SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

sabato 1 dicembre 2012

IL VIDEO DELLA SETTIMANA

Ciao a tutti e ciao a tutte, come va?
Fedele al mio proposito dedico tutti gli aggiornamenti musicali da qui alla fine dell'anno a quei giovani cantanti che hanno fatto dell'eccentricità e del transgenderismo il loro motivo di orgoglio. Oggi, in particolare, vi parlo di un nome decisamente noto nell'ambiente LGBT, che ha fatto del rosa il suo colore distintivo: infatti mi rieferisco Jeffree Star...
Nato nel 1985 come Jeffrey Lynn Steininger, a Los Angeles, ha avuto una vita non proprio lineare: suo padre muore quando aveva solo 6 anni, mentre sua madre - una modella abbastanza quotata - non regge ed inizia ad avere problemi di alcolismo. Fin da piccolo dimostra una grande passione per il make-up e alla fine convince la madre a lasciargli frequentare una scuola specializzata, dove diventa la cavia di se stesso.
Nel frattempo inizia  a lavorare come modello e animatore, accentando anche di lavorare come truccatore nel mondo del porno, e nel frattempo inizia una brillante carriera di "imbucato" nelle feste più esclusive di Los Angeles, proponendosi come truccatore a tutte le celebrità che incontra...
A partire dal 2006 diventa una vera e propria web celebrity e alcuni amici gli propongono di iniziare a cantare dei brani da discoteca. L'esperimento ha successo e da allora la carriera musicale non si è mai interrotta. Il brano che vi presento oggi è una satira del clima che si respira nei balli di fine corso che si tengono nei licei americani...
Inutile dire che col clima che si respira in Italia un artista del genere difficilmente potrebbe trovare posto, e presumibilmente anche il mondo gay potrebbe non vederlo di buon occhio, visto che metterebbe in luce quanto sono rimaste indietro le drag queen e i performer che animano le discoteche gay del nostro paese...
Ma tant'è...
Alla prossima.  

Nessun commento: