SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

mercoledì 9 luglio 2014

IL RITORNO DI SHE-RA!

Ciao a tutti, come va?
Ormai è da diverso tempo che non torno a parlare della nuova serie a fumetti che la DC Comics ha deciso di dedicare al franchise MASTERS OF THE UNIVERSE, nato - ovviamente - dalla linea di giocattoli ideata dalla MATTEL negli anni '80. La suddetta serie, che da qualche mese viene pubblicata mensilmente anche in Italia dalla RW LION, si proponeva di attualizare situazioni e personaggi di una serie cult, che ai suoi tempi divenne un piccolo fenomeno di costume, ma con scarsi risultati.
Infatti negli USA le vendite della serie a fumetti continuano a calare.
I motivi sono diversi: da una parte il fatto che la DC Comics ha preferito ignorare l'imponente serie celebrativa che tiene banco da qualche anno (e che peraltro, a sua volta, ha riscritto in maniera organica le vicissitudini della saga tramite le "schede dei personaggi" dietro ogni confezione)...
Dall'altra il fatto che non ha saputo creare trame particolarmente coinvolgenti, oltretutto senza preoccuparsi di approfondire più di tanto il passato di questi personaggi, che di fatto NON sono quelli canonici, e che pertanto fanno sentire abbastanza a disagio chi conosceva a menadito le loro versioni tradizionali. Inoltre c'è stata anche una certa superficialità di fondo da parte della DC Comics, che non ha capito che - soprattutto con l'apporto della serie animata della FILMATION - uno dei motivi di maggiore appeal di questo marchio era il suo approccio non sessista e (più o meno consapevolmente) gay friendly. Purtroppo la nuova serie DC Comics, oltre a rivistare pesantemente il look dei personaggi, non ha prodotto niente di particolarmente innovativo rispetto ad un qualsiasi fumetto fantasy (o, per la precisione, science-fantasy), e - soprattutto - non ha saputo proporre figure femminili forti e personaggi maschili sfaccettati, tradendo lo spirito della serie originale e riducendo notevolmente il potenziale di questo prodotto.
La cosa interessante, e di cui vi avevo già parlato, è che alla DC Comics - paradossalmente - hanno gradualmente incanalato la serie sui binari del maschilismo più banale... Arrivando a scoprire sempre di più i personaggi femminili... Mentre coprivano in maniera imbarazzante il protagonista principale...
Quasi a voler prendere esplicitamente le distanze dai sottotesti gay friendly che He-Man ha sempre mostrato esponendo alla pubblica ammirazione il suo fisico massiccio, sottolineato dalla sua pettorina in stile harness sadomaso... Che negli ultimi numeri, oltre ad essersi "allargata" va ad integrare uno smanicato molto pudico, in tinta con un paio di pantaloni un po' fuori luogo...
Sicuramente non è solo una questione di pettorali (e addominali, e deltoidi e tutto il resto) in bella vista, ma realizzare una storia a fumetti basata su personaggi ben delineati per poi snaturarli non è esattamente un'idea geniale. E siccome mi rifiuto di credere che alla DC Comics siano stati così ingenui da fare una mossa del genere senza pensarci bene prima, sono portato a pensare che si sia trattato di una vera e propria strategia finalizzata a liberare questo franchise dai suoi sottotesti gay friendly per raggiungere un pubblico che fosse il più vasto possibile.
Una strategia che, a quanto pare, è risultata fallimentare, e forse hanno iniziato a rendersene conto anche alla DC Comics, tant'è che ultimamente sembrano intenzionati a tornare sui loro passi... Infatti He-Man, proprio a partire dal numero questo mese, ha ripreso ad essere un po' più scoperto (pur continuando ad indossare quegli orribili pantaloni rossi), e la copertina dell'albo - guardacaso - ne mette in risalto la prorompente fisicità...
Inoltre nei prossimi numeri la DC Comics ha deciso di riscrivere le origini della sorella gemella del protagonista, che era stata ideata proprio dalla FILMATION nei primi episodi della serie a lei dedicata (e che poi vennero raccolti nell'interminabile lungometraggio "IL SEGRETO DELLA SPADA")... Ovvero quella She-Ra che, se possibile, è stata capace di entrare nel cuore della comunità gay (e lesbica) ancor più di He-Man. In realtà nella serie DC Comics il suo alter ego (l'inconsapevole principessa Adora) aveva già fatto la sua comparsa in una versione decisamente più cupa, nelle vesti dello spietato capitano delle armate Horde, di nome Despera...
Tuttavia, in considerazione della piega che stava prendendo la serie, non era affatto scontato che successivamente sarebbe arrivata una nuova versione di She-Ra, visto che - ed è bene ricordarlo - la FILMATION progettò la controparte femminile di He-Man in funzione di una linea di giocattoli per bambine... E anche se She-Ra e la sua saga fanno parte a tutti gli effetti del mondo di He-Man solo in anni recenti è riuscita a superare (in parte) i pregiudizi che l'hanno sempre accompagnata (e tenuta a debita distanza dal merchandising in cui compariva il suo più noto fratello).
Quindi anche il fatto che, proprio in questi mesi, la serie a fumetti sarà incentrata sul processo di redenzione della principessa Adora (che ora si presenta in una versione androgina decisamente lesbo friendly), potrebbe essere letto come un primo segnale di apertura da parte della DC Comics verso i sottotesti LGBT della serie... Se non altro per cercare di recuperare i lettori persi finora...
Il tutto, comunque, dovrebbe culminare a ottobre (sempre che la serie non venga chiusa prima), con il debutto ufficiale della nuova versione di She-Ra, che entrerà a tutti gli effetti nel cast della nuova serie dei MASTERS OF THE UNIVERSE proposta dalla DC Comics...
E a questo punto la DC Comics si troverà ad un bivio: o continuerà a proporre questa serie come ha fatto finora, col rischio di continuare a perdere lettori fino all'inevitabile chiusura, oppure dovrà sforzarsi di riverdere il suo approccio anche alla luce del fatto che buona parte del grande successo di He-Man e She-Ra fra gli appassionati non è dovuto alle battaglie e alle ambientazioni, ma alla caratterizzazione innovativa che seppe dargli la serie animata della FILMATION, comprensiva di ammiccamenti e sottotesti gay friendly...
Staremo a vedere cosa succederà e se l'arrivo di She-Ra segnerà la svolta oppure no...

Alla prossima.

1 commento:

Luca ha detto...

parlando di ritorni, ma tu proprio hai appeso la matita al chiodo eh? :(

C'è ancora una minima speranza di vedere la continuazione di Robin Hoog o Rainbows?