate Dragoluna) il proprio orientamento omosessuale, e in questo caso non si trattava esattamente di un personaggio da poco (visto che Dragoluna, pur rimanendo una supereroina di basso profilo e dalla condotta spesso discutibile, è stato un personaggio portante di varie serie fin dal 1973).
In ogni caso il signor Peter David non poteva resistere alla tentazione di spingersi ancora più in là, soprattutto dopo che gli è stata affidata la nuova serie di X-Factor, in cui - guardacaso - si è trovato per le mani Rictor... Infatti sull'ultimo numero della serie, che è uscito giusto in tempo per il mese del gay pride, Peter David ha fatto tornare Shatterstar nella vita di Rictor, in una versione un tantino più dark del solito (forse anche perchè qualcuno gli aveva procurato una sorta di trance omicida).
Comunque Rictor e il loro amico Strong Guy riescono a liberare Shatterstar dalla trance omicida, e quando Shatterstar realizza di avere ritrovato Rictor succede quello che - ormai - non si sarebbe aspettato più nessuno...
Ebbene sì! Dopo quasi venti anni di supposizioni e illazioni varie, Shatterstar e Rictor hanno testimoniato la natura della loro relazione con un bel bacio profondo... Davanti a uno Strong Guy leggermente imbarazzato... Bravi ragazzi e bravo Peter David (che tra l'altro ha tenuto a precisare che non si è trattato di uno scherzo e che non c'è sotto nessun trucco)! Ammetto che vedere questa cosa, quando ormai ci avevo messo una pietra sopra, è stato decisamente rincuorante. Ovviamente questa storia ha provocato una buona dose di reazioni sia fra i lettori (divisi fra pro e contro, ma per la maggior parte a favore) che fra gli addetti ai lavori, ma sempre con toni estremamente pacati e corretti. A partire da Rob Liefeld (che vedete nella foto qui sotto).Rob Liefeld ha voluto precisare che, anche se non ha niente contro i gay (ovviamente! Basta che non esistano...), quando ha creato Shatterstar non ha mai pensato che fosse gay, e rivendicandone la paternità ha apostrofato negativamente questa operazione, sostenendo che è una forzatura e ribadendo che Shatterstar non può essere omosessuale. Ha anche aggiunto che, per come la vede lui, il fatto che Shatterstar sia gay è assolutamente inverosimile. A questa dichiarazione ha voluto ribattere l'attuale direttore artistico della Marvel, Joe Quesada (foto sotto).
Il rubicondo signor Quesada è intervenuto in modo molto pragmatico, dicendo che la polemica non ha molto senso, visto che Shatterstar - anche se è una creazione di Rob Liefeld - è un personaggio Marvel, e solo alla Marvel spetta di decidere come gestirlo, anche perchè Liefeld ha seguito il personaggio solo all'inizio della sua vita fumettistica, dopodichè è stata la Marvel a portarlo avanti. A lui l'omosessualità di Shatterstar andava bene, e quindi ha dato la sua approvazione editoriale. Punto.
In ogni caso l'intervento più interessante è arrivato proprio da Peter David, che ha così motivato la sua decisione:
"Da quando ho iniziato a lavorare su Rictor tantissimi fans mi hanno chiesto di fargli avere una relazione con Shatterstar e io mi sono detto "Perchè no?". Inoltre avevo in programma di riunire i due personaggi e quindi mi trovavo di fronte a tre opzioni:
1) Continuare a "giocare" con la situazione in modo ambiguo e senza esplicitare nulla.
2) Rivedere daccapo i due personaggi, ignorare le allusioni precedenti e farli diventare entrambi etero.
3) Esplicitare la loro relazione.
Alla luce dei movimenti anti gay come quelli che hanno portato alla PROPOSITION 8 in California (ovvero alla proibizione di celebrare matrimoni gay in quello stato), l'opzione numero uno mi sembrava una vera e propria presa in giro (se non un vero e proprio insulto) per i lettori omosessuali. La seconda opzione non era nelle mie corde, e inoltre non era coerente con gli indizi seminati dagli scrittori che mi hanno preceduto... Quindi l'opzione numero 3 era l'unica che mi rimaneva. Capisco la reazione di Rob, e mi sembra tanto simile a quella dei genitori che non si rassegnano ad avere dei figli omosessuali anche dopo che questi si sono dichiarati. Tuttavia trovo deplorevole il fatto che Rob non possa accettare il fatto che, poichè Shatterstar è un guerriero supermacho, non possa essere gay. Alessandro Magno potrebbe rivoltarsi nella tomba per un'affermazione simile! Forse Rob non conosce tanti militari gay, o magari li conosce senza saperlo perchè i militari sono tenuti a tenere la bocca chiusa al riguardo per non rischiare di essere espulsi dall'esercito. Forse vorrebbe che anche nell'universo Marvel le cose andassero così. A parte questo io trovo più inverosimile il fatto che un guerriero possa provenire dal futuro di una dimensione alternativa, che non il fatto che possa essere gay."
WOW! Questa si che è una presa di posizione gay-friendly, vero? Ora non ci resta da fare altro che seguire gli sviluppi di questa nuova coppia gay "ufficiale" della Marvel, e non è detto che - per ripicca - Peter David non gli dia più spazio di quello che pensava di dargli all'inizio. Magari anche in vista del numero 50 della nuova serie di X-Factor, che uscirà fra qualche mese e che già dalla copertina promette bene (ingranditela cliccandoci sopra e guardate la posa di Rictor e Shatterstar in alto a sinistra).
Tutto questo, dal mio punto di vista, sarebbe una cosa decisamente positiva (anche perchè l'onda lunga di questa scelta prima o poi giungerà anche da noi e nelle nostre edicole). Voi che ne pensate?
IMPORTANTE: Se guardate in alto a destra troverete, proprio in cima e in bella vista, degli annunci pubblicitari. Cliccandoci sopra ogni volta che passate di qui potete contribuire al mantenimento di questo sito senza spendere nulla. GRAZIE.

16 commenti:

Phayart ha detto...

La cosa più sorprendente è che a gente come Rob Liefeld diano ancora credito, è famoso più per la pochezza delle sue storie e la congenita incapacità di disegnare un'anatomia decente che come creatore di personaggi.
Sul suo presunto assioma "se è un guerriero non può essere gay" ci sarebbe molto da dire, ma forse constatare che la sua preparazione in storia bellica è paragonabile a quella come disegnatore descrive già il tipo.

Mauro Padovani ha detto...

Ottimo David! si dimostra uno dei migliori autori Marvel!

Pedroxy ha detto...

Che bella notizia, con questa coppia sembra che l'universo mutante si stia popolando sempre di più di personaggi gay. Non vedo l'ora di leggere queste storie in italia... Sempre che non vengano tagliate dagli amici della Panini, ma non credo che possano ignorare dei numeri così importanti di X-factor!

Saluti

Wally Rainbow ha detto...

Tranquillo, il direttore della Panini non applicherà mai censure di questo tipo! Sarebbe come aspettarsi che un gelataio goloso di cioccolato smettesse di tenere il cioccolato in gelateria :-)

Phayart ha detto...

Mm... scritto così sembrerebbe una sommessa rivelazione riguardo a certi gusti... si sono malizioso e fa caldo che sparlo! :D

Wally Rainbow ha detto...

Io non ho detto nulla... E poi il cioccolato piace anche a me :-P

Darkshine ha detto...

Questa si che è una notizia :) finalmente un po di chiarezza ... quello di shatterstar e rictor è sempre stato una specie di segreto di pulcinella, tutti lo sapevano ma nessuno lo diceva apertamente e finalmente ... :)
la marvel mi sta davvero maravigliando parecchio ultimamente, i personaggi gay stanno emergendo anche non tanto lentamente :) dopo lo storico northstar, ora anche una serie di "giovani" stanno finalmente uscendo allo scoperto, da wickan e hulking dei giovani vendicatori ad anole e il recentissimo graymalkin degli x-men e la cosa ottima secondo me è la serenità con cui vivono la loro omosessualità, messaggio non da poco :)
mancherebbe solo un piccolo chiarimento su un glaciale personaggio di grande rilievo fra gli x-men e sul quale in passato sono state fatte anche pesanti allusioni :)

Pedroxy ha detto...

Darkshine puoi esplicare per favore? Io sono un lettore degli X-Men relativamente da poco (HoM) a cosa ti riferisci?

Comunque era proprio quello che volevo sentirmi dire da Wally...
Il cioccolato piace anche a me =8)

Albireo ha detto...

Darkshine a quale personaggio ti riferisci?? ^^

scusatemi io purtroppo non seguo tantissimo il mondo Marvel ma precisamente quali sono le coppie gay??

Wally Rainbow ha detto...

Per come la vedo io il mondo Marvel è talmente complesso che gli si potrebbero dedicare dei corsi universitari... E infatti la Marvel periodicamente edita una specie di enciclopedia per orientarsi meglio al suo interno. Detto questo trovate tutti i personaggi citati su wikipedia, con un po' di pazienza :-)

Darkshine ha detto...

Mo mamma ... io seguo principalmente solo il filone mutante (x-men, x-factor, x-force etc etc) e non saprei proprio elencare tutte le coppie gay dell'universo marvel ma fra le piu famose ci sono sicuramente Mystica e Destiny (defunta parecchi anni fa e commemorata in nel toccante "Terzo Tributo"), ci sono state nella serie eXile Sole Ardente e la Donna Ragno, e nella serie X-statix di Milligan era pieno di gay, da vivisector a phat che pur essendo entrambi gay hanno finto di essere una coppia per fattori di audience :) pero effettivamente Coppie con la C maiuscola ne ricordo poche :( nei nuovi vendicatori Wiccan e Hulking sono ufficialmente fidanzati ma oltre non mi sovviene nulla, anche se visti i recenti sviluppi non si puo certo esculdere che Anole e Graymalkin non diventino amici e ... ;)

Darkshine ha detto...

Chiedo umilmente scusa ma mi sono fatto travolgere dall'entusiasmo di aver trovato un blog cosi interessante e ben curato e sono stato un vero maleducato a non salutare almeno il padrone di casa :)
Tutti i miei piu calorosi complimenti per il tuo lavoro Wally sei davvero un grande fummettista e anche un ottimo giornalista :)

Luca ha detto...

Bello, mi piace :)

Wally Rainbow ha detto...

Grazie per i complimenti! :-)

Nico ha detto...

Stavo per chiedere perche lei non aveva ancora scritto la sua reazione su questo dibattito

Bel rapporto della situazione, anche se non mi sembra che Liefeld abbia detto proprio questo... ha avuto una reazione pubblica tipo tutte le reazione di omofobi che non sanno neanche di essere omofobi (-bici ? non mi ricordo l'italiano per questa parola), tipo "ci sono gay, ho famiglia gay, ci sono guerrieri gay, ma non shatterstar". Buffo, pero non credo che ci sia cattiveria, solo ignoranza e orgoglio... Liefeld tutto somato.

Wally Rainbow ha detto...

Ciao caro lettore straniero (non sare il "lei" con me, è troppo serio). Per non annoiare il pubblico ho cercato di fare un po' il riassunto, grazie per la tua preziosa precisazione :-)