SE COMPRI SU AMAZON.IT PASSANDO DA QUESTI LINKS RISPARMI E SOSTIENI QUESTO SITO!

Libri o fumetti in inglese? Qui niente spese di spedizione e dogana, solo sconti pazzi!

VUOI AGGIUDICARTI UN DISEGNO ORIGINALE DI WALLY RAINBOW?

PREMIO GLAD 2017

Vuoi seguire questo blog dalla tua e-mail? Inserisci il tuo indirizzo!

martedì 6 maggio 2008

LA RIFLESSIONE DI OGGI

In Italia è stato appena pubblicato un fumetto avente come protagonista un gay dichiarato. Ovviamente non si tratta di un fumetto realizzato in Italia. Il fumetto in questione è un volumetto che raccoglie il primo ciclo delle avventure in solitario del supereroe gay Midnighter, che prima si era visto agire solo nel gruppo Authority (assieme a suo marito, il supereroe Apollo). Non anticipo più di tanto perchè vorrei farne una recensione per Gay.It prima o poi. Diciamo che Midnighter, per una volta senza l'ingombrante presenza del compagno, dà bella prova di sè e delle sue capacità (non a caso il titolo del volume è "macchina per uccidere"). A questo punto dovrei sottolineare quanto questo personaggio sia diverso dallo stereotipo gay: un personaggio macho fino alla nausea, cinico, cruento, spietato, violento coi nemici fino a sfiorare il sadismo...Anche se molto spesso sono le situazioni estreme in cui si ritrova a motivare il suo comportamento non proprio esemplare. Per quanto animato dal suo particolare senso di giustizia, e pur avendo un suo codice morale, è un personaggio molto dark e lontano anche dal classico concetto di supereroe. Devo essere sincero, questi fumetti post-moderni hanno un loro fascino, ma non possono fare a meno di disorientarmi...Ci sono personaggi troppo verosimili e pieni di difetti per essere digeriti con facilità, ma d'altra parte è anche questo il loro bello...E a dire la verità personaggi come Midnighter, a lungo andare, possono riservare delle sorprese e diventare persino simpatici. Resta il fatto che Midnighter è la prova tangibile che le cose possono cambiare. Mi riferisco al fatto che la DC Comics, prima di lanciare un personaggio gay come Midnighter nella sua linea Wildstorm, aveva inaugurato la sua politica gay-friendly nel 1988 con un supereroe di tutt'altro genere: Extrano.
Il suddetto personaggio a suo tempo fece molto discutere perchè, oltre a fare apprezzamenti espliciti nei confronti dei fondoschiena di diversi supereroi, fu primo caso in assoluto di supereroe gay dichiarato in un fumetto mainstream.
Certo, c'era almeno un altro supereroe "sospettato" di essere omosessuale (Northstar della Marvel), ma avrebbe fatto il suo coming-out solo nel 1991. In ogni caso Extrano comparve durante la saga Millenium, in cui - molto in sintesi - degli alieni avevano selezionato alcuni terrestri per concedere loro dei poteri in grado di preservare l'universo. Fra questi c'era anche un gay peruviano di nome Gregorio de la Vega, selezionato per diventare il supermago Extrano (in realtà si trattava di un vero e proprio scherzo di cattivo gusto, visto che il termine spagnolo Extrano significa "strano", ovvero "strange" in inglese, e il Dr. Strange è il mago supremo nei fumetti Marvel, diretta concorrente della DC Comics). Fatto sta che il povero Gregorio è stato tratteggiato in maniera estremamente stereotipata: non più giovanissimo, effemminato fino all'eccesso, depresso, vistoso, rintronato, emotivamente instabile...E dagli amici si faceva chiamare "zia". Come se non bastasse più avanti è saltato fuori che era anche sieropositivo (della serie "non facciamoci mancare nulla").
Probabilmente non è un caso se il suddetto personaggio è sparito nell'oblio quasi subito e se anche un suo tentativo di rilancio si è risolto in un nulla di fatto...Anche a causa delle lamentele dei lettori gay. La DC Comics ha indubbiamente corretto il tiro, e di questo bisogna prendere atto. Merito anche di una comunità gay che, negli Stati Uniti, ha puntato molto sulla visibilità e sull'integrazione, tant'è che ora ci sono anche tanti gay dichiarati che sono apprezzati sceneggiatori e disegnatori di fumetti...Sono persino indetti dei premi per chi valorizza l'immagine gay presso il grande pubblico e ci sono associazioni che protestano se in certi fumetti viene data una rappresentazione troppo stereotipata e inverosimile della comunità GLBT. In Italia le cose non vanno esattamente in questo modo, e la maniera in cui vengono rappresentati i (pochi) gay che compaiono nei fumetti italiani "popolari" da edicola può essere indicativa. Ci sono delle isole felici fra i fumetti che escono in fumetteria e libreria, ma rimangono un fenomeno troppo limitato e sporadico per fare dei paragoni con quello che succede nel mercato statunitense. D'altra parte la speranza non muore mai...

1 commento:

andrea madalena ha detto...

più che extrano direi extrainquietante! fortuna che è stato cassato!